Vaso di Pandora

Si può guarire dalla disregolazione emotiva?

Nella vita quotidiana, l’equilibrio emotivo svolge un ruolo cruciale. Potremmo dire che è proprio questo elemento il determinante principale della qualità di vita. La capacità di gestire le emozioni in modo sano e adeguato è fondamentale per il successo e il benessere. Tuttavia, per molti individui, la disregolazione emotiva può rappresentare una sfida significativa, generando problemi di comunicazione, stress e difficoltà nei rapporti interpersonali. Nelle prossime righe esploreremo, nella maniera più dettagliata possibile, che cosa sia la disregolazione emotiva e quali siano le sue radici linguistiche, filosofiche e psicologiche.

Cercheremo inoltre di capire se sia possibile guarire da questa condizione, al fine di vivere una vita più equilibrata e soddisfacente. Sebbene la disregolazione emotiva possa rappresentare una difficoltà aggiuntiva, talvolta non trascurabile, è possibile superarla con il giusto supporto e gli approcci terapeutici appropriati. Impegnandosi in maniera costante e mettendo in campo una seria e decisa volontà di crescita personale, si può condurre un’esistenza più equilibrata, maggiormente soddisfacente e sempre piena di significato sul piano delle sensazioni provate, indipendentemente dalla presenza o dall’assenza di disregolazione emotiva.

Può interessarti anche: “Convivere con uno schizofrenico: strategie e supporto

Che cos’è la disregolazione emotiva

Quello della disregolazione emotiva è un fenomeno complesso. Esso è causa di difficoltà, anche serie, nella gestione e regolamentazione delle proprie emozioni in modo appropriato e sano. Dal punto di vista linguistico, il termine disregolazione indica una vera e propria mancanza di controllo o di regolamentazione. L’aggettivo emotiva, invece, si riferisce alle emozioni e ai sentimenti. Dal punto di vista etimologico, è possibile risalire alle radici latine della parola emotiva. Essa deriva da emovere, che significa letteralmente muovere fuori. Ciò suggerisce che le emozioni possono spingerci al di là dei nostri limiti. Sono infatti perfettamente capaci di interferire con il nostro equilibrio interno. Sotto un’ottica filosofica, la disregolazione emotiva può essere vista come il conflitto tra ragione e passione, tra il desiderio di controllare le proprie emozioni e il bisogno di esprimerle liberamente. Questo dualismo può generare tensioni interne e un senso di disarmonia nella persona.

Dal punto di vista psicologico, la disregolazione emotiva è spesso associata a disturbi come quello borderline di personalità (DBP), bipolare, o anche al disturbo antisociale di personalità. Può comunque manifestarsi anche in maniera indipendente. Quando parliamo di regolazione delle emozioni, intendiamo tentativi volontari, o automatici, dell’essere umano di influenzare e modificare le emozioni che sente. Questo processo si verifica molto spesso, anche mentre si sta vivendo la stessa emozione che si desidera regolare. Secondo la teoria delle emozioni del neuropsicologo Elliot L. Jurist, ampiamente diffusa e accettata a livello mondiale, sono tre gli elementi che concorrono alla regolazione dell’esperienza emotiva:

  • l’identificazione dell’emozione;
  • la modulazione della sua identità;
  • l’espressione dell’emozione, ovvero la sua esplicita manifestazione e rivelazione.

Patologia o condizione psicologica?

Disregolazione emotiva: una ragazza seduta in conflitto con le proprie emozioni
La disregolazione emotiva accompagna spesso altri problemi e disturbi, ma può manifestarsi anche da sola

Generalmente, si tende a considerare la disregolazione emotiva come una condizione psicologica, non come una patologia vera e propria. Invece di essere vista come una malattia, la disregolazione emotiva dovrebbe essere inquadrata come una sfida, una condizione, se preferiamo una situazione. Essa richiede comprensione, supporto e interventi mirati al fine di promuovere un benessere emotivo integrale. Quando si fatica a relazionarsi con i tre elementi di Jurist – sia con ciascuno di loro, sia con tutti, sia con una qualsiasi combinazione di essi – non si riesce a mantenere il giusto equilibrio emozionale nella quotidianità della vita.

I tre indicatori sono profondamente connessi l’uno all’altro e, non di rado, si sovrappongono nelle proprie funzioni. Per esempio, l’interesse verso l’identificazione di un’emozione può convergere nel tentativo della sua modulazione mentre lo sforzo o la necessità di modulare gli stati d’animo possono esercitare un impatto sui modi con cui queste saranno espresse. Identificare, modulare ed esprimere le emozioni sono tre processi in sequenza, parte di un unico sviluppo di cui è necessario essere consapevoli. L’identificazione dei propri stati emotivi segnala l’inizio di questo iter e dà la sensazione di essere in totale controllo delle proprie azioni. La modulazione indica attualizzazione dello stato d’animo, mentre l’espressione rappresenta una realizzazione: la messa in atto di quanto si stia provando.

Strategie e approcci per liberarsi della disregolazione emotiva

Uscire dal tunnel della disregolazione emotiva è tutt’altro che semplice. La concentrazione e l’impegno richiesti sono davvero molto elevati ed è possibile sentirsi soverchiati. In taluni casi, non si riuscirà mai a liberarsi completamente della condizione. Ciononostante, è possibile migliorare la gestione delle emozioni e vivere una vita equilibrata e soddisfacente pur senza potersi mai dire perfettamente padroni della regolazione delle proprie emozioni.

Clinicamente parlando, la terapia cognitivo-comportamentale (TCC o CBT, secondo l’acronimo inglese) è spesso utilizzata per aiutare le persone a identificare, e di conseguenza cambiare, quei modelli di pensiero e comportamento disfunzionali che contribuiscono alla disregolazione emotiva. Sotto l’aspetto relazionale, la terapia di coppia o familiare può essere utile nel migliorare la comunicazione. La si consiglia a chiunque faccia difficoltà a risolvere conflitti interpersonali. Sotto quello psicologico, invece, si possono sfruttare pratiche come la meditazione mindfulness; la consapevolezza emotiva o una più disciplinata gestione dello stress. Tecniche come queste sono in grado di favorire lo sviluppo di una maggiore conoscenza delle proprie emozioni. Si tratta di un buon primo passo per imparare a regolarle in maniera efficace.

Può interessarti anche: “Formazione reattiva come meccanismo di difesa

Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
signora all'aria aperta
12 Luglio 2024

Le origini della psicologia della Gestalt

La psicologia della Gestalt, una scuola di pensiero che ha avuto origine in Germania all’inizio del XX secolo, offre un approccio unico e olistico alla comprensione della mente umana. Questa corrente psicologica si distingue per…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Le Ultime dall'Italia e dal Mondo
Leggi tutti gli articoli
signora all'aria aperta
12 Luglio 2024

Le origini della psicologia della Gestalt

La psicologia della Gestalt, una scuola di pensiero che ha avuto origine in Germania all’inizio del XX secolo, offre un approccio unico e olistico alla comprensione della mente umana. Questa corrente psicologica si distingue per…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd