Vaso di Pandora

Cicli interpersonali disfunzionali: di che si tratta?

Nell’esaminare la profondità delle dinamiche relazionali umane non possiamo evitare di affrontare la questione dei cicli interpersonali disfunzionali. Spesso questo fenomeno viene trascurato e sottovalutato, ma si tratta di un aspetto rilevante per la qualità delle nostre connessioni sociali. L’interazione del ciclo interpersonale è complessa e può plasmare in maniera insidiosa le dinamiche di relazione quando diventa non funzionale. Per aprire la strada a rapporti più sani, costruttivi e positivamente stimolanti, sarebbe necessario riconoscere questi cicli, per poterli affrontare e poi spezzare.

Può interessarti anche: “Sindrome di Tourette: che cos’è e come ci influenza

Cicli interpersonali disfunzionali: che cosa sono e quando diventano tali?

La psicologia definisce cicli interpersonali tutti gli schemi comportamentali ricorrenti che caratterizzano ogni interazione quotidiana. Quando questi cicli assumono una dimensione disfunzionale, diventano dei circoli viziosi, come fossero una sorta di loop – apparentemente senza fine – preposto a creare tensioni e conflitti nelle relazioni. Questo può manifestarsi attraverso schemi di comunicazione inefficaci, mancanza di empatia o ripetuti malintesi. L’aspetto cruciale è capire come tali ricorrenze, anziché risolversi spontaneamente, si autoalimentino. La problematica principale determinata dai cicli interpersonali disfunzionali è quella della creazione di una spirale negativa, la quale è spesso difficile da spezzare.

Il ciclo interpersonale disfunzionale è uno degli ingredienti alla base del disturbo di personalità. Insieme alle disfunzioni metacognitive, agli schemi interpersonali e alle strategie di coping, esso può dare origine a una condizione clinica che va affrontata in terapia. Questi ingredienti, come li abbiamo definiti, devono verificarsi tutti e quattro, nessuno escluso, perché si origini il disturbo. La sola comparsa dei cicli interpersonali disfunzionali non è sufficiente. Non di rado, comunque, essa si accompagna a uno o più degli altri ingredienti.

Qualora un soggetto soffra di problematiche metacognitive, più o meno gravi, incapperà in uno schema disfunzionale ogni volta che dovrà portare avanti un rapporto interpersonale, di qualsiasi durata o natura. L’innesco favorirà una fiammata. Chiunque si trovi intrappolato in simili schemi potrà difficilmente contare su strategie di coping capaci di renderlo conscio della situazione e migliorarne la socialità. Ciò causerà il ricorrere della stessa circostanza in futuro. Ecco perché parliamo di ciclo.

La definizione

Ora che abbiamo inquadrato i cicli interpersonali disfunzionali vediamo come li definisce la disciplina. La definizione più accurata si deve allo psichiatra e psicoterapeuta Giancarlo Dimaggio. Il ricercatore inquadra così il ciclo:

“I cicli interpersonali disfunzionali sono una sequenza di eventi intersoggettivi. Si tratta di un indursi reciproco di azioni, comportamenti e affetti che sostengono la disfunzione relazionale. I partecipanti contribuiscono a essa in modo in gran parte automatico e inconsapevole.”

Cosa comporta l’esistenza del ciclo all’interno di una relazione

Cicli interpersonali disfunzionali e relazioni
All’interno di un rapporto amicale o sentimentale, il ciclo interpersonale disfunzionale può comportare incomunicabilità, liti e allontanamenti.

Inevitabilmente, l’insorgenza di cicli interpersonali disfunzionali influenza profondamente la qualità delle relazioni. Essi conducono a una crescente mancanza di fiducia, a un inesorabile isolamento emotivo e a un progressivo deterioramento della comunicazione. Le dinamiche disfunzionali contribuiscono inoltre al perpetuarsi di comportamenti nocivi, minando la stabilità di amicizie, famiglie o relazioni sentimentali. La relazione con l’altro attiva, in chi soffre di questa condizione, una serie di segnali automatici, non verbali ed emozionali, che vengono inevitabilmente scambiati tra i due protagonisti della comunicazione e la interdicono. (Safran e Segal, 1990).

La ricerca indicata spiega come l’individuo disfunzionale faccia uso di meccanismi e strategie per non accedere a stati emotivi dolorosi, faticosi da tollerare. Ciò però suscita nell’altro un effetto straniante, dal momento che la conversazione non è scorrevole. In questo modo è possibile riattivare le sensazioni e i sentimenti temuti, esattamente quelli che si volevano tenere lontani. Ciò non può che minare le relazioni (in generale) a partire da quelle più significative (nel particolare). I cicli interpersonali disfunzionali non sono volontari. Pur materializzandosi a livello conscio durante un atto intenzionale e deliberato, come quello di intrattenere una conversazione, avvengono su un piano automatico inconscio.

Background e tipologie dei cicli interpersonali disfunzionali

Per comprendere appieno i cicli interpersonali disfunzionali, è essenziale esplorare il background psicologico che li alimenta. Tali insidie sono spesso radicate in esperienze passate. Germogliano in seguito a traumi non elaborati correttamente o a modelli relazionali sbagliati e distruttivi. Questi cicli finiscono per diventare una sorta di risposta automatica in determinate situazioni. Approfondire la situazione psicologica del soggetto intrappolato in uno schema non funzionale rivela i legami intricati tra le esperienze individuali e la nascita di questa non invidiabile condizione, che segna nel profondo l’identità dell’uomo come animale sociale.

Possiamo dividere i cicli interpersonali in due tipologie:

  • ciclo acuto. Si contraddistingue per l’intensità delle emozioni che scatena, la potenza della spinta all’azione disfunzionale e la durata molto breve. Si tratta di una sorta di rush. In terapia può condurre su due strade diametralmente opposte. La prima comporta l’adozione di una strategia netta che spesso conduce alla soluzione – o al contenimento – del problema in un pugno di sedute. La seconda è invece l’interruzione della seduta, in quanto il professionista non riesce a comunicare con il paziente come dovrebbe per poterlo aiutare;
  • ciclo cronico. I sentimenti sono in questo caso meno evidenti, talvolta proprio deboli, e le spinte scatenate sono facilmente contenibili. Nonostante ciò, si tratta di uno schema arcigno, spesso non facile da debellare e che richiede un iter terapeutico più lungo.

Può interessarti anche: “Psicologia di Tinder: cosa c’è dietro al suo successo?

Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
effetto pigmalione
3 Marzo 2024

Effetto Pigmalione: cos’è e come si manifesta?

L’effetto Pigmalione è un fenomeno psicologico per cui le aspettative che una persona nutre nei confronti di un’altra possono influenzare in modo significativo il comportamento e le performance di quest’ultima. Il nome deriva dalla figura…

pensiero laterale
3 Marzo 2024

Pensiero laterale: i 5 indovinelli per allenarlo

Il pensiero laterale è un modo di ragionare creativo che permette di trovare soluzioni originali a problemi apparentemente irrisolvibili. Si tratta di un approccio diverso dal pensiero logico e lineare, poiché richiede di uscire dagli…

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Le Ultime dall'Italia e dal Mondo
Leggi tutti gli articoli
effetto pigmalione
3 Marzo 2024

Effetto Pigmalione: cos’è e come si manifesta?

L’effetto Pigmalione è un fenomeno psicologico per cui le aspettative che una persona nutre nei confronti di un’altra possono influenzare in modo significativo il comportamento e le performance di quest’ultima. Il nome deriva dalla figura…

pensiero laterale
3 Marzo 2024

Pensiero laterale: i 5 indovinelli per allenarlo

Il pensiero laterale è un modo di ragionare creativo che permette di trovare soluzioni originali a problemi apparentemente irrisolvibili. Si tratta di un approccio diverso dal pensiero logico e lineare, poiché richiede di uscire dagli…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd