Vaso di Pandora

Esperienza di una professionista sulla maternità

Un momento arricchente come quella di diventare madre inizia con una simbiosi, lucida, evidente e particolarmente affascinate.

Da professionista del settore della psichiatria ho voluto parlare di simbiosi, dandole il significato bello e naturale che assume quando si aspetta un figlio e nelle prime fasi della vita del piccolo.

Diventare genitore ti mette nella condizione di sentire quanto puoi dare all’altro il permesso di esistere nel mondo, di accettare e accettarsi, messaggi non trascurabili da dare al proprio figlio, che possono condurre alla risoluzione della simbiosi.

Per scrivere questo articolo ho dovuto ripercorrere tutti i vissuti, pensieri ed emozioni dal momento in cui ho scoperto che sarei diventata mamma, a quello in cui ho vissuto l’altro che prima era dentro di me.
Durante la gravidanza la “simbiosi” (termine molto usato da noi professionisti del settore), prende forma dentro di te, si concretizza e assume caratteristiche belle e naturali, e non patologiche come siamo abituati a pensare.

Il ciclo della vita inizia con una simbiosi e ci riporta ai bisogni primordiali di ogni essere umano, l’essere curato e amato.
Se ripenso al periodo in cui aspettavo mia figlia, mi vengono in mente i limiti di movimento, di alimentazione, del sonno, agli sbalzi di umore, insomma ad una condizione di vita che necessariamente mi ricordava che qualcosa stava cambiando, e che i tempi e i modi sarebbero stati quelli di cui un bambino aveva bisogno, lenti, moderati e attenti…

Durante i nove mesi di gravidanza senti nascere una presenza emotiva molto grande, con la quale si comincia a stabilire una relazione forte con una parte di te, comunque altra e diversa.
Il bambino diventa un “altro sé”, un sé interno, piccolo e da proteggere.

In questa fase dell’attesa, la simbiosi che si instaura tra mamma e bambino è un momento importante. Infatti, i cambiamenti fisici, la diminuzione o assenza del lavoro, la riduzione dei contatti sociali, possono essere fonte di disagio e stress, e per tale motivo il bisogno di riconoscimenti e di attenzioni sono fondamentali per la mamma.

L’ascolto delle proprie emozioni, il soddisfacimento dei propri bisogni sono un primo passo per cominciare a dare valore all’ESISTERE, messaggio fondamentale da passare al proprio piccolo.
Il permesso interno di esistere che ha la madre, è una condizione importante per far passare al proprio bambino che può sentire, esprimere e ascoltare ciò che ha dentro. Una simbiosi che conduce alla risoluzione della simbiosi. Le relazioni simbiotiche diventano patologiche poichè implicano una svalutazione di una o più parti di sè, e si affida all’altro il potere di sostituirsi ad esse.

Immaginare il suo volto, le sue mani, i suoi movimenti è un’esperienza magica, emotivamente intensa, accompagnata dal fascino dell’incognito; che seppur spaventa, mette necessariamente in evidenza l’inadeguatezza del controllo davanti a ciò che naturalmente avviene.

Accade il parto e la prima sensazione che si prova è lo svuotamento, l’altro sè che si sposta verso l’esterno, e l’idea che la simbiosi sia terminata, che il tuo piccolo sarà in balia di altre relazioni, con la conseguente mancanza dell’esclusività.

Il momento immediatamente successivo al parto, le emozioni si raggomitolano in maniera disordinata, la paura di non essere in grado di fornire il primo fondamentale bisogno di nutrimento, la tristezza della perdita di ciò che era dentro di te, e infine, ma non meno importante, la gioia immensa di vedere negli occhi, toccare e sentire l’ESSERE che magicamente hai creato.

Alla nascita del piccolo, la neo-mamma rivive sentimenti e situazioni tipici di chi è appena nato in ogni sua forma, il neo-nato per la prima volta in vita e la neo-mamma per la prima volta a vivere questa particolarissima esperienza.

Per questi motivi, i vissuti del nuovo genitore sono molto simili a quelli del nuovo nato, il bisogno di nutrirsi per nutrire, l’essere accudita e accarezzata, il bisogno di dormire; senza dimenticare le difficoltà di muoversi in questa diversa modalità di esistere.

Anche la madre rivive parti di sè “infantili”, ricche di ansia, il timore di inadeguatezza e incapacità di gestire il nuovo, riattivando così la paura della vita tipica della fase neo-natale.
Quindi, ancor di più in questo stadio, la mamma ha bisogno di essere riconosciuta, di ricevere messaggi positivi, e che vengano rispettati i suoi tempi e le sue necessità; insomma, il rispetto dei tempi della natura conduce al benessere della persona.

Anche dopo il parto la simbiosi quindi non cessa e continua, l’assecondamento dei bisogni è fondamentale sia per la madre che per il piccolo.
La naturale e sana simbiosi progredisce e si sposta all’esterno, si sviluppa ed evolve nel riconoscimento reciproco madre-bambino e l”altro sé” diventa “l’altro da sé”.

Il nuovo nato si affida totalmente alle cure materne, al nutrimento che lei gli offre, alle carezze e le attenzioni di cui ha bisogno; a sua volta la neo-mamma necessita della comunicazione del corpo del figlio per riconoscersi come madre, per sentire l’altro da sè in maniera particolarmente empatica e trasportata, e che sta ESISTENDO anche per lui.

Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
famiglia con bambini passeggia su un molo al tramonto
24 Maggio 2024

Siblings e Autismo: guida per famiglie e fratelli

Ricevere la diagnosi di autismo in un bambino rappresenta un momento delicato e significativo per tutta la famiglia, ed è importante in questa fase guidare alla comprensione e all’accettazione della condizione del bambino i cosiddetti…

donna sta per andare al wc
24 Maggio 2024

Vescica iperattiva psicosomatica: cause e soluzioni

Con vescica iperattiva si indica la condizione per cui si avverte il bisogno urgente e frequente di urinare, spesso accompagnato da incontinenza. Questa condizione non è solo la conseguenza di problematiche e disfunzioni fisiche, ma…

L'empatia: la relazione che cura
24 Maggio 2024

L’empatia: la relazione che cura

Il concetto di empatia venne introdotto da  Robert Vischer, filosofo tedesco e professore di storia dell’arte, a fine ‘800, deriva dal termine empátheia, ovvero «sentire dentro» e definisce la capacità di introiezione dell’oggetto artistico da parte dello spettatore

grooming
24 Maggio 2024

Grooming: riconoscere e prevenire l’abuso online

Il grooming è una forma di adescamento online che coinvolge i minori, con l’obiettivo di stabilire una relazione di fiducia per poi sfruttarli sessualmente. In un’era sempre più digitale, è fondamentale che genitori, educatori e…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Attualità
Leggi tutti gli articoli
Workaholic: dipendenti dal lavoro
22 Maggio 2024

Workaholic: dipendenti dal lavoro

Nell’attuale mondo frenetico, la linea tra impegno lavorativo e ossessione può sfumare facilmente. La figura del “workaholic“, o dipendente dal lavoro, emerge come il simbolo di una cultura che celebra l’eccesso come emblema di successo.…

Rissa nella Rems di Subiaco
10 Maggio 2024

Rissa nella Rems di Subiaco. Che fare?

Il 20 aprile si è avuta notizia sul quotidiano Il Tempo di un episodio di violenza di due ospiti della Rems di Subiaco contro un altro paziente. Secondo un sindacalista l’aggressione sarebbe stata determinata da…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd