Vaso di Pandora

Di che partito sono (siamo?)

Di che partito sono (siamo?)

di Giovanni Giusto

 

 

Al mattino, come molti, vado al bar a prendere il caffè: mi serve fare due passi per attivare le funzioni vitali e poi pregusto la fetta di focaccia che mangerò.

Sì, penso di essere dipendente dalla focaccia, ma mi dico che in fondo ognuno ha le sue dipendenze: alla faccia del colesterolo e delle ditte farmaceutiche che tendono a far abbassare sempre più i limiti dello stesso per vendere medicine (quando studiavo medicina i limiti normali erano 250 ora 200. Un po’ come quando le aziende che vendono psicofarmaci, e stanno per perdere il brevetto di una molecola, si inventano il metabolita attivo della stessa come più efficace e noi psichiatri andiamo loro supinamente dietro).
Durante il tragitto da casa al bar, mi capita di fantasticare, e mi capita anche di incontrare persone che mi distraggono da questo e posticipano la soddisfazione del mio appetito di focaccia.
L’altro giorno, appunto, mi ferma per salutarmi un mio amico, Notaio in Varazze, che mi dice: “Hai visto uno dei tuoi che cosa ha fatto?”.
Uno dei miei? – penso – A chi si riferisce? Forse è meglio approfondire… “Ma sì, quello di Palermo che ha preso a martellate i due anziani e ne ha ucciso uno”.
Ho capito. Non ho voglia di dilungare la conversazione… la focaccia mi aspetta…
Mi limito a dirgli che forse, viste come erano state descritte le cose, anche l’aggressore era un’ inconsapevole e tragica vittima di interventi sbagliati, ritardati  o addirittura assenti da parte di colleghi.
Non mi sembra molto convinto, ma pare darmi credito…
Mi saluta e se ne va al lavoro (chissà se anche lui è dipendente dalla focaccia?).
Voglio recuperare tempo e mi affretto, ma, come spesso (quasi sempre) mi capita, non riesco ad esimermi dal pensare alla breve conversazione.
Tutto sommato ha ragione: quello era uno dei miei, una persona in grave difficoltà, sofferente di disturbi  psichiatrici, angosciata da deliri che mal rispondono al suo esasperato bisogno di significativo affetto, sicuramente solo.
Certamente io prendo parte alle loro sofferenze, cerco, sia sul versante terapeutico che assistenziale, di aiutarli costruendo ed organizzando  contenitori  di  sofferenza  (le comunità terapeutiche) che  rappresentino  un punto di  riferimento stabile  (la famosa residenza emotiva) perché possano intraprendere un percorso nuovo.
Certamente il nostro proposito è quello di dare voce agli ultimi,  di evidenziare le loro esigenze, anche di carattere sociale, di essere collegamento e punto di integrazione tra norma ed antinorma.
L’ambizione è senz’altro quella di rappresentare adeguatamente una minoranza.
Sono quasi arrivato al bar: mi giro e vedo  i manifesti elettorali grandi  e colorati con volti sorridenti (anche brutti alcuni) che inneggiano al loro partito.
Mi domando di che partito sono.
Ho capito… sono del partito dei matti… Finalmente il bar, …la focaccia,… il caffè.
Il lavoro quotidiano riprende.

 

Condividi

Commenti su "Di che partito sono (siamo?)"

  1. hai visto uno dei nostri… c’era una volta l’uscire allo scoperto.. detto ovviamente all’inglese ..
    io penso che uscire dalla porta dello stigma dei pregiudizi e.. perdonatemi dalla cretineria dei luoghi comuni ‘firmati’ da esperti sia compito nostro loro compito. facciamoci facciamoli vedere sentire parlare partecipare incazzare responsabilizzare muovere ecc. ecc. forse impallliderà qualcuno più sicuro che la focaccia non l’ha ancora mangiata!!!

    Rispondi
  2. Anche a me piace la focaccia, sono del partito dei focacciari, però fa aumentare il colesterolo che non mi ha mai dato problemi finché il limite era a 250: ora che è 200 appartengo anch’ io al partito della colesterolemia, recentemente, poi, ho dovuto rivolgermi ad un notaio per una casa e mi hanno subito tesserato con una ingente fattura (che loro chiamano parcella) tra i soci dei notai. Un giorno farò parte del club dei matti, certa vita ti riduce a queste estreme conseguenze, alla fine, se dio vuole, farò parte di miliardi di batteri e se ancora conserverò un barlume dei vecchi ricordi entrerò in tanti nasi procurando i mali più orribili.

    Rispondi

Lascia un commento

Leggi anche
uomo si gratta la testa guardando fuori dalla finestra
28 Maggio 2024

Tricotillomania: cos’è e come trattarla

Cos’è la tricotillomania esattamente? In questo articolo andremo a esplorare i sintomi, le cause e le strategie di trattamento di questa condizione poco nota rispetto ad altri disturbi della categoria ossessivo-compulsiva (DOC), cui appartiene anche…

due donne comunicano tra loro gesticolando
28 Maggio 2024

Comunicazione paraverbale: di che si tratta?

Molti di noi non sanno esattamente cosa sia la comunicazione paraverbale o non ne hai mai sentito parlare prima. Eppure, con comunicazione paraverbale si indica un aspetto fondamentale della comunicazione umana. Questa si compone di…

Due esperienze in CT di Roma
28 Maggio 2024

Due nuove esperienze in CT di Roma

Nel corso dell’ultimo anno, mi sono recato in due Comunità Terapeutiche facenti parte del DSM della Asl Roma 1, in qualità di volontario, in base all’esistenza di una Convenzione tra la Asl Roma 1 e…

extrasistole e ansia
28 Maggio 2024

Extrasistole e ansia: come capire il collegamento

Il cuore, motore instancabile del nostro corpo, scandisce il ritmo della vita con una precisione sorprendente. Tuttavia, a volte, questa armonia può essere interrotta da un battito improvviso e inaspettato: l’extrasistole. Questa sensazione, spesso descritta…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Attualità
Leggi tutti gli articoli
Due esperienze in CT di Roma
28 Maggio 2024

Due nuove esperienze in CT di Roma

Nel corso dell’ultimo anno, mi sono recato in due Comunità Terapeutiche facenti parte del DSM della Asl Roma 1, in qualità di volontario, in base all’esistenza di una Convenzione tra la Asl Roma 1 e…

Workaholic: dipendenti dal lavoro
22 Maggio 2024

Workaholic: dipendenti dal lavoro

Nell’attuale mondo frenetico, la linea tra impegno lavorativo e ossessione può sfumare facilmente. La figura del “workaholic“, o dipendente dal lavoro, emerge come il simbolo di una cultura che celebra l’eccesso come emblema di successo.…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd