Vaso di Pandora

“Il primo giorno della mia vita”

Dopo lo straordinario successo di “Perfetti sconosciuti”, Paolo Genovese torna sul grande schermo presentando un film ispirato all’omonimo libro “Il primo giorno della mia vita”. Nelle sale dal 26 Gennaio, il nuovo film ti entra dentro, sotto la pelle, ancor di più di “The place” e “Perfetti sconosciuti”. La pellicola è ambientata in una Roma per niente da cartolina, anzi, perennemente colpita dalla pioggia, quasi volesse lavare via il dolore dei protagonisti o forse solo per accentuare il dramma che ognuno dei personaggi vive interiormente.

“Perché vale la pena vivere?” “Ci si può salvare da soli?” “Cos’è la felicità?”, queste alcune delle domande esistenziali su cui Genovese ci invita a riflettere. 

Valerio Mastandrea, Margherita Buy, Sara Serraiocco e il piccolo Gabriele Cristini sono i quattro volti che interpretano le diverse forme in cui può manifestarsi il dolore nel corso della vita. Quattro storie diverse, quattro sofferenze distinte, tutte accomunate dallo stesso desiderio: il suicidio.

La storia è un viaggio introspettivo tra drammi e speranze, tra il buio indomabile dell’anima e la nuova luce che possiamo accendere dentro di noi, tra l’abisso del vuoto interiore e la possibilità di avere una seconda possibilità di vivere il primo giorno della nostra nuova vita.

Conclude il cast d’eccezione, un fantastico Tony Servillo, nei panni dell’“Uomo”, del “Coso”: un personaggio misterioso che simboleggia a tratti un angelo, a tratti la parte più profonda dell’animo umano, quella che non viene mai a galla.

“Non ho voluto dare ricette o facili soluzioni, semmai ho mostrato che il gruppo e le relazioni sociali possono fare la differenza: insieme il dolore si divide e diventa meno insopportabile” afferma Genoveseper giustificare il finale “aperto” che si presta sicuramente a diverse letture.

I personaggi decidono di suicidarsi tutti nello stesso giorno, il loro ultimo giorno, o il primo giorno della nuova vita? Il dissidio esistenziale che vivono i protagonisti, indecisi se restare o mollare, tra le nostalgie della gioie che può offrire la vita, ai potenziali rimorsi per un futuro che potrebbe non esserci mai, è il fulcro del film; che riesce senz’altro a scavarti dentro, a emozionare e commuovere per i più svariati motivi, e mostra bene i differenti volti del male di vivere. Paolo Genovese ci regala il suo titolo più maturo, più ricco, più introspettivo e pieno di dolore, senza mai cedere alla retorica o scivolare nella banalità. Un’abilità che pochi registi possiedono.

Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
Animal hoarding: una cucciolata di gattini
12 Aprile 2024

Animal hoarding: cos’è la sindrome di Noè?

L’espressiona animal hoarding si può tradurre in italiano con accumulo di animali. Il fenomeno non è molto noto nel nostro Paese, ma ciò non significa che non ci riguardi. Non è conosciuto non perché non…

Frasi del cappellaio matto: Alice con un coniglio in braccio
12 Aprile 2024

Le più iconiche frasi del Cappellaio Matto

Il Cappellaio Matto, senza ombra di dubbio, è uno dei più amati personaggi all’interno del coloratissimo mondo di Alice nel paese delle Meraviglie. Nonostante sia passato oltre un secolo dalla prima pubblicazione dell’opera di Lewis…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Le Ultime dall'Italia e dal Mondo
Leggi tutti gli articoli
Animal hoarding: una cucciolata di gattini
12 Aprile 2024

Animal hoarding: cos’è la sindrome di Noè?

L’espressiona animal hoarding si può tradurre in italiano con accumulo di animali. Il fenomeno non è molto noto nel nostro Paese, ma ciò non significa che non ci riguardi. Non è conosciuto non perché non…

Frasi del cappellaio matto: Alice con un coniglio in braccio
12 Aprile 2024

Le più iconiche frasi del Cappellaio Matto

Il Cappellaio Matto, senza ombra di dubbio, è uno dei più amati personaggi all’interno del coloratissimo mondo di Alice nel paese delle Meraviglie. Nonostante sia passato oltre un secolo dalla prima pubblicazione dell’opera di Lewis…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd