Notizie

Il Barattolo armatore della Leon Pancaldo

Federica Olivieri
20 Giugno 2017
Nessun commento
Il Barattolo armatore della Leon Pancaldo

Conferenza stampa presso l’Istituto Superiore Ferraris Pancaldo
La nave scuola “Leon Pancaldo” cambia armatore.

Venerdì scorso, presso il notaio Agostino Firpo, è stato firmato l’atto di cessione dell’armatorialità tra il dirigente del “Ferraris Pancaldo”, Alessandro Gozzi e Giovanni Folco, presidente dell’associazione di volontariato “Il Barattolo”, con sede a Varazze. L’accordo sarà formalizzato con la registrazione presso la Capitaneria di porto di Savona, nei prossimi giorni e avrà la durata di dieci anni.
Ieri si è svolta la conferenza stampa nella quale i soggetti coinvolti in questa operazione hanno presentato questo passaggio di consegne dopo che da due anni la nave era rientrata in possesso dell’istituto tecnico.
Dunque, otre al dirigente Gozzi e al presidente Folco erano presenti  Federica Olivieri, Segretaria di redazione della Rivista Scientifica “Il Vaso di Pandora. Dialoghi in psichiatria e scienze umane” e Daniela Minetti, socio del “Barattolo”, Roberto Carrozzino, Primario del reparto di Salute Mentale e Direttore del SERT di Savona, e  Angelo Ferrari, Direttore dell’Istituto zooprofilattico della Liguria, Piemonte e Valle D’Aosta.
Così sarà l’associazione di volontariato “Il Barattolo” che si occuperà della nave scuola e garantirà la navigabilità della “Leon Pancaldo”.
 “Il Barattolo”, che vanta più di cento soci, opera nel territorio savonese da vent’anni e si occupa di sensibilizzare i cittadini sulle tematiche psichiatriche coinvolgendo non solo i soggetti che abbisognano di cure ma anche dei familiari, i parenti, gli amici e operatori. È un’associazione che si autofinanzia con aste di beneficenza, eventi e collabora con la band musicale “Pesce in Barile”, per far fronte ai problemi delle famiglie con poche risorse economiche.
“Con la nostra associazione – ha sostenuto Folco – partiremo in autunno con progetti che coinvolgeranno anche il “Ferraris Pancaldo” e che hanno come scopo il benessere legato alle attività in mare, non solo come veicolo di miglioramento della salute mentale ma con uno spettro più ampio, come l’ambito artistico e culturale che offre il mare. Inoltre abbiamo personale qualificato che è in grado di portare in mare la Leon Pancaldo. Questa nuova collaborazione tra la nostra associazione e il nautico – ha concluso Giovanni Folco – è volta a coinvolgere tutti questi enti e associazioni che vogliano promuovere iniziative dove il mare sia una risorsa per il benessere delle persone al contempo uno stimolo  ”.
L’ASL2 che ha facilitato questa operazione, collaborerà a titolo gratuito.
“Dal 2002 al 2003  – ha dichiarato Roberto Carrozzino, direttore del SERT – abbiamo usufruito dei fondi del ministero della Salute di “Lotta alla droga” nella quale abbiamo firmato una convenzione per aiutare i ragazzi attraverso le attività in mare ad uscire dalla droga e li abbiamo aiutati ad apprendere un mestiere nel mondo della nautica spendibile per il loro futuro. Il nostro obiettivo è quello di mettere assieme enti pubblici e privati per fare cose significative, fare in modo che la cittadinanza partecipi”.
“Abbiamo voluto dare un taglio più sociale a questa operazione – ha detto il dirigente Gozzi –  e appena inizierà il prossimo anno scolastico saremo a lavoro per realizzare progetti che coinvolgano i nostri studenti. Ringraziamo Assonautica nella persona della presidente Zino e di tutto consiglio di amministrazione la cui gestione nei due anni che ha avuto l’armatorialià”.
“Il filo conduttore di questa collaborazione è formare e informare – ha detto Ferrari, presidente dell’Istituto Zooprofilattico  –  in cui svolgeremo attività di monitoraggio e controllo della qualità del mare, dei suoi abitanti, dei cetacei, attività di studio delle scienze alimentari applicate al mare”.
Non ci resta che augurare Buon Vento a Tutti!!!!



Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri come vengono trattati i tuoi dati