Vaso di Pandora

Cibarsi

Commento all’articolo Mangiare il giusto con gusto apparso su La Repubblica il 25 gennaio 2021

  Cibarsi: necessità, fonte di soddisfazione, spesso gioiosa. Tuttavia, ha delle ombre più o meno nascoste.

  Non  poche persone hanno un rapporto difficile con il cibo: dal lattante con il primitivo rapporto con il seno non privo di elementi conflittuali, dai bambini più cresciuti che possono farne un terreno di scontro con l’adulto –“se non mangi la tua bistecca non avrai altro” – arriviamo alle  mille idiosincrasie alimentari, magari mascherate da certe cosiddette intolleranze senza chiara base biologica, e fino alle forme nettamente patologiche: anoressia, sitofobia psicotica, bulimia. Le difficoltà alimentari possono essere una parte non piccola delle difficoltà di gestione terapeutica del sofferente mentale grave.

   Questo non può stupire, poiché l’alimentarsi, necessità vitale e di regola piacevole, ha comunque un sottofondo drammatico dimenticato. Un dato di fatto è che la vita animale, priva di clorofilla, può sostentarsi soltanto con la predazione: col distruggere un altro essere vivente per appropriarsi delle sue proteine e dell’energia chimica che contiene. Ogni animale è costituzionalmente aggressivo, e non può non esserlo.

  Stiamo divenendo più restii ad accettare questa realtà: crescono i vegetariani, i vegani; addirittura  si affaccia qualche “respiriano” che va ben oltre  pretendendo, letteralmente e follemente, di “vivere di aria”!   Ma “c’è un metodo in questa follia”: è correlata alla crescente consapevolezza che riconosce alle piante una particolare sensibilità e perfino una qualche forma di intelligenza. Consapevolezza presente, in forma meno estrema, nei “fruttariani”: reputano non colpevole solo mangiare frutta, che è comunque destinata ad esserlo in una operazione necessaria ad alcune forme di  riproduzione vegetale.

   D’altronde, nulla di nuovo sotto il sole: per fermarci agli ambiti culturali a noi più vicini, c’è da tanto tempo il digiuno rituale degli ebrei, quello degli islamici… Quanto a noi cristiani, abbiamo il prolungato digiuno di Gesù nel deserto e la parvenza di digiuno del Venerdì.

  Che in realtà il cibarsi non sia pacifico lo conferma l’esigenza di mascherare il cibo, di cuocerlo o comunque di manipolarlo, di renderlo diverso dall’essere vivente da cui proviene. Simone de Beauvoir intendeva sfidare questa esigenza, raccontando come lei e Sartre pranzassero spesso in modo sommario e disadorno: volevano “ridurre il cibarsi alla sua verità”. Ma non credo ci riuscissero del tutto. Credo che il ritualizzare il cibo favorisca una elaborazione depressiva del conflitto di base: il distruggere l’oggetto del desiderio. Ma può accadere che questa elaborazione ceda il passo alla negazione, in quel festino maniacale che è la bistecca al sangue.   Occuparci riflessivamente dell’alimentazione dei nostri pazienti è dunque una esigenza importante non solo per una esigenza biologica nutrizionale, ma anche perché curare il rapporto non sempre facile col cibo fa parte a pieno titolo della terapia: significa occuparsi di una attività che, per quanto quotidiana e fondamentale, non è priva di elementi conflittuali magari dimenticati ma attivi. Elaborarli può aprire la porta a un nutrirsi gioioso: a mangiare il giusto con gusto.

Argomenti in questo articolo
Condividi

Commenti su "Cibarsi"

  1. …a proposito del cibo:
    “Ma appena la sorsata mescolata alle briciole del pasticcino toccò il mio palato , trasalii, attento al fenomeno straordinario che si svolgeva in me, un delizioso piacere mi aveva invaso isolato, senza nozione di causa”.
    M. Proust
    Questo è il cibo secondo la mia personale esperienza , e così come spesso a questo quesito mi rispondono i pazienti e in senso più ampio ogni umano a cui ho chiesto.
    Un’ esperienza intensa legata ai sensi la cui memoria piacevole viene rievocata come un evento poetico.
    E.R.

    Rispondi

Lascia un commento

Leggi anche
una persona prende molte patatine da un tavolo pieno di cibo
16 Aprile 2024

Abbuffate compulsive: comprendere e gestire il disturbo

Le abbuffate compulsive, anche conosciute come disturbo da alimentazione incontrollata (Binge Eating Disorder, BED), sono un disturbo alimentare caratterizzato da episodi ricorrenti di eccessivo consumo di cibo, in cui si ha la sensazione di perdere…

Amare la solitudine: un uomo solo seduto su una panchina
16 Aprile 2024

Amare la solitudine: elementi da considerare

Si tende a pensare che le persone amanti della solitudine siano timide, riservate o addirittura asociali. In realtà, però, si tratta soltanto di pregiudizi, che spesso hanno poco a che fare con la verità. Imparare…

come calmare l'ansia velocemente
16 Aprile 2024

5 piccoli consigli su come calmare l’ansia velocemente

L’ansia è una condizione comune che può manifestarsi in diverse situazioni, causando sensazioni di paura, preoccupazione e disagio. Quando l’ansia diventa travolgente, può influire negativamente sulla qualità della vita. In questo articolo, vi daremo 5…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Attualità
Leggi tutti gli articoli
9 Aprile 2024

Suicidi in carcere: riflessioni

Nei primi tre mesi del 2024 sono 28 i suicidi nelle carceri. Un fenomeno complesso dove si intrecciano molteplici fattori: carenze della prevenzione, sovraffollamento, violenze, precarietà, scarse occasioni studio, lavoro e alloggi, povertà, migrazioni, uso…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd