Vaso di Pandora

Altrove

Pare che tra le ultime frasi di Dino Buzzati ci sia stata una stupita osservazione di sé stesso in quel momento: “strano…non arriverò a sera, ma, se il direttore mi chiedesse un articolo … glielo farei!”

Definito da qualche critico “cronista fino al midollo” : cronista della storia minuta della città, una cronaca del reale che pare tuttavia…. pedinare il mistero (si veda il racconto Ombra del Sud).

Vorrei partire da Dino Buzzati, quale personaggio dal carattere schivo di cui recentemente ho appreso la storia personale : ne ho sentito il racconto e mi ha colpito che nei “corridoi” al Corriere, il suo giornale, fosse definito “il cretinetti”.

Il carattere schivo così crudamente messo alla berlina fa pensare… cosa può nascondere la riservatezza e in che modo risulta irritante , penosa o provocatoria? Nei suoi racconti compare un’umanità tracotante che pecca di hubris a confronto con gli umili, i poveri, i bambini che invano “bussano alla porta dei grandi” avendo colto “il messaggio” e spesso invano tentano di avvisare…sta arrivando la fine del mondo, ma i padroni di casa sono troppo prepotenti per avvedersene…una servetta si accorge dell’imminente inondazione, ma viene insultata e messa a tacere dalla padrona di casa…

Straordinaria la descrizione nel racconto “Turismo” del gruppo frettoloso e tracotante che vuole andar via in fretta da Samarcanda non sapendo cogliere l’implicito invito dello Chaffeur a guardare e quando ormai sul Bus i turisti sprovveduti si accorgono della bellezza del luogo e vorrebbero tornare indietro, l’occasione è persa.

Molto suggestivo anche il suo modo di definire “faccenda” qualcosa di inquietante come quando dice…un altro non se ne sarebbe neppure accorto invece il Plenilunio è faccenda spaventosa …. ma sarebbe bello naufragare per sempre in questo infinito.

O mentre riesce a raccontare del funerale di sua madre… nel racconto “I due autisti “.

Sarebbe bello poterle regalare un supplemento di autentica vita ….ma (per riparare) adesso è tardi , spaventosamente tardi.

Altri esempi dell’Altrove:

Paolo Nori, recentemente agli onori della cronaca per la gaffe dell’Università Bicocca di Milano che ha sospeso il suo corso su Dostoevskij in relazione all’invasione russa dell’ Ucraina, nei giorni scorsi ha risposto ad un giornale russo che gli inviava una serie di domande per un’intervista, declinando l’invito perché a tutte avrebbe risposto “non lo so , non sono competente di geopolitica, mi occupo di cose meno importanti: di letteratura russa”.

Ecco, sono convinta (forse lo ha anche detto) che Nori ritenga di occuparsi di cose tra le più importanti …

Anche lui (me lo ha fatto notare Paola de Stefani) scrive della morte della madre perchè argomento di cui non vuole parlare, far sapere , ma lo mette in un romanzo ”perché è l’unico posto dove riesco a dire certe cose al volume al quale è necessario dirle “.( Sanguina ancora Ed. Mondadori p155)

L’ultimo esempio di altrove che desidero citarvi riporta al paesaggio visto e sentito “da dentro” . La visione poetica dell’Haiku ce ne parla da una prospettiva assai diversa , prospettiva che tuttavia ci rende più consapevoli del paesaggio, del luogo nella sua essenza interiore.

Ecco qui come BACHŌ, il grande maestro di Haikai, visionario , vagabondo può faci rivivere un momento del suo percorso nel profondo nord giapponese tra le rovine di un tempio.

Nel silenzio

Penetra nella pietra

Il canto delle cicale

Mi sembra interessante riflettere su come tutto ciò abbia a che fare anche con “l’empatia della natura“. In un precedente articolo avevo accennato al “eppur si commuove” di Bruno Latour per prendere un appunto a proposito di una sorta di rivisitazione attualissima, che mi ha profondamente toccato, riguardo l’animismo. Revisione che sostanzialmente rivaluta la visione animistica (a lungo “bollata” di primitività tout court) prendendo atto di come l’animismo contenga ed esprima la capacità di mettersi in relazione con quanto ci circonda attraverso l’attenzione e la cura che solo un’affettuosità che si accende verso tutto quanto è intorno a noi può veicolare proprio come accade spontaneamente ai bambini che entrano in contatto con l’ambiente, i luoghi, gli oggetti,le pietre, i luoghi e gli animali “alla pari” cercando di comunicare con loro.

Per completare questi pensieri sparsi vorrei tornare a “il cretinetti”, l’epiteto di qualche collega a Buzzati, come un rifiuto a riconoscere una differenza che viene cortocircuitata nel ridicolo. Mi piace proporvi, prendendo spunto dalla Pasqua, di ripensare assieme alla metafora del racconto dell’apparizione di Cristo risorto nel pellegrinaggio verso Emmaus che mette a fuoco il “peccato” di non riconoscere “l’altro” con gli occhi del cuore , ma anche l’apertura della mente che come nel racconto evangelico può progredire in un percorso insieme ai compagni e al maestro anch’egli in cammino .

Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
effetto pigmalione
3 Marzo 2024

Effetto Pigmalione: cos’è e come si manifesta?

L’effetto Pigmalione è un fenomeno psicologico per cui le aspettative che una persona nutre nei confronti di un’altra possono influenzare in modo significativo il comportamento e le performance di quest’ultima. Il nome deriva dalla figura…

3 Marzo 2024

Un bicchiere di latte caldo

In seconda media ebbi il pensiero lucidissimo di voler diventare medico, quando conobbi la storia del dott. Albert Schweitzer, in particolare un pensiero scritto nel suo libro Rispetto per la vita; personalità di spicco, famoso…

pensiero laterale
3 Marzo 2024

Pensiero laterale: i 5 indovinelli per allenarlo

Il pensiero laterale è un modo di ragionare creativo che permette di trovare soluzioni originali a problemi apparentemente irrisolvibili. Si tratta di un approccio diverso dal pensiero logico e lineare, poiché richiede di uscire dagli…

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Attualità
Leggi tutti gli articoli
L'effetto dei social media sui giovani
26 Febbraio 2024

L’effetto dei social media sui giovani

Ancora prima di affrontare l’articolo affiora un ricordo: forse tredicenne, torno a casa, un pomeriggio dopo la scuola, e all’ingresso registro qualcosa di diverso. Sul telefono grigio della SIP, sul disco, c’è un lucchetto.

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd