Vaso di Pandora

Diritti negati per i pazienti psichiatrici

La “Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità”, sottoscritta dall’Italia il 30 Marzo 2007 e ratificata con Legge Nazionale del 3 Marzo 2009 n. 18, prevede   tra le varie azioni in difesa dei diritti di cittadinanza delle persone disabili – tra le quali rientrano a pieno titolo le persone affette da disturbi psichiatrici maggiori – in particolare all’art. 25 “vietare nel settore delle assicurazioni le discriminazioni delle persone con disabilità, le quali devono poter ottenere, a condizioni eque e ragionevoli, un’assicurazione malattia e, nei paesi nei quali sia consentito dalla legislazione nazionale, un’assicurazione sulla vita”.

A fronte di questa norma, sappiamo che le persone con disturbi mentali sono soggette nel nostro paese a emarginazione e discriminazione in molte aree della vita sociale e della cittadinanza, ed in  particolare in campo sanitario e non sempre hanno libero accesso alle cure ed ai trattamenti sanitari tempestivi, appropriati ed efficaci. La situazione è particolare evidente anche per le patologie organiche conseguenti allo stile di vita ed ai trattamenti psicofarmacologici ai quali i pazienti psichiatrici sono sottoposti: sindromi endocrino metaboliche, patologie cardio-vascolari croniche ed acute, patologie broncopolmonari, patologie oncologiche, per citare solo le più frequenti, che comportano un significativo aumento del carico di malattia ed una riduzione di anni di vita attesa stimata in almeno 15 anni rispetto alla popolazione generale.
Tale situazione è aggravata dal fatto che, ancora oggi e non ostante le disposizioni vigenti della Legge n.18/2009, in campo assicurativo viene preclusa a priori alle persone affette da patologie psichiatriche, od a chi assume psicofarmaci di qualsiasi classe anche per ragioni diversificate, l’accesso a forme di copertura per rimborso di spese mediche per patologie organiche e per infortuni, con immediata esclusione dalla garanzia qualora i disturbi o l’assunzione di psicofarmaci dovessero manifestarsi durante il periodo di validità della polizza.
Siamo di fronte ad una palese violazione di un diritto, generale e specifico, di poter accedere come tutti i cittadini a cure e strutture collegate a polizze e convenzioni assicurative e poter usufruire di polizze rimborso spese mediche, infortuni e vita.
Già nel 2011 il problema era stato sollevato formalmente ad alcune Reti Nazionali di Assicurazioni (in particolare ISVAP ed ANIA) e contestualmente ai Ministri della Salute, delle Pari Opportunità e dello Sviluppo Economico, da alcune Società Scientifiche in campo psichiatrico (Società Italiana di Psichiatria e Società Italiana di Psichiatria Biologica) insieme ad Associazioni Nazionali di Famigliari ed Utenti (Unione Nazionale delle Associazioni per la Salute Mentale, Progetto Itaca Onlus, Associazione Difesa Malati Psichiatrici Gravi, Oltre Noi La Vita Onlus).
Il documento – che anticipava la possibilità di promuovere formalmente una Class Action – poneva la necessità inderogabile di interventi legislativi e di controllo, mirati a far sì che la situazione di pregiudizio e di esclusione delle garanzie assicurative avesse termine e che di conseguenza anche le persone con disturbi mentali – indipendentemente da età, genere e professione – potessero accedere ad appropriate coperture assicurative, fatte salve le legittime esclusioni, previste dal Codice Civile, relative ad eventi riconducibili a patologie pregresse ed alle loro dirette conseguenze.
Tuttavia, pur a fronte di queste azioni, la situazione è rimasta immutata e le poche Assicurazioni che prevedono la copertura nelle polizze dei disturbi psichiatrici e delle patologie somatiche conseguenti ai trattamenti con farmaci psicotropi hanno stabilito premi assicurativi particolarmente alti e quindi non accessibili alla maggior parte della popolazione, che accede a coperture assicurative per altri interventi e trattamenti sanitari.
Per concludere, ci paiono particolarmente emblematici due situazioni specifiche.
La prima riguarda la copertura assicurativa integrativa sanitaria promossa dall’ENPAM per tutti i medici, che non offre nessuna copertura per le patologie psichiatriche, pur a fronte di tassi di incidenza nella classe medica di alcuni disturbi ( Disturbo dello Spettro dell’Umore e dell’Ansia, Dipendenze Patologiche) particolarmente alti rispetto alla popolazione generale, per fattori di rischio connessi anche all’attività lavorativa ed all’ambiente di lavoro.
La seconda riguarda le coperture assicurative integrative connesse a Fondi Integrativi di Solidarietà, di recente promosse da Associazioni di varia natura (Reti di cittadinanza, Cooperative ed altro ancora), che pur muovendosi in un’ottica di solidarietà, sussidiarietà e protezione/promozione dei diritti delle persone fragili, assumono lo stesso principio dell’esclusione della copertura di tutti i disturbi psichiatrici ( sia maggiori che minori), prevedendo solo la copertura di una visita psichiatrica finalizzata alla certificazione dell’esclusione della presenza di un disturbo psichiatrico o di fattori di rischio, pena l’impossibilità di stipulare la polizza.
Si tratta pertanto di una situazione di grave lesione di diritti inalienabili e di non applicazione di una norma legislativa specifica, internazionale e nazionale, sulla quale non si può più – anche a fronte del tendenziale contenimento dei Livelli Essenziali di Assistenza garantiti dal Servizio Sanitario Nazionale – non intervenire.

