Vaso di Pandora

Omicidi seriali: fattori psichiatrici o legame con la criminalità organizzata?

Un luogo comune ci fa pensare che con l’arresto del Mostro di Firenze sia finita, almeno in Italia, l’epoca dei killer seriali.

I recenti fatti di cronaca però, rappresentano una forte smentita a tale affermazione e, senza andare troppo lontano con gli anni, potremmo ricordarne alcuni come il caso del Killer di Asti che ha mietuto quattro vittime accomunate dall’essere prostitute. Proprio come nel recente femminicidio commesso da Giandavide De Pau che ha stroncato la vita di tre donne, tutte prostitute e straniere, nel quartiere borghese Prati della Capitale.

Il cinquantunenne pare avesse agito in preda ad un raptus di lucida e spietata violenza, aveva alle spalle precedenti psichiatrici ed era già in cura presso il Sert a causa della sua tossicodipendenza da cocaina. Ma possiamo rintracciare tratti in comune tra i serial killer che si accaniscono su una predeterminata tipologia di vittime? Secondo la testimonianza per Adnkronos dello scrittore noir e noto avvocato criminalista Gianluca Arrighi:

«Nella maggior parte dei casi, i serial killer di prostitute sono uomini affetti da gravi disturbi della sfera sessuale che derivano da un background familiare problematico, caratterizzato da violenza e carenze affettive. Sono quasi sempre individui ossessionati dal controllo totale sugli oggetti del loro desiderio. Controllo che non riescono ad avere nel mondo reale, dove sono spaventati dal potere della donna».

L’uomo, che ha agito nello stretto raggio di 700 metri, su due donne cinesi e una colombiana, è stato incastrato nel giro di poche ore dalle telecamere del quartiere, ma ha anche rivelato il triplice omicidio ad un’altra donna che ha testimoniato.

L’uomo era legato alla criminalità romana così come è avvenuto per altri assassini seriali. Ovviamente questo collegamento non è un fattore sempre presente, la serialità degli omicidi, come suddetto, andrebbe piuttosto imputata alla psiche turbata (spesso traumatizzata) di questi individui e non collegata all’appartenenza alla criminalità organizzata.

Anche la scelta delle armi non è un fattore che accomuna i vari assassini seriali. De Pau ha agito accoltellando le vittime ma se pensiamo a Donato Bilancia, tra i più feroci che ha agito in Italia, adoperava un’arma da fuoco e un solo colpo alla testa per togliere la vita alle sue vittime. Come ha agito anche a distanza di poche settimane Claudio Campiti durante una riunione di condominio.

Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
L'acquisizione di maturità
23 Luglio 2024

L’acquisizione di maturità

Ogni anno, a giugno, il tema degli esami di maturità torna sui giornali con le  previsioni e i commenti sugli argomenti dei temi, con le interviste agli esperti che suggeriscono le strategie di studio e…

Scala Griffiths cosa è
23 Luglio 2024

Scala Griffiths: valutazione dello sviluppo infantile

La scala Griffiths è uno strumento fondamentale per la valutazione dello sviluppo infantile, utilizzata da decenni in ambito pediatrico e psicologico. Sviluppata negli anni ’50 da Ruth Griffiths, questa scala rappresenta un punto di riferimento…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Le Ultime dall'Italia e dal Mondo
Leggi tutti gli articoli
Scala Griffiths cosa è
23 Luglio 2024

Scala Griffiths: valutazione dello sviluppo infantile

La scala Griffiths è uno strumento fondamentale per la valutazione dello sviluppo infantile, utilizzata da decenni in ambito pediatrico e psicologico. Sviluppata negli anni ’50 da Ruth Griffiths, questa scala rappresenta un punto di riferimento…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.