Vaso di Pandora

La nuova frontiere dei disturbi mentali: Come il lavoro ci sta rendendo malati 

Il lavoro chiaramente ha i suoi benefici sulla persona cominciando dal compenso economico. Lavorare è alla base della società, senza non vi sarebbero né risorse finanziarie né un senso di utilità, infatti è proprio tramite il lavoro che siamo motivati a svegliarci la mattina e portare a termine un compito. In più è utile nell’integrazione e scambio sociale e nel ruolo della socializzazione

L’importanza del lavoro

Senza denaro non si può accedere a servizi e beni essenziali e ciò va a influire persino sull’autostima della persona. Il poter contribuire alla società e avere una routine aiuta a star meglio. È importante però capire che il lavoro non è tutto, perché come per qualsiasi cosa se abusata può diventare un problema. C’è da sapere infatti che il troppo lavoro è diventata la nuova frontiera dei disturbi mentali. 

Quando il lavoro diventa patologico

Nella vita di una persona vi è il 10% di possibilità di cadere in qualche tipo di dipendenza. Alcune persone ricorrono alle droghe per curare i propri problemi emotivi, facendo da automedicazione. Le droghe non sono però l’unica sostanza usata per guarire dalle ferite interne ma secondo uno studio un’alternativa  sarebbe proprio il lavoro.  Per molti ricercatori, troppe ore di lavoro sono correlate alla presenza di disturbi mentali quali depressione e ansia. Alcuni psicologi, però, hanno anche  sostenuto l’inverso, ovvero che il duro lavoro aiuta le persone depresse e con ansia a curare tali disturbi. In una ricerca fatta nel 2020, durante la pandemia, è emerso che molti americani hanno aumentato la quantità di lavoro. Questo per i ricercatori era dovuto al fatto che i soggetti si trovavano ad affrontare sentimenti di noia, solitudine e ansia e proprio per questo hanno provato ad automedicarsi raddoppiando le loro ore di lavoro. 

La dipendenza dal lavoro

La dipendenza dal lavoro prende il nome di workaholism. Chi soffre di tale disturbo nega l’evidenza, non vedendo nemmeno le cause sottostanti quali sofferenza, depressione e ansia. 

Anna Lembke, una psichiatra di Stanford, in un recente podcast “How to build a happy life”, ha detto che i comportamenti che in passato erano sani, che consideriamo culturalmente vantaggiosi, oggi diventano una droga, onnipresenti e accessibili. Ad esempio, controllare le email di lavoro continuamente o chiamare costantemente il proprio collega di lavoro o il proprio datore, rientra tra le possibili dipendenze correlate al mondo del lavoro.

Inoltre la società premia i comportamenti abusanti del lavoro, complimentandosi ogni qualvolta un soggetto lavora troppe ore. Mai nessuno si sognerebbe di congratularsi con un tossicodipendente che consuma eroina, ma questo avviene costantemente con una persona che lavora 18 ore al giorno.

Burnout: cos’è e come combatterlo 

Il Burnout è una sindrome correlata al lavoro che porta il soggetto a consumare le proprie risorse psicologiche e fisiche. Ad essere colpiti dal Burnout potrebbe essere chiunque ma hanno maggior probabilità chi svolge professioni d’aiuto quali: medici, psicologi e infermieri. 

Le cause del Burnout sono: 

  • Lavoro eccessivo
  • Nessun controllo sul proprio lavoro 
  • Nessuna organizzazione
  • Dispute tra colleghi
  • Lavoro monotono
  • Ambiente lavorativo caotico

Se vi riconoscete in tutto ciò è pensate che anche voi siate ad un passo dalla sindrome del Burnout, vi sorgerà spontanea la domanda: “cosa fare?”

Le cose più utili da attuare nei casi di questa sindrome, sono:

  • Migliorare le relazioni con i propri colleghi e col proprio lavoro
  • Trovare un equilibrio tra vita privata e vita lavorativa
  • Andare in ferie e riposarsi di più
  • Fare attività fisica riducendo lo stress

Il suggerimento da parte degli esperti più facile da seguire è senza dubbio quello di fermarsi un attimo e riflettere sulla propria esistenza. interrogarsi sul tipo di lavoro che si svolge, su quanto ci si possa sentire gratificati, sul tempo che si spende o si spreca per lavorare, sono tutte domande utili a comprendere se state lavorando per vivere o vivendo per lavorare.

Argomenti in questo articolo
Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
effetto pigmalione
3 Marzo 2024

Effetto Pigmalione: cos’è e come si manifesta?

L’effetto Pigmalione è un fenomeno psicologico per cui le aspettative che una persona nutre nei confronti di un’altra possono influenzare in modo significativo il comportamento e le performance di quest’ultima. Il nome deriva dalla figura…

pensiero laterale
3 Marzo 2024

Pensiero laterale: i 5 indovinelli per allenarlo

Il pensiero laterale è un modo di ragionare creativo che permette di trovare soluzioni originali a problemi apparentemente irrisolvibili. Si tratta di un approccio diverso dal pensiero logico e lineare, poiché richiede di uscire dagli…

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Le Ultime dall'Italia e dal Mondo
Leggi tutti gli articoli
effetto pigmalione
3 Marzo 2024

Effetto Pigmalione: cos’è e come si manifesta?

L’effetto Pigmalione è un fenomeno psicologico per cui le aspettative che una persona nutre nei confronti di un’altra possono influenzare in modo significativo il comportamento e le performance di quest’ultima. Il nome deriva dalla figura…

pensiero laterale
3 Marzo 2024

Pensiero laterale: i 5 indovinelli per allenarlo

Il pensiero laterale è un modo di ragionare creativo che permette di trovare soluzioni originali a problemi apparentemente irrisolvibili. Si tratta di un approccio diverso dal pensiero logico e lineare, poiché richiede di uscire dagli…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd