Vaso di Pandora

La scelta di un lavoro nella psichiatria

Ricordo ancora la prima volta che ho visto un matto. Ero all’università e durante una esperienza pratica il professore ci ha portati nell’ex op di Collegno. Per me i matti avevano un accento piemontese: ricordo che Giovanni, portava sempre sugli occhi una maschera da sub, non la toglieva mai, lui che in manicomio c’era entrato a sei anni. Ricordo Luciana che dopo una fuga d’amore, ancora minorenne, aveva seguito il suo uomo lasciando alle spalle la sua famiglia per poi ritrovarsi anche lei in manicomio dopo la fine del suo breve matrimonio; quell’uomo, simpatizzante con le BR, l’aveva portata lì per una “crisi nervosa” e da lì lei ne è uscita solo dopo alcuni cicli di elettroshock. Ricordo, in quel momento decisi che quello sarebbe stato il mio lavoro. Ero solo ai primi anni dell’università ed ancora tanta strada, tanti studi, avrei dovuto fare prima di riincontrare i folli.

L’inizio del mio lavoro

Solo dopo, per me, i matti sono diventati un lavoro e alla guida del pulmino della comunità non posso che ricordare il gruppo itinerante del mercoledì. Lì seduto a fianco a me c’era Guido che faceva stare zitte le voci per poter rispondere alle mie domande, c’era Carmine che sentiva un latrato di cane che fuoriusciva dalle suole delle sue scarpe. Pulmino 6 posti ma quanto affollamento!

Ma anche da lì di tempo ne è passato. Sono ormai 25 anni. Altra comunità, stesso lavoro.

Mi sembra siano passate tante psichiatrie, oltre a tanti anni di una medesima cosa, di un lavoro che nasce come passione e che ritrovo ancora.

Sempre di Ultimi si tratta. Ora hanno nomi differenti parlano anche lingue differenti, si tagliano fanno uso di sostanze ma sempre di ultimi si tratta.

E noi? I cosiddetti sani? Mi è sempre sembrato più difficile pensare a me e ai miei colleghi. Troppo presi ad osservare gli altri e meno a disposti a pensare a noi. Anche questa è una difesa ed un’arma che la maggior parte di noi sa usare più o meno bene.

L’esperienza insegna

Qualche ruga consente di ritenere questo un lavoro importante, un lavoro denso di significati di domande e poche risposte. Una vita passata ad osservare anche il minimo cambiamento dove pare evidente una lotta tra due pericoli di segno opposto: lo spontaneismo e il tecnicismo. Lo spontaneismo anti-tecnico, antintellettuale che porta a vedere di risolvere i problemi con una generica combinazione di buon senso e di buon operare e il tecnicismo terapeutico, efficientista, psicologizzante che legge, interpreta e restituisce.

L’impegno del terapeuta è costantemente volto a prendere coscienza della propria collera. Là dove si struttura un quadro terapeutico di lavoro occorre prestare attenzione da una parte ai movimenti pericolosamente fusionali o sideralmente distanzianti. È qui che lo spazio per pensare deve essere preservato lasciando che vengano contenute le emozioni, i sentimenti di vuoto letti in un contesto relazionale.

Il nostro lavoro è e sarà influenzato in misura maggiore dalla curiosità, dal desiderio, dalla passione, dalla fantasia, dall’invenzione, dalla creatività, dall’improvvisazione.

Note Bibliografiche
1

Carmelo Conforto, Luigi Ferranini, Anonio Maria Ferro e Giovanni Giusto, Lavorare in psichiatria, 2005 Bollati Borighieri.

Argomenti in questo articolo
Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
signora all'aria aperta
12 Luglio 2024

Le origini della psicologia della Gestalt

La psicologia della Gestalt, una scuola di pensiero che ha avuto origine in Germania all’inizio del XX secolo, offre un approccio unico e olistico alla comprensione della mente umana. Questa corrente psicologica si distingue per…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Attualità
Leggi tutti gli articoli
Quali sono le tue passioni?
1 Luglio 2024

Quali sono le tue passioni?

Nella pratica psichiatrica, declinata nel giro visite, nell’appuntamento al CSM (centro di salute mentale) o nell’attività del proprio studio, uno dei momenti più complessi e delicati è quello di instaurare un dialogo efficace con l’interlocutore,…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd