Vaso di Pandora

IL RICHIAMO A LE BON NON PUO’ NON FARCI RICORDARE FREUD

Commento all’articolo

Byung-Chul Han: “Io, apocalittico contro gli integrati di Internet”

La Repubblica, 22 Aprile 2015

 

IL RICHIAMO A LE BON NON PUO’ NON FARCI RICORDARE FREUD

La Redazione

 

Si parla delle posizioni del filosofo tedesco-coreano Byung-Chul Han, fortemente critico riguardo la comunità Web, paragonata a uno “sciame” privo delle caratteristiche di una comunità dialogante e anche di quelle di una vera folla. Sarebbe un vero pericolo per la democrazia, imponendo la scomparsa di una sfera pubblica di fronte a una crescente trasformazione egotica e narcisistica.

 

Si può non condividere questo catastrofismo: il filosofo è stato paragonato a un luddista, con richiamo all’ottocentesco disordinato movimento di opposizione a una produttività che si valeva di macchine in misura crescente.
È però intrigante il tentativo di riflettere su questa nuova modalità di aggregazione, dalle caratteristiche del tutto originali e pertanto interessanti o inquietanti a seconda dei punti di vista: viene in mente la posizione opposta dei “grillini”, che vedono – o vedevano – nel web una possibilità di democrazia diretta, quasi un rivivere della agorà, della proto-democrazia ateniese (peraltro alquanto idealizzata).

Opportunamente, l’articolo ricorda Le Bon, riportandoci a Freud che per la sua opera “Psicologia delle masse e analisi dell’Io” ha preso spunto proprio dalla “Psychologie des foules” di quell’autore, antropologo e, diremmo oggi, politologo francese, pubblicata nel 1895: lo ha ampiamente citato anche se non si è astenuto dallo snobbarlo, dicendo che non aveva detto nulla di veramente nuovo. In questo c’è qualcosa di vero, e basti ricordare le pagine di Alessandro Manzoni sulla rivolta dei forni; ma non è meno vero che Le Bon è stato anche un pensatore ben consapevole del ruolo delle motivazioni inconsce che sottendono proprio i comportamenti delle masse, in cui gli individui “acquistano una sorta di anima collettiva”. Nel suo lavoro, contemporaneo alle prime opere di Freud, scriveva: “i fenomeni inconsci svolgono una parte preponderante non soltanto nella vita organica, ma anche nel funzionamento dell’intelligenza. La vita cosciente dello spirito ha una parte minima rispetto alla vita inconscia di esso”.

 

Freud ha approfondito il discorso, cercando d’identificare le motivazioni del cambiamento cui va incontro il soggetto-massa e legandole alle dinamiche individuali che organizzano l’Io: da un lato, il sentimento di potenza invincibile che nasce dall’appartenenza a una moltitudine, con perdita del concetto di limite e dell’impossibile; dall’altro, il contagio mentale e la suggestionabilità, che Freud apparenta addirittura a uno stato preipnotico. Da qui l’indebolimento dei freni etici, l’irresponsabilità, l’imbarbarimento, di solito la devozione a un leader che emerge dalla massa e la domina. Ne sappiamo qualcosa, dalle vicende dei totalitarismi (che si ripetono, su scala ridotta, con le gesta dei black bloc o degli ultras da stadio). È accaduto allora, e non solo allora, che la massa abbia finito con l’organizzarsi in una struttura permanente e coerente: massa artificiale, come la chiama Freud, contenuta da una camicia normativa.

 

Tornando al web, vediamo che incentiva la costituzione di un gruppo di persone spesso centrato su un problema: una sorta di gruppo di discussione, certamente esposto a ogni sorta di degenerazioni. È vero che tale gruppo non costituisce una “massa” in senso proprio e tradizionale, anche perché manca quella fisicità che induce suggestionabilità e adesione acritica a un messaggio e/o alla persona di un Capo; certo può verificarsi una serie di rimandi e feedback che moltiplicano il peso di una posizione non riflessiva, ma questo effetto mi pare in qualche modo contenuto dal pur minimo intervallo temporale che comunque per necessità s’interpone fra discorso e replica.

Non vera massa, dunque. Tuttavia mi pare impropria la definizione proposta, di “sciame”, poiché questo ha una direzione ben precisa e finalizzata a uno scopo, e ciò nel web accade solo in casi particolari, come in quello citato del Movimento cinque stelle, con Grillo o Casaleggio nella veste di ape regina.

 

Sarebbe presunzione cercar di andare al di là di questi pensieri a ruota libera, tentando di approfondire ancora la riflessione su questo fatto nuovo di grande portata: certamente continueranno a farlo persone ben più autorevoli, fino alla realizzazione di un costrutto teorico.

Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
una persona prende molte patatine da un tavolo pieno di cibo
16 Aprile 2024

Abbuffate compulsive: comprendere e gestire il disturbo

Le abbuffate compulsive, anche conosciute come disturbo da alimentazione incontrollata (Binge Eating Disorder, BED), sono un disturbo alimentare caratterizzato da episodi ricorrenti di eccessivo consumo di cibo, in cui si ha la sensazione di perdere…

Amare la solitudine: un uomo solo seduto su una panchina
16 Aprile 2024

Amare la solitudine: elementi da considerare

Si tende a pensare che le persone amanti della solitudine siano timide, riservate o addirittura asociali. In realtà, però, si tratta soltanto di pregiudizi, che spesso hanno poco a che fare con la verità. Imparare…

come calmare l'ansia velocemente
16 Aprile 2024

5 piccoli consigli su come calmare l’ansia velocemente

L’ansia è una condizione comune che può manifestarsi in diverse situazioni, causando sensazioni di paura, preoccupazione e disagio. Quando l’ansia diventa travolgente, può influire negativamente sulla qualità della vita. In questo articolo, vi daremo 5…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Attualità
Leggi tutti gli articoli
9 Aprile 2024

Suicidi in carcere: riflessioni

Nei primi tre mesi del 2024 sono 28 i suicidi nelle carceri. Un fenomeno complesso dove si intrecciano molteplici fattori: carenze della prevenzione, sovraffollamento, violenze, precarietà, scarse occasioni studio, lavoro e alloggi, povertà, migrazioni, uso…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd