Vaso di Pandora

L’inconscio e il suo destino dopo Freud

Commento all’articolo di Massimo Ammaniti apparso su La Repubblica il 25 maggio 2016

L’Autore ci mostra l’attuale ampliamento del concetto di inconscio rispetto a quello freudiano: non solo quello dinamico rimosso dalla coscienza, ma una più ampia espressione di particolari modalità di funzionamento, come la conoscenza implicita.

Fa presente che già prima di Freud autori ottocenteschi come Stevenson avevano prestato forte attenzione all’inconscio; a parte i ben noti riconoscimenti di Freud stesso a Nietzsche e Schopenhauer.

Ma forse si può risalire ancor più indietro, e proprio in riferimento alla concezione estensiva dell’inconscio. Schelling: “I morti e inconsci prodotti della natura non sono se non dei conati falliti della natura per riflettere sé medesima; la cosiddetta natura non è se non una intelligenza immatura; perciò nei suoi fenomeni traluce, ancora allo stato inconscio, il carattere intelligente.

La natura raggiunge il suo più alto fine, che è divenire obbietto a sé medesima, con l’ultima e più alta riflessione, che non è altro se non l’uomo o ciò che noi chiamiamo ragione…”. Schelling prosegue il discorso portandolo alle sue conseguenze radicalmente idealistiche: la natura è sin dall’origine spirito, e di ciò diviene gradualmente consapevole. Non lo seguiamo fin lì, certo; ma dobbiamo riconoscere come di questo filone di pensiero fa parte l’intuizione che sotto la psiche cosciente esiste allo stato inconscio quel che lui chiama un “carattere intelligente”.

Non siamo lontani, mi pare, dal concetto di inconscio delineato da Ammanniti, quale “struttura mentale coesa e attiva che ci aiuta a valutare continuamente le esperienze che viviamo”. Nitido anche il possibile riferimento a Leibniz con il suo concetto di “percezioni insensibili” che “formano quel non so che, quei gusti, quelle immagini delle qualità sensibili, chiare nell’insieme ma confuse nelle parti: quelle impressioni che i corpi che ci circondano fanno su di noi e che involgono l’infinito; quel legame che ciascun essere ha con il resto dell’universo”.

Fra Leibniz e Schelling si inserisce tuttavia un insieme di movimenti che saranno la base dell’Illuminismo. L’empirista Locke nega alla radice il concetto di inconscio, come logicamente contraddittorio: ogni fenomeno mentale di cui siamo a conoscenza empirica è, per definizione, cosciente.

Agli illuministi il concetto di inconscio non poteva piacere poiché pareva incrinare il primato della ragione: di una ragione, di fatto, non ancora attrezzata per occuparsene. E’ una posizione che sopravvive in qualche modo nel “buon senso” comune, e che ci rende non così immediata l’accettazione di una mente inconscia. Del resto, lo stesso Jaspers in qualche modo vi aderiva, svalutando il concetto di inconscio che definiva una modalità di comprensione “come se”: non più che una ipotesi.

Freud ha trovato, in questa miniera, un filone collaterale ricco di minerali preziosi: l’inconscio come luogo di contenuti mal tollerati dalla mente cosciente, con i suoi codici e le sue simbologie. Grande concezione, e tuttavia non esaustiva.

Il movimento attuale di cui ci parla Ammaniti allora è forse in qualche modo il ritorno a una concezione più ampia, non proprio nuova quindi ma certo nutrita, come lui rileva, dalle nuove acquisizioni delle neuroscienze e dalla ricerca sulla mente infantile. Ancora una volta, il pensiero filosofico ha indicato strade che altri prima o poi hanno percorso. Non per caso: il suo prescindere da consolidate metodologie e tecnologie ne compromette la capacità di verifica ma amplia quella di iniziativa e di esplorazione.

Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
Frasi di psicologi famosi
26 Febbraio 2024

Le 10 frasi più belle di psicologi famosi

L’ambito della psicologia, con le sue profonde intuizioni sul comportamento umano e sulla mente, ha fornito al mondo un’abbondante collezione di pensieri e riflessioni significative. Gli psicologi di fama mondiale, attraverso il loro impegno costante…

L'effetto dei social media sui giovani
26 Febbraio 2024

L’effetto dei social media sui giovani

Ancora prima di affrontare l’articolo affiora un ricordo: forse tredicenne, torno a casa, un pomeriggio dopo la scuola, e all’ingresso registro qualcosa di diverso. Sul telefono grigio della SIP, sul disco, c’è un lucchetto.

Tabellone bianco con frase motivazionale
26 Febbraio 2024

Come diventare coach motivazionale

Il coach motivazionale è una figura che affianca l’individuo per conoscere i meccanismi della sua motivazione e per imparare a riconoscerli, in modo tale da imparare ad ascoltare il corpo e la mente così da…

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Attualità
Leggi tutti gli articoli
L'effetto dei social media sui giovani
26 Febbraio 2024

L’effetto dei social media sui giovani

Ancora prima di affrontare l’articolo affiora un ricordo: forse tredicenne, torno a casa, un pomeriggio dopo la scuola, e all’ingresso registro qualcosa di diverso. Sul telefono grigio della SIP, sul disco, c’è un lucchetto.

25 Gennaio 2024

Facciamo caso…

In un recente articolo, pubblicato sul Corriere della Sera, una delle scrittrici italiane più vivaci, racconta di avere fatto delle ipotesi a proposito di alcune sue problematiche odierne, quali non riuscire ad abbracciare il marito…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd