Vaso di Pandora

C’era una volta Freud. Ora lo psicoterapeuta sarà un computer.

Commento all’articolo apparso su La Repubblica il 17 luglio 2015

La tentazione è rispondere “ti sentiremo su questo un’altra volta”, cioè quando e se i computer avranno una vita emozionale piena di articolazioni e sfaccettature come la nostra, e un tipo di intelligenza capace di coglierle, pensarle, gestirle, elaborarle, in se stesso e nell’altro. Ma è sempre bene, credo, non ignorare approcci pur lontani dal nostro modo di pensare. La cosa mi ha incuriosito, e sono andato a guardarmi direttamente su Science l’articolo che professionalmente ci riguarda, e che fortunatamente è lontano da trionfalismi: Artificial intelligence; the sinthetic therapist, di John Bohannon.

La tecnica è ovviamente cognitivo-comportamentale; nel caso clinico di fobia sociale portato ad esempio, una serie di esercizi di progressiva esposizione alle situazioni temute, che ricordano da vicino la vecchia tecnica di desensibilizzazione specifica (Wolpe) è preceduta da un momento cognitivo di identificazione di pensieri e realtà disturbanti. La novità è che tutto ciò è gestito da un computer dotato di specifico programma, senza intervento umano successivo alla creazione del programma stesso.

La cosa richiede necessariamente una qualche forma di “intelligenza” nel computer, e pertanto si lega al problema dell’intelligenza artificiale. Lontano progenitore è ELIZA, un programma creato mezzo secolo fa.

Gli studiosi impegnati in questi progetti non ignorano il limite di questi approcci, la mancanza di quel tipo di rapporto fra paziente e”terapeuta” che include conscio o subconscio riconoscimento delle emozioni: cercano di superarlo includendo nelle informazioni una serie di dati espressivi, mimici o comunque non verbali.

E’ questa la meta – fare a meno del rapporto fra persone – cui vuol condurci un’impostazione perfino più reificante di quella dei vecchi manicomi dove questo rapporto – magari sadico – c’era? C’è da dire che anche i promotori di questo indirizzo non hanno, complessivamente, abbandonato la prudenza. E’ vero che alcuni fra loro, i più radicali, ritengono che in qualche caso la terapia con computer, ritenuto “più obbiettivo” (sic) possa vantaggiosamente sostituire quella con una persona umana; ma altri pensano che questa vada comunque necessariamente inserita nel circuito di cura, e che il computer sia più che altro uno strumento coadiuvante. Vedono il vantaggio sostanzialmente nella possibilità di mettere a disposizione interventi psicologici (evidentemente a corto raggio) a un maggior numero di persone.

Staremo a vedere…

Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
effetto pigmalione
3 Marzo 2024

Effetto Pigmalione: cos’è e come si manifesta?

L’effetto Pigmalione è un fenomeno psicologico per cui le aspettative che una persona nutre nei confronti di un’altra possono influenzare in modo significativo il comportamento e le performance di quest’ultima. Il nome deriva dalla figura…

3 Marzo 2024

Un bicchiere di latte caldo

In seconda media ebbi il pensiero lucidissimo di voler diventare medico, quando conobbi la storia del dott. Albert Schweitzer, in particolare un pensiero scritto nel suo libro Rispetto per la vita; personalità di spicco, famoso…

pensiero laterale
3 Marzo 2024

Pensiero laterale: i 5 indovinelli per allenarlo

Il pensiero laterale è un modo di ragionare creativo che permette di trovare soluzioni originali a problemi apparentemente irrisolvibili. Si tratta di un approccio diverso dal pensiero logico e lineare, poiché richiede di uscire dagli…

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Attualità
Leggi tutti gli articoli
L'effetto dei social media sui giovani
26 Febbraio 2024

L’effetto dei social media sui giovani

Ancora prima di affrontare l’articolo affiora un ricordo: forse tredicenne, torno a casa, un pomeriggio dopo la scuola, e all’ingresso registro qualcosa di diverso. Sul telefono grigio della SIP, sul disco, c’è un lucchetto.

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd