Vaso di Pandora

Sessismo nell’informazione: una forma di discriminazione diffusa

Negli ultimi anni si è assistito a un aumento della consapevolezza sulla questione della discriminazione di genere e sulla necessità di promuovere la parità di genere. Tuttavia, il sessismo nell’informazione rimane una problematica diffusa e ancora troppo spesso sottovalutata. Si tratta di una forma di discriminazione che si manifesta attraverso l’uso di stereotipi e di linguaggio sessista, la sottorappresentazione delle donne e la mancanza di attenzione a temi legati alla parità di genere.

La sottorappresentazione delle donne nei media

Uno dei problemi maggiori legati al sessismo nell’informazione riguarda la sottorappresentazione delle donne nei media. Ancora oggi, le donne sono spesso invisibili o rappresentate in modo stereotipato, soprattutto in ambiti considerati “maschili” come la politica, l’economia e lo sport. Questo tipo di rappresentazione non solo limita la visibilità delle donne, ma contribuisce a perpetuare il pregiudizio secondo cui alcune professioni o attività sono riservate solo agli uomini.  La conferma arriva direttamente dai risultati di una serie di studi condotti sulla partecipazione femminile al quinto programma quadro della Commissione europea (5PQ): è emerso che le donne sono sottorappresentate in quasi tutti i settori di ricerca.

Gli studi hanno preso in esame sei dei sottoprogrammi del 5PQ, concentrandosi in particolare sul numero di donne impegnate in attività di ricerca nell’ambito dei progetti finanziati dall’UE, sulla loro partecipazione ai gruppi di valutazione delle proposte di ricerca, sulla rappresentanza femminile in seno alla Commissione e sul grado di soddisfacimento delle esigenze delle donne nell’ambito dei programmi di ricerca finanziati dall’Unione europea.

Il linguaggio sessista nei media

Un altro problema legato al sessismo nell’informazione è l’uso di linguaggio sessista. Troppo spesso, nei media si fa uso di termini che mettono in secondo piano la figura femminile, enfatizzando invece quella maschile. Ad esempio, si parla di “scienziato” anziché di “scienziata”, di “manager” anziché di “manageressa”. Questo tipo di linguaggio, seppur inconsapevole, contribuisce a perpetuare la discriminazione di genere e la subordinazione delle donne.

La necessità di una maggiore attenzione alla parità di genere

Quando ci si addentra nel fenomeno della discriminazione, della parità o della repressione del genere femminile in ambito lavorativo soprattutto, ma anche economico, ci si dimentica di quanto questo fenomeno possa riportare conseguenze negative a livello psicologico nella vita di ogni donna costretta a sopportare ingiustizie dalla notte dei tempi. La conseguenza scaturisce dal fatto che sempre più donne ricorrono alla consulenza dello psicologo per aumentare la propria autostima, dare una svolta alla propria vita ed imparare a sentirsi più forti nelle relazioni interpersonali, ed è un bene che questo accada perché con coraggio affrontano la realtà cercando di rimettersi in gioco.  La gran parte delle problematiche derivano dallo stress accumulato durante il lavoro, che non aiuta a farle sentire all’altezza di ricoprire il ruolo assegnato, solo perché donne, o forse solo perché potrebbero essere future madri.

Per contrastare il sessismo nell’informazione, è necessaria una maggiore attenzione alla parità di genere nei media. Ciò significa promuovere una rappresentazione equilibrata e non stereotipata delle donne, utilizzare un linguaggio inclusivo e sensibile alla questione di genere e porre maggiore attenzione a temi legati alla parità, come la violenza di genere, la maternità e la conciliazione tra vita familiare e lavoro. A tal proposito, invece, le conclusioni tratte dalle analisi condotte sulla partecipazione delle donne ai gruppi di monitoraggio, incaricati della stesura di relazioni sul grado di avanzamento nell’attuazione del programma, si sono rivelate più positive di quanto previsto. Lo sforzo compiuto dalla Commissione al fine di aumentare la selezione delle donne per alcuni dei gruppi, ha permesso di raggiungere una rappresentanza femminile compresa fra il 20 e il 50 per cento.

Argomenti in questo articolo
Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
Frasi di psicologi famosi
26 Febbraio 2024

Le 10 frasi più belle di psicologi famosi

L’ambito della psicologia, con le sue profonde intuizioni sul comportamento umano e sulla mente, ha fornito al mondo un’abbondante collezione di pensieri e riflessioni significative. Gli psicologi di fama mondiale, attraverso il loro impegno costante…

L'effetto dei social media sui giovani
26 Febbraio 2024

L’effetto dei social media sui giovani

Ancora prima di affrontare l’articolo affiora un ricordo: forse tredicenne, torno a casa, un pomeriggio dopo la scuola, e all’ingresso registro qualcosa di diverso. Sul telefono grigio della SIP, sul disco, c’è un lucchetto.

Tabellone bianco con frase motivazionale
26 Febbraio 2024

Come diventare coach motivazionale

Il coach motivazionale è una figura che affianca l’individuo per conoscere i meccanismi della sua motivazione e per imparare a riconoscerli, in modo tale da imparare ad ascoltare il corpo e la mente così da…

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Le Ultime dall'Italia e dal Mondo
Leggi tutti gli articoli
Frasi di psicologi famosi
26 Febbraio 2024

Le 10 frasi più belle di psicologi famosi

L’ambito della psicologia, con le sue profonde intuizioni sul comportamento umano e sulla mente, ha fornito al mondo un’abbondante collezione di pensieri e riflessioni significative. Gli psicologi di fama mondiale, attraverso il loro impegno costante…

Tabellone bianco con frase motivazionale
26 Febbraio 2024

Come diventare coach motivazionale

Il coach motivazionale è una figura che affianca l’individuo per conoscere i meccanismi della sua motivazione e per imparare a riconoscerli, in modo tale da imparare ad ascoltare il corpo e la mente così da…

Grafologia: un testo su un foglio
25 Febbraio 2024

Grafologia: ecco come spiega la tua personalità

Inizialmente, la disciplina della grafologia era qualcosa di esotico, di cui leggere tra le pagine dei romanzi di Arthur Conan Doyle. Il suo più famoso personaggio, il celebre detective Sherlock Holmes, era infatti in grado…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd