Vaso di Pandora

Ecoansia, l’ansia per l’ambiente e come gestirla

Visti i tempi che viviamo e la crescente preoccupazione per il nostro pianeta e l’ambiente, l’ecoansia è una risposta comprensibile e naturale. Ci sentiamo infatti impotenti e rassegnati di fronte alle sfide ambientali che affrontiamo. Non vediamo alcuna urgenza da parte di chi prende le decisioni, nonostante siamo tutti ben consapevoli di quali siano i rischi. Molti elementi di cambiamento sono già sotto i nostri occhi: carestie continue, estati sempre più lunghe, ghiacciai che si sciolgono…

Considerate queste premesse, non stupisce il fatto che l’ecoansia sia un fenomeno psicologico sempre più diffuso, che coinvolge individui preoccupati e in apprensione per le questioni legate all’ambiente e al cambiamento climatico. Si tratta di una risposta emotiva a una realtà che è purtroppo innegabile. Il nostro pianeta sta affrontando sfide ecologiche senza precedenti. Ciononostante, è importante trasformare questa ansia in azione positiva. Educazione e attivismo possono aiutarci a gestire l’ecoansia in modo costruttivo, dandoci inoltre modo di restituire qualcosa all’ambiente che abbiamo a cuore e alla comunità che chiamiamo casa.

Può interessarti anche: “Pensiero positivo: una strategia in 5 passi

Riconoscere e comprendere l’ecoansia

Quando parliamo di ansia climatica o ecoansia intendiamo uno stato d’animo nato in tempi recenti, che fino a qualche anno fa non esisteva o, comunque, non veniva diagnosticato. La sua diffusione è strettamente connessa all’esplosione della crisi climatica e alla presa di coscienza che ne è seguita. Dal momento che sentiamo parlare di surriscaldamento globale quasi quotidianamente, e che abbiamo assistito a simulazioni di cosa potrebbe avvenire se non cambiamo le nostre abitudini, i più sensibili di noi sono stati attanagliati da paura, preoccupazione, timore e talvolta vera e propria agitazione. Possiamo riunire tutti questi sentimenti sotto un unico termine ombrello: ecoansia.

Definiamo con questa parola l’ansia e la preoccupazione derivate da una causa ben precisa: l’impatto dell’umanità sull’ambiente naturale. Sono numerosi i fattori che alimentano questa angoscia. Tra essi, nutrono particolare rilevanza la preoccupazione per i cambiamenti climatici, la perdita di biodiversità, l’inquinamento e la distruzione degli habitat naturali.

Questa sensazione si manifesta in svariati modi. Sentimenti come malinconia, stress, tristezza, disperazione, sensi di colpa o impotenza e vera e propria ansia verso il presente e il futuro sono tutti affioramenti della condizione. Non sottovalutiamo l’ecoansia: può influire in maniera profonda sulla salute mentale delle persone, ed essere fra i fattori forieri di depressione, disturbi del sonno, disturbi alimentari e dipendenza da sostanze. Gli studi segnalano che l’ansia climatica sia maggiormente concentrata fra adolescenti e post-adolescenti. È infatti la loro generazione quella maggiormente toccata, e dunque preoccupata, per il proprio futuro e quello dell’intero pianeta. Giovane età; impegno attivo contro la crisi climatica e forte esposizione mediatica sono i tre elementi che costituiscono i principali fattori di rischio.

L'ecoansia di uno scienziato in laboratorio
Tutta l’ecoansia per il futuro di uno scienziato in un’aula universitaria.

Fattori di diffusione

Le radici dell’ecoansia possono essere svariate. Le più immediate sono la crescente esposizione alle notizie sull’ambiente e le evidenti alterazioni climatiche. Media tradizionali e social network giocano naturalmente un ruolo di primo piano nel condividere la crisi e rendercene partecipi, in tal maniera contribuiscono a una maggiore consapevolezza delle sfide ecologiche globali. Agendo da cassa di risonanza, le piattaforme digitali hanno amplificato l’impatto emotivo di queste notizie, creando un senso di urgenza e preoccupazione diffuso.

Chi abita nelle zone più a rischio, che stanno già subendo significativi cambiamenti climatici, come ad esempio agricoltori, coloro i quali vivono accanto a miniere e aree estrattive o residenti di isole e aree costiere dove si assiste di giorno in giorno, e di settimana in settimana, all’innalzamentro dei corpi d’acqua è più esposto a ecoansia e solastalgia, uno stato di angoscia e sofferenza dovuto ai cambiamenti climatici.

Alcune persone provano un vero e proprio senso di disperazione riguardo al futuro, quando realizzano di non avere il pieno controllo della situazione, e si sentono vittime di un futuro che le riguarderà, pur senza avere in alcun modo contribuito a plasmarlo. È possibile affrontare meglio l’ecoansia con il sostegno di amici, familiari e attivisti ambientali.

Come gestire l’ecoansia in maniera costruttiva

Esistono alcune pratiche strategie per affrontare e gestire bene l’ecoansia. Le abbiamo raccolte qui di seguito:

  • non possiamo prescindere da educazione e consapevolezza. Una conoscenza approfondita delle questioni ambientali è fondamentale. Dobbiamo comprendere le cause, e soprattutto le possibili soluzioni, del cambiamento climatico. In tal modo otterremo un senso di controllo e sapremo che cosa possiamo fare, e perseguire, nel nostro piccolo;
  • l’attivismo va sempre promosso. Trasformiamo l’ansia in determinazione. Partecipiamo a iniziative ambientali, sosteniamo organizzazioni che promuovono la sostenibilità e adottiamo comportamenti ecologici;
  • pratichiamo mindfulness ambientale. Trascorrere del tempo all’aperto, praticando la meditazione o semplicemente osservando la bellezza della natura, può favorire un senso di calma e prospettiva capace di abbassare i livelli di ansia;
  • creiamo comunità sostenibili. Non siamo soli. La collaborazione con altre persone che condividano interessi e preoccupazioni può esserci di sostegno, e incoraggiarci nella gestione dell’ecoansia. Uniamoci per implementare azioni a livello locale, o supportare iniziative di sostenibilità;
  • facciamo scelte consapevoli. Adottiamo stili di vita sostenibili, riduciamo l’uso di plastica, consumiamo prodotti locali e siamo parsimoniosi nei confronti dell’energia. Ognuna di queste decisioni può essere un passo significativo verso la riduzione dell’impatto ambientale individuale.

Può interessarti anche: “Psicologia delle migrazioni. affrontare il cambiamento

Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
misoneista significato
18 Luglio 2024

Misoneista: resistenza al cambiamento e come superarla

È innegabile che in un contesto mutevole come quello odierno, la capacità di adattamento al cambiamento è vitale. Tuttavia, alcune persone mostrano una resistenza marcata a queste trasformazioni, un fenomeno noto come misoneismo. Questo articolo…

stigma sociale
18 Luglio 2024

Stigma sociale: significato e impatti sulla salute mentale

Lo stigma sociale rappresenta una realtà pervasiva che incide profondamente sul tessuto delle relazioni umane e sul benessere psicologico degli individui. Si manifesta quando determinate persone vengono etichettate, discriminate e isolate a causa di attributi…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Attualità
Leggi tutti gli articoli
Pier Francesco Galli
16 Luglio 2024

La scomparsa di Pier Francesco Galli

La scomparsa di Pier Francesco Galli e la ricchezza degli incroci milanesi in psicoterapia negli anni sessanta Il commento di uno psicoterapeuta relazionale sistemico didatta del Centro Milanese di Terapia della Famiglia Come l’articolo di…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd