Vaso di Pandora

Narrazione nella clinica

[Vorrei proporre alcune riflessioni giocate tra confini e contraddizioni che tuttavia appartengono a quella cultura psichiatrica a mio avviso più consona a sostenere creativamente pratiche e idee in evoluzione cioè significativamente orientata alla dimensione comunitaria in senso lato solitamente più rappresentata tra fenomenologi e psicoterapeuti . Desidero riproporre e prendere spunto da tre diverse aree: il rapporto tra psichiatria e le altre discipline mediche,il rapporto tra arte e cura, il rapporto delle cure che utilizzano riferimenti allo sviluppo delle conoscenze sulla mente di ambito psicoterapeutico e neuroscientifico].

Voglio partire da una poesia folgorante collegandola con elementi di pregiudizio e rigidità istituzionalizzanti e per converso a pratiche efficaci che ho voluto riprendere da ambiti medici non psichiatrici , esempi di un’utile concretezza dettata da un fattivo desiderio di curare.

“Dì addio a stare in piedi,/disse mia sorella. Sedevamo sulla nostra panchina preferita/fuori dalla stanza comune,sorseggiando/ un bicchiere di gin senza ghiaccio./Sembrava più o meno acqua, sicchè le infermiere/passando sorridevano,/soddisfatte che ci stessimo idratando ben bene. ( Louise Glück Ricette per l’inverno dal collettivo. Il SaggiatoreEd.)”

Poeta statunitense, vincitrice del premio Nobel per la letteratura nel 2020, spirito forte, spiazzante e di grande eleganza Louise Glück con le sue poesie trascina in un racconto che mi pare poter definire, silenzioso, anche per quanto ha a che fare con il suo mondo interno che condivide tramite immagini ed è permeato dalla Natura . Si esprime molto chiaramente infatti, quando dice “Ciò che altri hanno trovato nell’arte,/io l’ho trovato nella natura. Ciò che altri hanno trovato/nell’amore umano,io l’ho trovato nella natura”.

Un’altra faccia di questa scrittrice riguarda una forma di contatto ironico e dissacrante con certe scomode realtà molto evidenti per noi europei nello sguardo critico attraverso cui guardiamo all’America, realtà che peraltro ci appartengono più di quanto crediamo.

Vorrei focalizzare l’attenzione sui primi versi che ho citato per come illustrano certe aree del rapporto tra cure e istituzioni e soprattutto tra curanti e curati. A volte ,zone oscure , riguardano una sorta di stupidità, fatte di reciprocità narrative cariche di retorica forse adattative e finalizzate ad addomesticare o forzare impasse relazionali e comunicativi. Ricordo , alcuni già conoscono la storia di un nostro paziente bipolare che per un certo periodo ha assunto i sali di litio soltanto in occasione dei prelievi ematologici… quasi proteggendo la relazione con il terapeuta da fratture legate ad una irriducibile avversione. Penso ovviamente che in psichiatria condividiamo il problema (oggi rubricato con il termine inglese di compliance) presente in qualsiasi tipo di disciplina medica. Percorsi evidentemente virtuosi per affrontarlo ed avvicinare alle cure con strategie (vedi PODI) e farmaci (vedi CARLA ) adeguati al contesto appartengono, come quelli che ho citato tra parentesi per brevità, all’ambito infettivologico e le strategie citate si sono sviluppate per traghettare ai percorsi terapeutici malati di AIDS.

Benchè ci sia da sperare che competenze specifiche consentano in psichiatria modalità di comunicazione adattate alle complesse circostanze esistenziali dei nostri pazienti, spesso è possibile imparare da altri ambiti medici pratiche innovatrici per semplificare l’accesso alle cure in quanto paiono conservare maggior concretezza nella ricerca di alleanze terapeutiche. In sintesi tuttavia rendere praticabili le cure significa essenzialmente capacità di semplificare e accogliere , così come stabilire relazioni fungibili in primis prevede l’esserci: “Lei ha chiamato nel posto giusto!” la risposta cardine per un buon inizio di un’indispensabile alleanza terapeutica così ben identificata ed eplicitata dagli insegnamenti di “Open dialogue”.

Peraltro ,per aprire un dialogo comprensivo, l’apprendimento più naturale resta il più adeguato e godibile, mi riferisco a quanto possiamo imparare dal ripercorrere storie di umanità vissuta e cioè sperimentare e “vivere di più” col tramite delle vite degli altri nel racconto e nell’osservare. Come, per tornare ai versi di Louise Glück , ci fa sperimentare la poesia, mostrando in modo folgorante, l’intimità complice della sorellanza in situazioni critiche dove il “salutare”, rigidamente igienico [idratarsi ben bene], viene a rappresentare solo un ostacolo rispetto al più importante scambio dello stare insieme, nell’habitat proprio di una specifica cultura familiare forse con il ricordo delle trasgressioni adolescenziali ed anche il cinismo disperato dell’età adulta in momenti di perdita o malattia grave o altri eventi traumatici di cui alcune vite sono più cariche , ma che ognuno può intendere e partecipare.

Lo scopriremo solo vivendo …diceva una canzone della mia gioventù, oggi mi è sempre più chiaro quanto si deve all’apprendere dall’esperienza.

W.Bion con questo titolo in uno tra i suoi lavori più noti e importanti ha affrontato la questione del senso (non del significato) e di come il pensiero può contenere il senso conducendo la sua riflessione sui percorsi di elaborazione e trasformazione:”Credo sia possibile dare qualche idea del mondo che si dischiude,nel momento in cui cerchiamo di comprendere il nostro comprendere.”con queste parole infatti propone l’obiettivo di Apprendere dall’Esperienza.

Da quegli studi pionieristici è passato molto tempo e molte conoscenze hanno potuto evolvere in dimensioni più ampie e interdisciplinari ,mi preme sottolineare quest’ultimo elemento di sempre maggior valore condiviso in risonanza con il tema dell’intersoggettività.

Per converso anche l’ ambito letterario sviluppa con sempre maggior frequenza ricerche di rilievo interdisciplinare , mentre le teorie letterarie si sono rivelate utili per definire il funzionamento del cervello e della mente per come sono prese in considerazione da illustri neuroscienziati come Daniel C.Dennett o Gerald M. Edelman ed anche il modello narrativo viene ampiamente utilizzato per descrivere le attitudini cognitive di Homo sapiens. (si veda “perché le storie ci aiutano a vivere di Michele Cometa Ed Raffaello Cortina 2017)

Mi piace concludere con le bellissime parole di Tzvetan Todorov da “What is literature for?”:

Abbiamo necessità di includere le opere d’arte del passato nel gran dialogo che si svolge tra gli umani, un dialogo che è cominciato all’alba del tempo e in cui ognuno di noi, per quanto piccola sia la sua parte partecipa ancora. Noi, gli adulti, abbiamo il dovere di passare alle future generazioni questa fragile eredità, queste parole che ci aiutano a vivere.”

Condividi

Commenti su "Narrazione nella clinica"

  1. Molto interessanti le riflessioni sulle possibilità che la letteratura offre di esplorare il mondo affettivo, cognitivo, relazionale dell’essere umano. Se è vero che dalle esperienze degli altri si possono sempre trarre utili insegnamenti di vita, questo vale ancor di più quando la mediazione avviene attraverso un’opera d’arte. Che cosa più della poesia riesce ad esprimere la gioia o il dolore, la fragilità, lo smarrimento, la lacerazione dell’animo umano ….?

    Rispondi

Lascia un commento

Leggi anche
famiglia con bambini passeggia su un molo al tramonto
24 Maggio 2024

Siblings e Autismo: guida per famiglie e fratelli

Ricevere la diagnosi di autismo in un bambino rappresenta un momento delicato e significativo per tutta la famiglia, ed è importante in questa fase guidare alla comprensione e all’accettazione della condizione del bambino i cosiddetti…

donna sta per andare al wc
24 Maggio 2024

Vescica iperattiva psicosomatica: cause e soluzioni

Con vescica iperattiva si indica la condizione per cui si avverte il bisogno urgente e frequente di urinare, spesso accompagnato da incontinenza. Questa condizione non è solo la conseguenza di problematiche e disfunzioni fisiche, ma…

L'empatia: la relazione che cura
24 Maggio 2024

L’empatia: la relazione che cura

Il concetto di empatia venne introdotto da  Robert Vischer, filosofo tedesco e professore di storia dell’arte, a fine ‘800, deriva dal termine empátheia, ovvero «sentire dentro» e definisce la capacità di introiezione dell’oggetto artistico da parte dello spettatore

grooming
24 Maggio 2024

Grooming: riconoscere e prevenire l’abuso online

Il grooming è una forma di adescamento online che coinvolge i minori, con l’obiettivo di stabilire una relazione di fiducia per poi sfruttarli sessualmente. In un’era sempre più digitale, è fondamentale che genitori, educatori e…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Cultura
Leggi tutti gli articoli
Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd