Vaso di Pandora

Biciterapia per la mente

Commento all’articolo apparso su La Repubblica

di Luca Gavazza e Maurizio Cristofanini

Come il foglio bianco dello scrittore. Bisogna cominciare. Finalmente ho il tempo libero per farlo. Strappo un po’ di tempo. Forzo.

Come Jekyll e Hyde. Mi devo trasformare da sedentario medico ad intraprendente ciclista. La vestizione è una parte importante. Un rito tecnico indispensabile per entrare nel nuovo setting. La fatica e lo sforzo fisico cominciano da lì.

Guardo fuori dalla finestra. Il tempo meteorologico orienta la scelta delle maglie e dei pantaloni traspiranti.

Controllo le gomme. Hanno bisogno di una gonfiata. Olio nel cambio. La bici è pesante.

Ora siamo fuori. Non sono solo. Siamo io e lei.

Allaccio gli scarpini e faccio scattare l’attacco dei pedali. Ecco ora siamo una cosa unica . Ibrida. Un insieme. Un tutt’uno . Può cominciare la seduta di mindfulness.

Gli occhi servono per vedere. Le orecchie per sentire. I polmoni per respirare. Il cuore per battere. Le gambe per pedalare. Nella strada tra Sciarborasca e il Deserto di Varazze c’è una salita detta “Il Calvario”. Si arriva lì già in debito di ossigeno e sembra un ostacolo insormontabile. Tachicardico mi chiedo il perchè della fatica. Il perchè non mi fermo. Lo scoprirò dopo quando sul falsopiano della Alpicella pedalo leggero. Sono arrivato in cima. Sul punto più alto. Sono premiato. Nella mente scorrono immagini. Aiutato dalle endorfine faccio riflessioni che altrimenti sarebbe difficile fare. La famiglia, gli amici, i ricordi, gli odori, impegni, problemi, quello che ho intorno. Ho la mente libera. Sono in armonia con la natura. Medito?

Comincia la discesa. La paura di cadere. Adrenalinica. Come potrebbe essere? Scivolato sull’asfalto? Errore nella traiettoria della curva? Come cadrò? A 10 anni contro un auto inseguito da un certo Mario aggressivo e di età più grande? Come quella volta a 18 anni trasportato da una amica sul motorino? Come quell’altra sulla terra del sentiero per il parco del Beigua? Escoriazioni, traumi, male. Ho il casco. Quanto basta per sentirmi protetto. L’esaurimento muscolare mi fa pensare al tè caldo e alla doccia. Due premi che mi spettano. Li merito.

Mi sento bene. Meglio di quando sono partito. Conta questo. Ora. Dormirò. Mi sveglierò dolorante. Mi sorprenderò di avere anche un corpo. Guarderò nella camera di mia figlia la mia mountain bike che vicino alla sua sul piedistallo è ridiventata e così resterà per alcuni giorni uno stendibiancheria.

Maurizio
Andare in bici può essere terapeutico? mah…dipende
Fare attività fisica con una certa continuità fa bene. Ribadisco, fare attività, non scrivere, leggere, guardare o parlare ma farla. Oggi più che mai siamo informati ma questo non risulta sufficiente a condizionare le nostre cattive abitudini.

Cerchiamo il parcheggio sotto casa a costo di girare per ore, prendiamo rigorosamente l’ascensore per evitare di fare le scale, sottoscriviamo abbonamenti annuali in palestra colpiti dallo sconto per poi scoprire che diviso per le volte che l’hai effettivamente frequentata ogni allenamento è costato 200 euro o forse dovrei dire che il costo per gestire i sensi di colpa è di 200 euro?

Siamo fondamentalmente pigri, e sazi, sì sazi perché un tempo per mangiare bisognava cacciare, quindi la fame sommata alle camminate infinite in cerca di selvaggina modellavano, rinforzavano e tonificavano il corpo senza aspettare la prova costume.

Oggi la stanchezza è più di natura mentale che fisica, ritmi incalzanti, impegni, problemi da risolvere tengono in scacco l’attenzione che sfinita cede e si concede a soluzioni non sempre salutari (aperitivino… sigarettina) per staccare (chimicamente) la spina in attesa di un secondo giro di giostra.

Veniamo ora alla bici. Un vero culto.

Vintage o super tecnologica, con i freni a bacchetta o a disco, in acciaio o in carbonio/titanio, tradizionale o con la pedalata assistita, in regalo con la televisione a colori o dai costi equivalenti ad una utilitaria, quindi…ad ognuno la sua. A questo punto, spolverati i completini dalle immancabili colorazioni fluo, inforchiamo la nostra bici e proviamo ad ascoltarci…

Il cuore asseconda lo sforzo e spera di non incontrare nessuno con un passo più veloce ma detto – fatto, sopraggiunge la classica fila indiana che sfreccia e lì la differenza la fa la testa… che si arrende all’istinto e comanda alle gambe di raggiungere la “preda”. L’area sottocorticale sembra farla da padrona, l’attenzione si concentra sui pochi centimetri che separano la nostra gomma anteriore da quella posteriore del nostro avversario. Velocità, media, e BPM fanno da contorno. Il cuore in gola, le gocce di sudore scendono dalla fronte e attraversano tutto il viso raggiungendo le labbra con il loro immancabile gusto salmastro. Una danza sensuale tra piacere e fatica asseconda tutta l’esperienza e ne definisce il carattere dominante. Di tutt’altra tonalità è la passeggiata ciclo-turistica. Lì, il piacere è la naturale risposta a cornici paesaggistiche e alla compagnia, ad un ritmo cadenzato che permette di godere attraverso organi di senso, stimoli e tempo a disposizione.

Per “Federica” tutto questo non è valido.

Nel suo caso associare alla bicicletta il sostantivo femminile “terapia” non è possibile. La bici le ha portato via il marito (trasformandolo in ex) si è insinuata in modo subdolo all’interno della copia sottraendo gradualmente e sistematicamente tempo, desiderio e piacere sostituendosi di fatto all’amata (il tradimento è compiuto).

Concludendo, andare in bici può essere un’esperienza piacevole ma ricordatevi di indossare sempre il casco, guidare con prudenza e non dimenticate di leggere attentamente le avvertenze e le modalità d’uso.

Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
uomo si gratta la testa guardando fuori dalla finestra
28 Maggio 2024

Tricotillomania: cos’è e come trattarla

Cos’è la tricotillomania esattamente? In questo articolo andremo a esplorare i sintomi, le cause e le strategie di trattamento di questa condizione poco nota rispetto ad altri disturbi della categoria ossessivo-compulsiva (DOC), cui appartiene anche…

due donne comunicano tra loro gesticolando
28 Maggio 2024

Comunicazione paraverbale: di che si tratta?

Molti di noi non sanno esattamente cosa sia la comunicazione paraverbale o non ne hai mai sentito parlare prima. Eppure, con comunicazione paraverbale si indica un aspetto fondamentale della comunicazione umana. Questa si compone di…

Due esperienze in CT di Roma
28 Maggio 2024

Due nuove esperienze in CT di Roma

Nel corso dell’ultimo anno, mi sono recato in due Comunità Terapeutiche facenti parte del DSM della Asl Roma 1, in qualità di volontario, in base all’esistenza di una Convenzione tra la Asl Roma 1 e…

extrasistole e ansia
28 Maggio 2024

Extrasistole e ansia: come capire il collegamento

Il cuore, motore instancabile del nostro corpo, scandisce il ritmo della vita con una precisione sorprendente. Tuttavia, a volte, questa armonia può essere interrotta da un battito improvviso e inaspettato: l’extrasistole. Questa sensazione, spesso descritta…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Attualità
Leggi tutti gli articoli
Due esperienze in CT di Roma
28 Maggio 2024

Due nuove esperienze in CT di Roma

Nel corso dell’ultimo anno, mi sono recato in due Comunità Terapeutiche facenti parte del DSM della Asl Roma 1, in qualità di volontario, in base all’esistenza di una Convenzione tra la Asl Roma 1 e…

Workaholic: dipendenti dal lavoro
22 Maggio 2024

Workaholic: dipendenti dal lavoro

Nell’attuale mondo frenetico, la linea tra impegno lavorativo e ossessione può sfumare facilmente. La figura del “workaholic“, o dipendente dal lavoro, emerge come il simbolo di una cultura che celebra l’eccesso come emblema di successo.…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd