Vaso di Pandora

Le tue parole mi uccidono. Il viaggio di Miriam e Gaetano attraverso la Psicosi (3)

Gaetano cerca di portare alla vita la paziente con le sue parole terapeutiche ma Miriam lo raffigura come un persecutore. Lo dipinge con le corna sulla testa, come le allucinazioni dei demoni che la tormentano, ha in mano una spada sguainata con cui l’ha ferita al cuore. Dietro di lui scorgiamo una moltitudine di soldati armati di spade, tutti hanno le corna demoniache. La paziente chiama queste figure “i crociati” affermando che essi rappresentano le parole del terapeuta che la uccidono.

Questa idea ricorda l’osservazione di Laing, secondo cui l’amore terapeutico talora è percepito dal paziente come pericoloso e mortifero.

Una delle motivazioni per cui il paziente psicotico potrebbe temere l’amore del terapeuta deriva dalla profonda paura di sentirsi inghiottito o completamente annientato da quest’ultimo. Secondo Laing, tale timore può essere radicato nella percezione che l’amore sia un’esperienza abbandonante o invasiva, minacciando così la fragilità dell’identità e del senso di sé del paziente. L’amore del terapeuta potrebbe risvegliare nell’individuo psicotico la paura di essere totalmente sottomesso a un controllo esterno.

Laing metteva in evidenza come la psicosi sia spesso accompagnata da una profonda sfiducia nelle relazioni e nel mondo esterno. Il paziente può dubitare della sincerità e dell’autenticità dell’amore del terapeuta, temendo che sia solo un’illusione o una maschera per ottenere il controllo su di lui.

Inoltre Laing riconosceva che il paziente psicotico può temere l’amore del terapeuta perché questo potrebbe mettere in discussione le sue convinzioni deliranti o le sue distorsioni della realtà. L’amore genuino e l’empatia del terapeuta potrebbero contrastare le convinzioni del paziente, costringendolo a confrontarsi con la sua esperienza psicotica e a mettere in discussione, in sostanza ad “uccidere”, il suo sistema di credenze.

Il paziente psicotico può dunque temere l’amore del terapeuta per la paura di essere inghiottito o annientato, per la sfiducia verso le relazioni e la realtà esterna, per il conflitto tra le proprie convinzioni deliranti e l’amore genuino del terapeuta.

È essenziale evidenziare che Gaetano non esprimeva alcun tipo di violenza verbale nei confronti di Miriam, tuttavia ella percepiva le sue parole come aggressive a causa della proiezione delle sue tendenze distruttive su di lui. La paziente nutriva un desiderio di morte nei confronti del marito e del terapeuta, ma attribuiva questi impulsi omicidi al terapeuta stesso. Immaginando che il terapeuta potesse ucciderla tramite le parole, si collocava su un livello di parità con lui e si apriva alla possibilità di accettare i cambiamenti proposti da Gaetano per la sua trasformazione.

Il terapeuta, nonostante assumesse il ruolo del persecutore, conservava intenzioni benevole nei confronti della paziente, anche se poteva apparire a lei come una sorta di figura demoniaca con le corna. Grazie a questa dinamica, Gaetano è riuscito a integrare e trasformare le proiezioni distruttive della paziente, per poi riconsegnarle a Miriam sotto forma di pensieri metabolizzati e privi di tossicità.

Condividi

Commenti su "Le tue parole mi uccidono. Il viaggio di Miriam e Gaetano attraverso la Psicosi (3)"

  1. Colpisce che i diavoli siano raffigurati come Crociati, storicamente portatori di una religione che vuol essere dell’Amore, ma perpetratori di inimmaginabili stragi. Mi pare che ciò parli del compito – difficile e quotidiano per ciascuno di noi, improbo per la mente psicotica – di integrare in qualche modo il buono e il cattivo, la soddisfazione e la frustrazione, il piacere e il dolore. Il diavolo, diabolon, forse è l’impedimento a questa integrazione; che prende forma anche nel rapporto di cura.

    Rispondi

Lascia un commento

Leggi anche
famiglia con bambini passeggia su un molo al tramonto
24 Maggio 2024

Siblings e Autismo: guida per famiglie e fratelli

Ricevere la diagnosi di autismo in un bambino rappresenta un momento delicato e significativo per tutta la famiglia, ed è importante in questa fase guidare alla comprensione e all’accettazione della condizione del bambino i cosiddetti…

donna sta per andare al wc
24 Maggio 2024

Vescica iperattiva psicosomatica: cause e soluzioni

Con vescica iperattiva si indica la condizione per cui si avverte il bisogno urgente e frequente di urinare, spesso accompagnato da incontinenza. Questa condizione non è solo la conseguenza di problematiche e disfunzioni fisiche, ma…

L'empatia: la relazione che cura
24 Maggio 2024

L’empatia: la relazione che cura

Il concetto di empatia venne introdotto da  Robert Vischer, filosofo tedesco e professore di storia dell’arte, a fine ‘800, deriva dal termine empátheia, ovvero «sentire dentro» e definisce la capacità di introiezione dell’oggetto artistico da parte dello spettatore

grooming
24 Maggio 2024

Grooming: riconoscere e prevenire l’abuso online

Il grooming è una forma di adescamento online che coinvolge i minori, con l’obiettivo di stabilire una relazione di fiducia per poi sfruttarli sessualmente. In un’era sempre più digitale, è fondamentale che genitori, educatori e…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Cultura
Leggi tutti gli articoli
Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd