Vaso di Pandora

Storie di vita quotidiana

Il barbecue di R.

Stamattina ero in giro con Boè, sulla passeggiata, pieno di turisti ed un clima decisamente estivo.
Vedo un giovane uomo che si avvicina e mi saluta calorosamente.
È R. ospite di una Comunità qua vicino.
R. viene dalla Rems.

Mi chiede come sto. Di solito sono io che quando vedo ex pazienti che ho avuto in cura, chiedo loro come stanno.
È sorridente, piacevole, contento della sua nuova casa.
Mi dice che deve rientrare per fare la grigliata.
Oggi è festa (è il 2 giugno), e siamo soliti celebrare le feste con qualche cosa di diverso.
La grigliata la farà lui, lui che non ha mai toccato un piatto durante i 5 anni che ha passato in Rems, nonostante la sua capacità professionale.
Ho trovato una persona, sono felice per lui.

Gli ho detto di salutarmi la sua mamma quando la vedrà.
R. si è commosso… abbiamo pensato insieme a questa mamma che ad ogni visita piangeva per la sorte del figlio, piangeva con lui per la disgrazia accaduta.
Una disgrazia che si poteva evitare.
I segnali di malessere R. li ha dati.
Eccome se li ha dati.

Ora R. ripara, ricostruisce una vita anche se ciò che è accaduto è indimenticabile.
Per tutti.

Ringrazio i colleghi per averlo accolto in Comunità, per essersi accollati il famoso “rischio” del trattamento di gente come lui.
Vale la pena di provarci.
Con tutte le cautele del caso
Vale la pena di fronte a giovani di 20 anni.

È chiaro che si deve porre attenzione alla personalità ,al tipo di delitto compiuto, al posto dove si manda il paziente.
Ogni comunità del nostro gruppo ha un modello simile ma uno stile diverso di portarlo avanti.
Ogni paziente ha esigenze diverse e bisogni diversi.
Occorre trovare l’incastro giusto.
Occorre impiegare tempo per avviare la relazione tra il paziente e la nuova comunità.
In modo che il cambiamento non sia drastico, non diventi un salto nel buio.

Se non si potesse provare io non sarei in grado di lavorare in Rems.
Non saprei lavorare senza dare speranza.
Ed uscire dalla Rems, a tempo debito, è l’unica speranza che la maggior parte chiede.
C’è anche chi spera di rimanervi per sempre.
Ma lo sappiamo. È il massimo a cui possono aspirare alcuni con storie terribili e reati altrettanto impronunciabili.

Zapparoli ci insegnò tante cose.
Ci insegnò anche che alcune persone hanno bisogno per sempre di una comunità che li accolga e dopo un po’ devono cambiare.
Stessa funzione terapeutica ma diverso luogo e nuove relazioni.
Può capitare che qualcuno debba rientrare in Rems.
Si corregge, si riprogramma, si riprova.
Meglio curati fuori che chiusi dentro.
Non era già stato detto da un certo, inflazionato e misconosciuto Basaglia?

Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
L'acquisizione di maturità
23 Luglio 2024

L’acquisizione di maturità

Ogni anno, a giugno, il tema degli esami di maturità torna sui giornali con le  previsioni e i commenti sugli argomenti dei temi, con le interviste agli esperti che suggeriscono le strategie di studio e…

Scala Griffiths cosa è
23 Luglio 2024

Scala Griffiths: valutazione dello sviluppo infantile

La scala Griffiths è uno strumento fondamentale per la valutazione dello sviluppo infantile, utilizzata da decenni in ambito pediatrico e psicologico. Sviluppata negli anni ’50 da Ruth Griffiths, questa scala rappresenta un punto di riferimento…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Appuntamenti
Leggi tutti gli articoli
Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.