Condividi

Commenti su "Diritti negati per i pazienti psichiatrici"

Lascia un commento

Leggi anche
famiglia con bambini passeggia su un molo al tramonto
24 Maggio 2024

Siblings e Autismo: guida per famiglie e fratelli

Ricevere la diagnosi di autismo in un bambino rappresenta un momento delicato e significativo per tutta la famiglia, ed è importante in questa fase guidare alla comprensione e all’accettazione della condizione del bambino i cosiddetti…

donna sta per andare al wc
24 Maggio 2024

Vescica iperattiva psicosomatica: cause e soluzioni

Con vescica iperattiva si indica la condizione per cui si avverte il bisogno urgente e frequente di urinare, spesso accompagnato da incontinenza. Questa condizione non è solo la conseguenza di problematiche e disfunzioni fisiche, ma…

L'empatia: la relazione che cura
24 Maggio 2024

L’empatia: la relazione che cura

Il concetto di empatia venne introdotto da  Robert Vischer, filosofo tedesco e professore di storia dell’arte, a fine ‘800, deriva dal termine empátheia, ovvero «sentire dentro» e definisce la capacità di introiezione dell’oggetto artistico da parte dello spettatore

grooming
24 Maggio 2024

Grooming: riconoscere e prevenire l’abuso online

Il grooming è una forma di adescamento online che coinvolge i minori, con l’obiettivo di stabilire una relazione di fiducia per poi sfruttarli sessualmente. In un’era sempre più digitale, è fondamentale che genitori, educatori e…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Attualità
Leggi tutti gli articoli
Workaholic: dipendenti dal lavoro
22 Maggio 2024

Workaholic: dipendenti dal lavoro

Nell’attuale mondo frenetico, la linea tra impegno lavorativo e ossessione può sfumare facilmente. La figura del “workaholic“, o dipendente dal lavoro, emerge come il simbolo di una cultura che celebra l’eccesso come emblema di successo.…

Rissa nella Rems di Subiaco
10 Maggio 2024

Rissa nella Rems di Subiaco. Che fare?

Il 20 aprile si è avuta notizia sul quotidiano Il Tempo di un episodio di violenza di due ospiti della Rems di Subiaco contro un altro paziente. Secondo un sindacalista l’aggressione sarebbe stata determinata da…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd