Vaso di Pandora

IL TERRORISTA, NON SEMPRE UNO PSICOPATICO

Commento alla notizia ANSA del 25 Marzo 2016

IL TERRORISTA, NON SEMPRE UNO PSICOPATICO

di Pasquale Pisseri

Benvenuta questa conferma, basata su dati scientificamente elaborati, a quanto si poteva supporre: la superficialità di un’attribuzione del comportamento terroristico a una psicopatologia individuale.
In realtà, questo problema si trova al crocevia di una serie di topiche importanti quanto complicate e piene di sfaccettature.

Intanto, dovremmo controllare la ricorrente tendenza a ritenere folle chi ci è nemico o comunque portatore di posizioni fortemente alternative alle nostre; fra l’altro, per quanto riguarda noi tecnici della salute mentale, essa è stata ed è tuttora fonte di una possibile compromissione della psichiatria con il potere politico, che si era pienamente dispiegata nella URSS di Stalin ma non è stata e forse non è assente nella nostra società.

Ha offerto il fianco alla reazione antipsichiatrica che aveva buttato il bambino insieme all’acqua sporca, pretendendo di ridurre la psicopatologia a dissenso politico e di equiparare la psichiatria a un dispositivo repressivo.

Ho parlato di Stalin, ma ben sappiamo come proprio lui, a lungo oggetto di adorazione acritica, abbia poi finito con l’essere ritenuto folle, e non da pochi. Abbondavano, infatti, nella sua personalità valenze paranoicali che peraltro, lungi dall’isolarlo ed emarginarlo, gli hanno spalancato la via del potere e non gli hanno impedito di condurre una enorme nazione da una condizione di sottosviluppo a uno status di superpotenza. Un discorso in parte parallelo ( a parte l’esito) si può fare per Hitler, nel cui caso si profila in modo più netto il problema del rapporto fra patologia mentale individuale e patologia sociale. La sua visione persecutoria del mondo ebraico è stata una paranoia individuale imposta all’intera Germania? O al contrario espressione individuale di una patologia sociale su base nazionale? O l’uno e l’altro, in un gioco di rimandi fra collettivo e personale? Può essere interessante confrontare le vicende di questi personaggi a quelle di un leader folle che ha avuto incomparabilmente meno seguito e una fortuna molto più limitata nel tempo: è stato l’italiano David Lazzaretti, visionario “profeta” ucciso dai militari nel 1878 mentre guidava una processione dei suoi non pochi seguaci.

Quindi non si può negare che in un certo numero di casi dei leader opportunistici con tratti caratteriali abnormi – antisociali, paranoidi, borderline – possano emergere dapprima come salvatori e poi, se hanno successo, come despoti; ma ridurre il problema nell’ambito della patologia individuale sarebbe evidentemente riduttivo.

Connesso al rapporto della follia con il potere e l’ordine sociale è quello di questi con il crimine, poiché nessun ordine sociale può fare del tutto a meno di un momento di costrizione implicante una violenza quanto meno virtuale, in certi momenti mal distinguibile da quella delinquenziale. Cesare Borgia è stato un delinquente oppure un grande e sfortunato statista come pensa Machiavelli? Foucault ci ha ricordato che ogni potere è criminale, e il feudatario giapponese protagonista di quel gran film che è Kagemusha di Kurosawa definiva sé stesso “il più grande criminale”. Fenoglio, egli stesso convinto partigiano, non ha temuto di dissacrare quel movimento analizzando la trasformazione di Ettore, protagonista de “La paga del Sabato”, da partigiano in delinquente comune.

L’illuminismo con Montesquieu ha inventato la possibilità di limitare l’arbitrarietà violenta del potere, con la divisione dei poteri: legislativo, esecutivo, giudiziario. Su essa si fonda l’ordinamento dei paesi liberal-democratici. Non impedisce tuttavia quella grande follia collettiva che è la guerra, che solo da poco più di un secolo è divenuta, come dire, egodistonica alla nostra società: la pratichiamo tuttora ma di malavoglia, con imbarazzo e vergogna. È oggetto di riflessioni psicologiche almeno dal tempo della classica corrispondenza cui Einstein ha indotto un perplesso Freud. Sembra certo che abbia come precondizione un certo grado di paranoia collettiva, che ci fa dimenticare la qualità umana e la somiglianza a noi del nemico fino a farcene una immagine perfino mostruosa: si innesca così un feedback di reciproche atroci violenze che provvedono a rafforzare la visione paranoicale. Forse questa è indotta manipolativamente da chi vi ha interesse; ma certo trova terreno fecondo nel mondo interno degli uomini qualunque. Lo dice Fornari in “Psicanalisi della guerra”: la guerra oltre a difenderci dal nemico esterno reale, lo fa da un terrificante nemico interno. E lo Stato sovrano si basa sulla necessità di esportare la morte.

L’altra dimensione molto inquietante del terrorismo è il suicidio, e anche qui il discrimine fra patologia individuale e dimensione etica propria di un contesto non è facile da tracciare. La valutazione propria della nostra cultura si ferma un millimetro prima del suicidio vero e proprio, ammettendo – come nel caso di Pietro Micca e di tanti eroi di guerra – la liceità di un rischio estremo di morte ma non della sua diretta ricerca. Ma non in tutte le altre culture questo limite è sempre stato rispettato: basta pensare ai suicidi etici sostenuti dalla scuola stoica e attuati da tanti personaggi del mondo classico. E poi i kamikaze, che hanno trovato la loro ispirazione nel seppuku (o harakiri) dei samurai. Non condividiamo affatto la loro visione del mondo, ma è difficile definirli folli…

A volte la riflessione critica non conduce affatto a un giudizio, ma piuttosto alla sua sospensione: in questo garbuglio, non riesco ad andare oltre alla posizione dubitante di Gianni Giusto, che sospende il giudizio sui terroristi suicidi. Eroi o folli? Mah… Mi ricordo di un paziente mentale “certificato”, seguito dal Servizio, che in Libano era stato decorato per un atto eroico. Immagino ci sarà dentro un po’ di tutto…

Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
False credenze sulla psicologia: una ragazza parla con un terapeuta
27 Febbraio 2024

Cinque false credenze sulla psicologia di cui diffidare

Quando si attraversano situazioni di difficoltà o si percepisce forte malessere, è perfettamente naturale avvertire la necessità di richiedere un aiuto specialistico. Talvolta, però, si è restii a farlo, a causa di pregiudizi e falsi…

Frasi di psicologi famosi
26 Febbraio 2024

Le 10 frasi più belle di psicologi famosi

L’ambito della psicologia, con le sue profonde intuizioni sul comportamento umano e sulla mente, ha fornito al mondo un’abbondante collezione di pensieri e riflessioni significative. Gli psicologi di fama mondiale, attraverso il loro impegno costante…

L'effetto dei social media sui giovani
26 Febbraio 2024

L’effetto dei social media sui giovani

Ancora prima di affrontare l’articolo affiora un ricordo: forse tredicenne, torno a casa, un pomeriggio dopo la scuola, e all’ingresso registro qualcosa di diverso. Sul telefono grigio della SIP, sul disco, c’è un lucchetto.

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Attualità
Leggi tutti gli articoli
L'effetto dei social media sui giovani
26 Febbraio 2024

L’effetto dei social media sui giovani

Ancora prima di affrontare l’articolo affiora un ricordo: forse tredicenne, torno a casa, un pomeriggio dopo la scuola, e all’ingresso registro qualcosa di diverso. Sul telefono grigio della SIP, sul disco, c’è un lucchetto.

25 Gennaio 2024

Facciamo caso…

In un recente articolo, pubblicato sul Corriere della Sera, una delle scrittrici italiane più vivaci, racconta di avere fatto delle ipotesi a proposito di alcune sue problematiche odierne, quali non riuscire ad abbracciare il marito…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd