Vaso di Pandora

Così cancelliamo i ricordi più brutti

Commento all’articolo apparso su La Repubblica il 23 Novembre 2016

Così cancelliamo i ricordi più brutti

di Piero Gianotti

La realtà esiste perché è osservata

attraverso lo sguardo dell’occhio umano.

La memoria è la capacità dell’individuo di conservare tracce della propria esperienza passata e di servirsene per entrare in rapporto con la realtà presente e futura ed interviene in tutti i processi mentali: la percezione, l’attenzione, l’apprendimento e il pensiero.

I ricordi, per quanto spiacevoli, sono un aspetto essenziale dell’identità personale, sono eventi o percezioni di eventi che ci hanno permesso di costruirci, che ci permettono di affrontare il presente e il futuro.

Può sembrare affascinante cancellare dalla memoria esperienze negative, forse ognuno di noi avrebbe qualcosa da cancellare, ma dove può portare una manipolazione tale della realtà e degli aspetti emotivi legati agli eventi che abbiamo vissuto, se proprio quegli eventi ci hanno reso quelli che siamo?
Cancellare il passato e crearne uno nuovo, eliminando dalla memoria il negativo?

Come se con la scienza si potesse ovviare alla storia personale, forgiando uomini senza memoria ed emozioni, come i replicanti di Blade Runner, “vere e proprie “repliche” dell’uomo, sintesi delle migliori virtù fisiche e psichiche, come un’evoluzione dell’individuo ormai malato e morente”.

Secondo gli antropologi, la tecnologia è stata da sempre il mezzo utilizzato dall’uomo per supplire alle sue carenze fisiche e mentali e quindi è il prolungamento dei nostri sensi. In altre parole la tecnologia costituisce per l’uomo un’estensione del suo corpo, delle sue capacità fisiche e psichiche, è una protesi che permette la costituzione di una realtà aumentata.

L’uomo nel corso della storia si è progressivamente artificializzato e arricchito di strumenti tecnologici; nel presente, a causa dell’ingresso delle tecnologie digitali, dell’accelerazione dello sviluppo tecnologico e del pervasive computing, si prevede un nuovo scenario di evoluzione verso un Homo technologicus, sempre più adattato alla nuova ambientazione tecnologica e culturale. Fino ad agire sulla memoria trasformandola a nostro piacimento.

Ma dove può portare la cancellazione dei ricordi?
La memoria non è solamente una classificazione di eventi statica e disconnessa dalla personalità. Ciò che si vive, anche negativo, si porta dietro un’infinità di emozioni, concetti, storie utili a comprendere il presente e ad affrontare il futuro.

Quando una prassi comunicativa ha per oggetto il passato e la storia, essa non riguarda semplicemente la trasmissione di singoli contenuti che, come elementi mobili di una narrazione, possono essere combinati in vari modi; piuttosto, coinvolge anche e sempre la struttura organizzativa di tali combinazioni, una struttura che definisce preventivamente quali attori possano comparire e in quale ruolo, nonché in che modo debba essere valutato il contenuto della loro esperienza. Per questa ragione, condizioni situazionali, nessi causali o svolgimenti vengono ricordati così come “ha più senso” per chi ascolta.

Di conseguenza, sia la biografia del singolo sia la storia della comunità vengono continuamente riscritte alla luce di nuove esperienze ed esigenze, ma anche alla luce dei nuovi quadri interpretativi offerti dal presente. Potremmo dire che ogni generazione, ogni epoca, ogni presente si confeziona il proprio passato scegliendo la versione che risulta maggiormente valida, a livello funzionale, rispetto ai propri orientamenti e alle proprie possibilità strategiche per il futuro. Ciò non sarebbe possibile se la memoria ricordasse sempre la stessa cosa e sempre nello stesso modo.

La funzionalità della memoria umana ha da sempre dimostrato che il vissuto richiamato non è altro che un inestricabile groviglio di percezioni, modelli interpretativi, interpretazioni, fonti e criteri di validità sociale.
Da qui la sterilità di cancellare eventi negativi, o addirittura la dannosità di modificare i ricordi.

Avvicinarsi ai ricordi traumatici, riviverli ed elaborarli, affrontare le paure legate ad eventi negativi, è un lavoro fondamentale in psicoterapia. Cancellare gli eventi, quali importanti implicazioni avrebbe per il trattamento clinico?
Dalla psicoanalisi alle terapie cognitivo-comportamentali, il lavoro su ciò che siamo non può esimere dall’affrontare i ricordi, pur se negativi e le paure.

Per non parlare del fatto che le paure hanno una natura evoluzionistica fondamentale ed esistono ormai da molti anni tecniche cognitivo-comportamentali abbastanza meccaniche e di rapida riuscita come l’esposizione in vivo, l’esposizione in immagine e la desensibilizzazione sistematica che hanno lo scopo non di cancellare il ricordo di quanto uno stimolo faccia paura, ma di eliminare l’emozione “paura” associata allo stimolo stesso.

Quindi, pur accettando la potenzialità di cancellare un ricordo, credo che questa possibilità sia da considerarsi, come ogni ricerca in ambito neuropsicologico, importante per permettere di sapere qualcosa in più sul cervello e sul suo funzionamento e di comprendere sempre di più alcuni meccanismi cognitivi come quello della memoria, senza finire per creare replicanti che “osservano il mondo con il loro sguardo triste e puro, alla ricerca di una verità negata”

Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
uomo si gratta la testa guardando fuori dalla finestra
28 Maggio 2024

Tricotillomania: cos’è e come trattarla

Cos’è la tricotillomania esattamente? In questo articolo andremo a esplorare i sintomi, le cause e le strategie di trattamento di questa condizione poco nota rispetto ad altri disturbi della categoria ossessivo-compulsiva (DOC), cui appartiene anche…

due donne comunicano tra loro gesticolando
28 Maggio 2024

Comunicazione paraverbale: di che si tratta?

Molti di noi non sanno esattamente cosa sia la comunicazione paraverbale o non ne hai mai sentito parlare prima. Eppure, con comunicazione paraverbale si indica un aspetto fondamentale della comunicazione umana. Questa si compone di…

Due esperienze in CT di Roma
28 Maggio 2024

Due nuove esperienze in CT di Roma

Nel corso dell’ultimo anno, mi sono recato in due Comunità Terapeutiche facenti parte del DSM della Asl Roma 1, in qualità di volontario, in base all’esistenza di una Convenzione tra la Asl Roma 1 e…

extrasistole e ansia
28 Maggio 2024

Extrasistole e ansia: come capire il collegamento

Il cuore, motore instancabile del nostro corpo, scandisce il ritmo della vita con una precisione sorprendente. Tuttavia, a volte, questa armonia può essere interrotta da un battito improvviso e inaspettato: l’extrasistole. Questa sensazione, spesso descritta…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Attualità
Leggi tutti gli articoli
Due esperienze in CT di Roma
28 Maggio 2024

Due nuove esperienze in CT di Roma

Nel corso dell’ultimo anno, mi sono recato in due Comunità Terapeutiche facenti parte del DSM della Asl Roma 1, in qualità di volontario, in base all’esistenza di una Convenzione tra la Asl Roma 1 e…

Workaholic: dipendenti dal lavoro
22 Maggio 2024

Workaholic: dipendenti dal lavoro

Nell’attuale mondo frenetico, la linea tra impegno lavorativo e ossessione può sfumare facilmente. La figura del “workaholic“, o dipendente dal lavoro, emerge come il simbolo di una cultura che celebra l’eccesso come emblema di successo.…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd