Vaso di Pandora

Shiva sul lettino di Freud

La nostra psiche vista da Oriente
Lo Shiva del titolo me lo ha fatto tornare alla mente come coprotagonista di un arcaico mito.

Suo figlio Ganesh viene  incaricato dalla madre Parvati di sorvegliare affinchè nessuno la veda mentre fa il bagno. Egli pretende però di sbarrare il passo perfino al padre, Shiva, e questi lo decapita; ma poi, commosso dalle preghiere di Parvati, gli innesta la testa di un elefante in sostituzione della sua.
Ciò mi ha colpito perchè   tratta lo stesso tema dell’occidentale mito di Edipo: scontro fra padre e figlio per il possesso esclusivo della madre. La differenza evidente sta nell’esito dello scontro, che nel mito induista vede il padre prevalere facilmente sul figlio per poi  perdonarlo  offrendo una riparazione.
Questa tuttavia non riporta le cose allo stato precedente, ma è fonte di un momento evolutivo: Ganesh “cambia testa”, come prima o poi ogni figlio deve fare, e diviene addirittura il Dio della saggezza e della memoria (“memoria da elefante?”).
Dunque, anche nella visione induista l’acquisizione della maturità passa attraverso uno scontro con il padre, ma questi  sottomette il figlio imponendogli un cambiamento di testa, e certo di visione del mondo; diversamente da quanto accade a Edipo che, animato fin dall’inizio da uno spirito di ricerca attivamente curiosa e di spinta al cambiamento, rovescia rivoluzionariamente i rapporti di potere ma paga questa vittoria con un penoso e colpevole disancoramento, che forse ancora oggi viviamo.
E’ questo, credo, un filo rosso mai completamente interrotto nel mondo occidentale, anche se a lungo dissimulato, che va dal dubbio socratico e dalla scepsi fino al nascere della scienza, al concetto di democrazia e alle moderne ideologie rivoluzionarie.
Torniamo al mito indù: vi  si evidenzia una serie di tematiche destinate a riapparire, millenni dopo, nella ricerca psicanalitica: il concetto lacaniano di “nome del padre” come fondante il principio di realtà, di Bion sul rapporto fra frustrazione depressiva e l’apprendere dall’esperienza, della Klein sulla riparazione.
E l’esplicita carnalità del racconto  ci conduce all’importanza del desiderio nel pensiero indù: va ricordata la figura di Prajapati, generato da Brahma e a sua volta creatore – demiurgo che, spinto dal desiderio, si scalda con una ascesi e poi emette gli esseri: creazione vista quasi come una sorta di eiaculazione.
Nel suo articolo, Sudhir Kakar ricorda l’importanza nella cultura indù – indiana della connessione (val la pena notare che questa nelle Upanishad ha un significato assolutamente globale – connessione universale della realtà – e un nome: Apti).
Prosegue mostrando che questa concezione dominante si riflette nell’immagine di un corpo strettamente connesso all’insieme della natura, e non sostanzialmente diverso dalla mente; nonchè nella visione del rapporto fra individuo e collettività. Per Kakar, l’idea indiana del Sé non è quella di una individualità unica autoconclusa, ma di un qualcosa costituito da rapporti; e le idee fondamentali su famiglia, matrimonio, differenze di genere sono di origine culturale.
A dire il vero, non  pare che queste posizioni siano così estranee all’odierno pensiero occidentale (anche se forse questo ne è debitore in parte proprio al pensiero orientale). Molti anni fa Autori come Sullivan e Kardiner parlavano di analisi culturale, che  vede il soggetto come inserito un contesto socioculturale; Sullivan poneva l’accento sulla interazione fra individui, giungendo a negare il concetto psicologico di individuo e a sostenere che la personalità è definita da processi interpersonali.
Su un piano più generale, il concetto centrale di Dasein (esistenza, ma anche presenza, esser-ci) di Heidegger riconosce senso all’essere solo in quanto situato.
Ciò non toglie che nella visione induistica  la connessione regni in modo più ampio ed esplicito, anche fra cose che noi teniamo ben distinte, quasi con timore di un reciproco inquinamento. Lo si vede anche in esempi terra terra della quotidianità, che lascia connesse istanze e attività : colpisce la confidenza che i credenti  si prendono con immagini e simboli religiosi (ho visto stendere biancheria ad asciugare sui gradini di un tempio, ho visto macellare cerimonialmente animali da cortile poi tranquillamente cucinati e mangiati a casa).
Coerentemente, Sudhir Kakar conclude con l’invito  a farsi guidare “da una immagine della psiche in cui l’inconscio individuale dinamico e l’inconscio culturale sono strettamente collegati e l’uno arricchisce, vincola e modella l‘altro mentre evolvono contemporaneamente insieme nella vita”.
Condividi

Commenti su "Shiva sul lettino di Freud"

  1. Dove nasce il mito se non dalle passioni che pervadono il nostro essere, quindi mi pare umanamente comprensibile che esse appartengano a tutti; il contesto le declina secondo culture sensibilità e caratteristiche anche speciespecifiche.

    Rispondi

Lascia un commento

Leggi anche
Animal hoarding: una cucciolata di gattini
12 Aprile 2024

Animal hoarding: cos’è la sindrome di Noè?

L’espressiona animal hoarding si può tradurre in italiano con accumulo di animali. Il fenomeno non è molto noto nel nostro Paese, ma ciò non significa che non ci riguardi. Non è conosciuto non perché non…

Frasi del cappellaio matto: Alice con un coniglio in braccio
12 Aprile 2024

Le più iconiche frasi del Cappellaio Matto

Il Cappellaio Matto, senza ombra di dubbio, è uno dei più amati personaggi all’interno del coloratissimo mondo di Alice nel paese delle Meraviglie. Nonostante sia passato oltre un secolo dalla prima pubblicazione dell’opera di Lewis…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Cultura
Leggi tutti gli articoli
Il paradosso della Clozapina
12 Aprile 2024

Il paradosso della Clozapina

La Clozapina rimane l’unico antipsicotico indicato nelle schizofrenie resistenti. La maggior parte dei pazienti che non rispondono agli altri antipsicotici può avere beneficio dall’utilizzo della Clozapina.

Oltre la comunità: la fattoria terapeutica
9 Marzo 2024

Oltre la comunità: la fattoria terapeutica

Perché oltre. Il discorso ha una coerenza con quanto proposto da me all'inizio del progetto di comunità terapeutiche del gruppo Redancia. Il riferimento che feci alla psichiatria a indirizzo psicodinamico e alla psichiatria sociale citava…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd