Attualità

Gioco

Giovanni Giusto
7 Maggio 2014
Nessun commento
Gioco

Gioco

Eros e Thanatos
Rabbia e Speranza
Vecchi e Giovani

di Giovanni Giusto

 

Che cosa accomunano oggi queste coppie di soggetti se facendo un gioco in cui vorrei coinvolgervi pensiamo alla esistenza di ciascuno come un  periodo limitato che dovrebbe prevedere una naturale (?) tendenza a viverla il meglio possibile collaborando in gruppo.

La spinta alla vita è senz’altro quella erotica che infonde energia, genera desiderio ed entusiasmo e tende a conservare la specie godendone.  Ad essa inevitabilmente si contrappone la consapevolezza dell’effimero e quindi la tendenza invecchiando a confrontarsi più o meno consciamente con la rabbia che questa  genera , dando adito spesso ad atteggiamenti distruttivi sia individuali che sociali.
La tendenza a negare ciò comporta il tentativo impossibile di cristallizzare il tempo cercando di fermarlo; i vecchi ricordano e ti costringono a ricordare lamentandosi costantemente in genere dei cambiamenti.
Renzi che è il nostro primo ministro, sta cercando da giovane di rompere un sistema burocratico cristallizzato e assolutamente resistente a qualsiasi proposta di cambiamento. Anche forzato tende a richiudersi immediatamente per auto conservarsi. La rabbia di chi si sente impedito eroticamente si traduce in sterile e controproducente protesta che rischia di tradursi ancora una volta ,come la storia ci insegna. In thanatos ovvero in distruttività fine a se stessa.
La speranza è un aspetto fondamentale della vitalità se alimentata da un impegno onesto e costante nel collaborare al fine di tollerare insieme il piacere ( di amare di partecipare di giocare di  godere, di …. ….) e il dispiacere (di faticare, di limitare il proprio narcisismo, di comprendere il senso dell’effimero…)
Chi sono i vecchi; coloro che tristi imprecano e non fanno nulla per cambiare, coloro che invidiano, coloro che pontificano, coloro che falsificano, coloro che rubano.
Chi sono i giovani;  coloro che desiderano che partecipano che sono riconoscenti, che sanno lavorare al bene comune che hanno entusiasmo (letteralmente dio dentro, non importa se credenti o meno).
I vecchi distruggono arrabbiati e rischiano di impedire ai giovani di sopravvivere.

Vecchi, naturalmente non Anziani…..

 

E’ un gioco non preoccupatevi.



Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri come vengono trattati i tuoi dati