Vaso di Pandora

LSD, il nome in codice che aprì le porte della coscienza

Marco Belpoliti, nella sua interessante serie sulle sostanze psicoattive, rievoca la rivoluzione psichedelica degli anni ‘60  col suo motto “Accenditi, sintonizzati, abbandonati”.

L’idea di base era che l’effetto della sostanza psicoattiva non sia un “minus”, una compromissione del funzionamento mentale, ma al contrario un “plus”, un suo potenziamento, un allargamento di prospettive, un accedere a spazi della mente abitualmente inaccessibili, a una realtà in qualche modo superiore.
Anche la psicanalisi si propone di accedere ad aree e dinamiche mentali di solito nascoste, ma è lontana dal considerarle in qualche modo “superiori”: si pone, anzi, come psicologia del profondo, dei nostri sotterranei. Per Freud l’Io deve restare integro nella sua attitudine conoscitiva, non può essere uno zimbello delle istanze profonde: “dove c’è l’Es dovrà esserci l’Io”.
L’idea di una supremazia della condizione psichedelica non è una novità assoluta dei tempi di Leary. Ha occupato un notevole spazio nelle culture precolombiane, spazio di cui autori come Castaneda hanno ritenuto di trovar traccia ancora nel Centro – e Sud America del XX secolo. Nel nostro mondo occidentale questo orientamento è stato sempre minoritario e fugace, ma raramente assente.
Baudelaire così parlava del vino: “Certe bevande contengono la facoltà di aumentare oltre misura la personalità dell’essere pensante e di creare, per così dire, una terza persona, operazione mistica, dove l’uomo naturale e il vino, il dio animale e il dio vegetale, giocano il ruolo del Padre e del  Figlio nella Trinità: essi generano uno Spirito Santo , che è l’uomo superiore, che procede da entrambi”.   Ecco riapparire qui esplicitamente il legame con l’esperienza   religiosa.
Uno sdoganamento indiretto della sostanza psicotropa lo opera forse anche Joyce nell’Ulisse, nel capitolo “il bagno” che ha come secondo titolo riferito all’Odissea  “i lotofagi”, la mitica popolazione di tossicodipendenti. Quel capitolo parla di attività  molto abituali come la frequenza conformistica alla Messa, il cercare aiuto nei farmaci, il chiacchierare di vacuità, e si conclude con la descrizione di un rilassante bagno caldo. Nulla, in apparenza,  lontano dalla tossicodipendenza  quanto  queste innocue pratiche: ma è possibile che  l‘Autore intenda che proprio queste esperienze ripetitive sono le vere droghe psicosedative, con l’effetto pacificante ma ottundente di un bagno caldo? Qualcosa che al confronto potrebbe fargli  ritenere meno pesanti gli effetti degli oppiacei?
E’ da questo stato, definito da Kerouac  “colpevolmente tranquillo”, che Leary, Ginsburg, Burroughs e tanti altri hanno creduto di poter risvegliare l’umanità con l’aiuto di farmaci perturbanti la psiche e all’insegna dello slogan – guida : “accenditi, sintonizzati, abbandonati”.
Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
soppressione del peso: una ragazza tiene in mano una bilancia
21 Giugno 2024

Soppressione del peso: pericoli e gestione

Si definisce soppressione del peso la differenza tra il peso più alto raggiunto da un individuo e quello registrato quando si giunge alla statura adulta. La massima altezza che possiamo toccare è un valore indipendente…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Cultura
Leggi tutti gli articoli
Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd