Vaso di Pandora

Terapia breve strategica: approcci e benefici

La terapia breve strategica è un approccio psicoterapeutico che si è diffuso a partire dagli anni ’80 come alternativa efficace alle psicoterapie tradizionali a lungo termine. Questo tipo di terapia si focalizza sul presente del paziente e sulla risoluzione rapida dei suoi problemi, utilizzando tecniche strategiche mirate.

In questo articolo analizzeremo nel dettaglio in cosa consiste la terapia breve strategica, quali sono i suoi principali approcci e i benefici che può offrire. Vedremo come questo modello terapeutico permette di ottenere cambiamenti profondi e duraturi in tempi relativamente brevi, grazie all’attenzione posta sulla soluzione di problemi specifici e sulla mobilitazione delle risorse del paziente.

Cos’è la terapia breve strategica

La terapia breve strategica, nota anche con la sigla TBS, è un modello di psicoterapia sviluppato nei primi anni ’80 dallo psichiatra e psicoterapeuta Paul Watzlawick e dai suoi collaboratori del Mental Research Institute di Palo Alto in California.

Le premesse di base della TBS sono che il cambiamento è possibile e che può avvenire rapidamente, concentrandosi sul presente e sul futuro piuttosto che analizzare il passato. Gli interventi sono focalizzati sulla soluzione di problemi specifici e ben definiti, mobilitando le risorse e le capacità insite nel paziente. Le sedute sono strutturate e seguono un approccio strategico, da cui il nome di questo modello.

La terapia è di breve durata, tipicamente da 5 a 20 sedute, e si concentra su obiettivi limitati e chiari stabiliti insieme al paziente. L’alleanza terapeutica tra paziente e terapeuta è fondamentale, così come la messa in discussione delle convinzioni disfunzionali e l’apprendimento di nuove modalità di pensiero ed azione.

I principali approcci della terapia breve strategica

terapia breve strategica

Nel panorama della terapia breve strategica, numerosi sono i rami che si sono diramati mantenendo saldi i principi fondamentali del modello originario, ma differenziandosi attraverso l’adozione di strategie e tecniche specifiche. La terapia breve strutturata, ad esempio, affronta problemi ben definiti attraverso l’impiego di metodi come l’assegnazione di compiti, l’uso dell’umorismo e l’impiego del paradosso per stimolare il cambiamento. D’altra parte, la terapia basata sulle soluzioni si distingue per il suo approccio pragmatico: piuttosto che indagare le cause dei problemi, si concentra sulle risorse del paziente e sulle eccezioni positive che emergono dalla sua esperienza di vita, tracciando una via verso soluzioni concrete.

La terapia narrativa, invece, si affida al potere della storia personale e alla sua reinterpretazione. Attraverso questo processo, il paziente può trasformare le proprie percezioni disfunzionali e costruire nuove narrazioni più sane e costruttive. In un ambito più intimo, la terapia centrata sulle emozioni incoraggia i pazienti a esplorare e modificare i propri stati affettivi attraverso tecniche come l’imaging guidato, promuovendo una maggiore consapevolezza emotiva.

Infine, la terapia paradossale si avventura in un territorio apparentemente contraddittorio: il terapeuta invita il paziente a intraprendere attività che, a prima vista, potrebbero sembrare controproducenti. Tuttavia, è proprio in questa controintuitività che risiede la loro efficacia, poiché possono innescare una risoluzione indiretta del problema. Così, attraverso questi diversi approcci, la terapia breve strategica si adatta alle esigenze uniche di ogni individuo, fornendo un ventaglio di opzioni per affrontare le difficoltà con creatività e flessibilità.

I benefici della terapia breve strategica

La terapia breve strategica si distingue per la sua efficacia nel determinare cambiamenti positivi in tempi relativamente brevi. Questo approccio si focalizza sul presente e sul futuro del paziente, senza indugiare sul suo passato, con l’obiettivo pragmatico di risolvere difficoltà specifiche. Gli interventi mirati richiedono un impegno ridotto sia per il paziente sia per il terapeuta.

L’alleanza terapeutica rappresenta un elemento chiave, basata su un rapporto di fiducia tra le due figure. Il terapeuta strategico mira a mettere in discussione convinzioni e schemi mentali disfunzionali, per sviluppare nuovi e più adattivi modi di pensare e agire. Fondamentale è l’attivazione delle risorse e potenzialità positive innate nel paziente.

A tale scopo, il terapeuta utilizza tecniche strategiche quali la prescrizione di compiti, l’umorismo e il paradosso. L’obiettivo è quello di favorire un rapido apprendimento di nuove competenze per il problem solving. È grazie a questa combinazione di fattori che la terapia breve strategica può produrre risultati positivi in tempi relativamente rapidi.

Grazie a queste caratteristiche, la terapia breve strategica può portare sollievo in tempi relativamente rapidi a chi soffre di difficoltà circoscritte, quali ansia, depressione lieve, difficoltà relazionali, senza necessità di una terapia intensiva e prolungata. I benefici in termini di benessere e funzionamento della persona possono quindi essere significativi.

La terapia breve strategica, dunque, si è dimostrata un approccio psicoterapeutico molto versatile ed efficace per il trattamento mirato di diverse problematiche. La focalizzazione sul presente e sul cambiamento, la breve durata, le tecniche strategiche utilizzate sono tutti elementi che la rendono adatta a un’ampia gamma di persone in cerca di un miglioramento relativamente rapido del loro benessere.

Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
signora all'aria aperta
12 Luglio 2024

Le origini della psicologia della Gestalt

La psicologia della Gestalt, una scuola di pensiero che ha avuto origine in Germania all’inizio del XX secolo, offre un approccio unico e olistico alla comprensione della mente umana. Questa corrente psicologica si distingue per…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Le Ultime dall'Italia e dal Mondo
Leggi tutti gli articoli
signora all'aria aperta
12 Luglio 2024

Le origini della psicologia della Gestalt

La psicologia della Gestalt, una scuola di pensiero che ha avuto origine in Germania all’inizio del XX secolo, offre un approccio unico e olistico alla comprensione della mente umana. Questa corrente psicologica si distingue per…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd