Musica

Prime riflessioni sulla web-radio Redancia

25 Febbraio 2021
Nessun commento

La pandemia da Covid-19 e il successivo lockdown ha destabilizzato la “normalità” e la routine quotidiana di tutti noi e anche degli ospiti delle nostre comunità. Il rallentamento forzato della quotidianità comunitaria, alle volte frenetica fra visite, uscite e impegni vari, ha permesso di rivalutare i momenti e le attività svolte con i nostri pazienti riqualificandole e riorganizzandole.
In questo periodo di ritiro forzato è stato necessario ridare valore al tempo in comunità potenziando quello dedicato sia specifico sia aspecifico. Come spiegato dal prof. Giovanni Giusto nel webinar sul tempo, entrambi hanno una forte valenza nella relazione con i nostri pazienti contribuendo ad entrare maggiormente in contatto con loro sia da un punto di vista clinico sia ludico e partecipativo; molto importante è lo stare assieme, pazienti che spesso erano fuori dalla comunità hanno partecipato attivamente alle attività proposte in questo periodo.
Considerati i presupposti, la web-radio Redancia, progetto nato e cresciuto in questo particolare periodo storico, acquista un importante valore clinico-relazionale. Mi viene in mente un paziente che alla domanda cosa dovrei dire durante il mio intervento ha risposto “che ci divertiamo”. Tale frase, tanto semplice quanto importante, è ancor più rilevante se si conoscono le caratteristiche del paziente e le sue fragilità. Questa semplice considerazione mi ha aiutato a comprendere ancor di più l’importanza di tutte le attività della comunità, sia quelle interne sia quelle esterne (ad esempio i Luoghi dell’immaginazione, il gruppo barca e tutte le attività svolte con enti esterni) che hanno un impatto importante sui pazienti che vi partecipano.
La web-radio, oltre allo stare assieme, ha contribuito ad annullare le differenze e la “gerarchia” fra operatori e pazienti consentendo a tutti di parlare il medesimo linguaggio: quello della musica influenzato da tutti i significati personali che porta con sé. I ragazzi, con l’operatore, si sono quindi riuniti per molto tempo a scegliere le canzoni preferite, ascoltarle assieme e organizzarle in una playlist da riprodurre nella giornata. La web-radio è uno strumento molto flessibile e dinamico che trascende il luogo in cui si trova l’apparecchiatura elettronica per poter raggiungere tutte le strutture interessate a parteciparvi in modo semplice e funzionale. Questa grande duttilità ci permette di condividere pensieri, interessi personali e riflessioni potendo quindi oltrepassare le mura comunitarie. Un ultimo aspetto importante riguarda la possibilità di poter vedere (in questo caso ascoltare) il risultato del proprio lavoro; poter ascoltare sé stessi e gli altri, ascoltare la propria canzone preferita o commentarne una di propria creazione. Anche se siamo ancora all’inizio di questo progettare possiamo già condividere l’entusiasmo che l’idea ha generato negli ospiti e il clima di partecipazione che abbiamo direttamente sperimentato e che ha permesso al progetto di uscire dalle mura della Tolda per poter raggiungere tutti coloro che vi vogliono aderire.


Tag:, ,

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri come vengono trattati i tuoi dati