Vaso di Pandora

Iris

Breve commento alla raccolta di favole di Francesco Bollorino

Questa piacevole, piccola raccolta di favole racchiude l’essenza bambina e giocosa di un professionista che ha la passione per la diffusione e la divulgazione della cultura, intesa come conoscenza e di ciò ne ha fatto un completamento importante al proprio mestiere di psichiatra, attraverso la creazione di un’importante e antesignana rivista on-line di psichiatria.

Con la psichiatria apparentemente “Iris” c’entra poco.

Come in tutte le favole, le storie sono brevi ed hanno protagonisti che rappresentano immediatamente alcuni caratteri umani, con qualità, difetti, vizi e virtù comuni agli uomini.

Attraverso un linguaggio semplice, esprimendosi al passato remoto, con dialoghi frequenti, le narrazioni indicano il distacco con un passato, un tempo indefinito e lontano di cui resta però un insegnamento.

La morale è precisa e l’ autore riesce a lanciare un messaggio chiaro al lettore, messaggio che può essere adattato alla lettura di un adulto così come di un bambino, al quale le favole del dr. Bollorino possono essere tranquillamente lette perché curiose ed argute anche per un bimbo dell’era digitale.

Ho detto che con la psichiatria “Iris” c’entra poco, ma a meglio pensarci, può invece delicatamente rappresentare “ l’altra faccia della medaglia” di un terapeuta che, una volta tanto , vuole divertirsi a disegnare i pazienti e le loro caratteristiche con un po’ di umorismo e soprattutto sempre con la speranza di un futuro migliore.

I personaggi di “Iris” sono principi tristi, bambini soli, animali incompleti ed incompresi, che, grazie a qualcuno (entità o persona), attraverso una presa di coscienza faticosa ma autentica, riescono a liberarsi da un limite, un freno, una menomazione a favore di un processo trasformativo di crescita.

La lettura dopo una giornata di lavoro, contribuisce a ricreare nel lettore un contatto con il mondo lieve della fantasia e della semplicità.

Ricordo la lettura delle fiabe e delle favole da bambina o il racconto che ascoltavo dai miei genitori o dalla nonna di quelle che in piemontese vengono definite “quinte”; mi davano pace e mi disponevano alla serenità, magari dopo aver provato timore e curiosità per i protagonisti , esseri fantastici rincorsi da streghe, mostri o calamità naturali.

La stessa sensazione ho provato nella lettura del libretto. Se l’intento di Bollorino era quello di metterci e mettersi nuovamente in contatto con la nostra/sua parte bambina, direi che vi è pienamente riuscito.

Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
L'acquisizione di maturità
23 Luglio 2024

L’acquisizione di maturità

Ogni anno, a giugno, il tema degli esami di maturità torna sui giornali con le  previsioni e i commenti sugli argomenti dei temi, con le interviste agli esperti che suggeriscono le strategie di studio e…

Scala Griffiths cosa è
23 Luglio 2024

Scala Griffiths: valutazione dello sviluppo infantile

La scala Griffiths è uno strumento fondamentale per la valutazione dello sviluppo infantile, utilizzata da decenni in ambito pediatrico e psicologico. Sviluppata negli anni ’50 da Ruth Griffiths, questa scala rappresenta un punto di riferimento…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Cultura
Leggi tutti gli articoli
I tuffi nella storia dell'arte
17 Luglio 2024

I tuffi nella storia dell’arte

La parte più ampia dell’opera di Jan Neer ritrae paesaggi, bagnanti, scene di spiaggia, stabilimenti. È una produzione legata alla vendita delle cartoline, spesso da lui stesso stampate, per il ricordo dei luoghi, la testimonianza…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.