Vaso di Pandora

Chi come me: lo spettacolo teatrale sulla malattia mentale

Quando ho comprato i biglietti per lo spettacolo, quel titolo Chi come me, non mi rimaneva in mente.

Dopo averlo visto, quello stesso titolo, è diventata una domanda continua, che ha risuonato dentro di me e che mi ha accompagnato e avvicinato a chi ho incontrato.

Avvicinare.

Chi come me in scena al Teatro Franco Parenti

Sì, perché Chi come me in scena al Teatro Franco Parenti di Milano fino al 4 maggio di Roy Chen con l’adattamento di Andrée Ruth Shammah, più che uno spettacolo teatrale è un’esperienza emotiva che avvicina alla malattia mentale.

I protagonisti

I protagonisti sono cinque adolescenti ricoverati in un centro di salute mentale. Giovani attori straordinari.

C’è Alma, vittima di violenza sessuale, affetta da un disturbo bipolare che la fa oscillare da momenti di chiusura e pianto a un’attivazione maniacale difficile da contenere; e poi c’è Barak, narcisista, che non gestisce le proprie emozioni, le sfoga in una rabbia esplosiva; c’è Ester che recita indossando la maschera di un leone, quello che non è riuscita ad essere per difendersi dalle molestie di uno zio, morto un attimo dopo averle rotto un braccio nel tentativo di abusare di lei; e poi Emanuel, con la sindrome di Asperger, che nella sua precisione scientifica memorizza ogni cosa pretendendo che tutto resti al proprio posto, che non tollera che qualcosa cambi. E infine c’è Tamara, che però vorrebbe essere Tom, figlia di una madre che la vuole a tutti i costi ballerina, e lei che si sente intrappolata in un corpo che non la rappresenta.

Il dottor Baumann che si cura di loro e lo fa anche grazie ad un corso di teatro tenuto dalla signorina Dorit, un tempo anche lei ricoverata nello stesso reparto.

Ed è proprio lei a proporre il gioco con cui i protagonisti si conoscono e si raccontano: in piedi, in mezzo al gruppo, una persona si dichiara con la frase, chi come me, concludendola con un’emozione, un comportamento che lo riguardi. Chi si riconosce, si alza dalla sedia e quello che non trova posto per sedersi, di nuovo si ritrova al centro, protagonista della domanda successiva.

E anche al pubblico viene chiesto di giocare. E da osservatori si diventa parte.

Chi come me, ha pianto questa settimana?

E tra gli spettatori ci ritroviamo quasi tutti con la mano alzata.

Il tentativo della signorina Dorit è di mettere in scena uno spettacolo teatrale, uno spettacolo nello spettacolo, e per quello chiede ai protagonisti di scrivere una lettera alla loro malattia, che leggeranno di fronte ai loro genitori.

Che entrano in scena. E allora capisci perché i figli stanno così male.

E allora mi è venuto in mente un paziente della comunità terapeutica in cui lavoro che al termine di un gruppo multifamiliare mi ha detto: ora che ho conosciuto i familiari dei miei compagni di terapia, ho capito perché stanno così male.

Ma non vuole essere una colpa. No, lo spettacolo non colpevolizza.

Ma attraverso il gioco del Chi come me, permette di identificarsi, di empatizzare, di pensarsi al posto di.

Chi come me: lo spettacolo teatrale sulla malattia mentale

La malattia mentale diventa qualcosa che riguarda tutti.

E anche se da professionista della salute mentale riconosci che nella storia ci sono dei luoghi comuni, o delle semplificazioni, pensi che non importa. Che quello che conta di più è l’esperienza di incontrarsi, attraverso il dolore dell’altro. Che può essere anche il tuo.

Uno spettacolo come questo permette di pensare alla malattia mentale come qualcosa che ci riguarda. E non come qualcosa da allontanare. O da mettere fuori.

Chi come me fa emergere ciò di cui tutti noi abbiamo bisogno: qualcuno che ci lanci una corda immaginaria a cui aggrapparci, in mezzo alla nostra tempesta.

“E se a volte non riusciamo a curare la psiche, possiamo almeno prenderci un respiro profondo insieme… allora forza, tutti insieme, un respiro profondo, uno, due…”

Argomenti in questo articolo
Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
uomo si gratta la testa guardando fuori dalla finestra
28 Maggio 2024

Tricotillomania: cos’è e come trattarla

Cos’è la tricotillomania esattamente? In questo articolo andremo a esplorare i sintomi, le cause e le strategie di trattamento di questa condizione poco nota rispetto ad altri disturbi della categoria ossessivo-compulsiva (DOC), cui appartiene anche…

due donne comunicano tra loro gesticolando
28 Maggio 2024

Comunicazione paraverbale: di che si tratta?

Molti di noi non sanno esattamente cosa sia la comunicazione paraverbale o non ne hai mai sentito parlare prima. Eppure, con comunicazione paraverbale si indica un aspetto fondamentale della comunicazione umana. Questa si compone di…

Due esperienze in CT di Roma
28 Maggio 2024

Due nuove esperienze in CT di Roma

Nel corso dell’ultimo anno, mi sono recato in due Comunità Terapeutiche facenti parte del DSM della Asl Roma 1, in qualità di volontario, in base all’esistenza di una Convenzione tra la Asl Roma 1 e…

extrasistole e ansia
28 Maggio 2024

Extrasistole e ansia: come capire il collegamento

Il cuore, motore instancabile del nostro corpo, scandisce il ritmo della vita con una precisione sorprendente. Tuttavia, a volte, questa armonia può essere interrotta da un battito improvviso e inaspettato: l’extrasistole. Questa sensazione, spesso descritta…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Cultura
Leggi tutti gli articoli
Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd