Vaso di Pandora

I tabù sui disagi psicologici: la morte di Francesco

Le morti tra studenti universitari non sono soltanto quelle su cui si accendono i riflettori perché catturano l’attenzione della cronaca.

Il suicidio del ventiduenne Francesco Mancuso è rimasto nel più assoluto silenzio, come, del resto, moltissimi dei tentativi che si consumano negli spazi privati.

Nella notte tra il 15 e il 16 gennaio, il giovane studente, iscritto alla facoltà di economia dell’Università di Palermo si è tolto la vita, proprio nella data di partenza della sessione invernale. Lui avrebbe dovuto sostenere il successivo 23 gennaio un esame che non riusciva a superare.

I tempi canonici avrebbero voluto che Francesco dovesse già essersi laureato, ma a lui mancavano 5 esami per concludere il suo percorso di studi. Si trattava dell’ultima sessione utile prima di diventare “un fuori corso”. Sicuramente l’ansia di essere rimasto l’unico tra i suoi colleghi, ormai tutti laureati, a dover superare l’esame di economia e gestione degli intermediari finanziari assieme al senso di sopraffazione generato dai tempi stretti per dover concludere il tutto e per non essere da meno rispetto agli altri hanno giocato un ruolo fondamentale in questa tragedia.

La cattiva narrazione di successo e fallimento ci porta a sovrapporre vita e carriera universitaria o lavoro tanto da confondere le due cose. Francesco non era in condizioni di disagio economico e avrebbe potuto accedere ad un supporto psicologico, questo indica che avere maggiori strumenti per chiedere aiuto non elimina di per sé lo stigma che tutt’ora esiste sulla salute mentale e tanto meno non abolisce la pressione sociale. Il disagio piscologico è trasversale ad ogni condizione di classe.

Complici di questo stigma, a volte, le istituzioni stesse. L’Università di Palermo si è rifiutata di pubblicare alcuna nota in merito, nonostante l’avanzata richiesta dei suoi compagni di corso e la loro proposta di conferire una laura ad honorem, postuma, allo studente, ovviamente disattesa per attenersi ad un farraginoso regolamento accademico che offre tale possibilità solo in caso di ragioni di merito.

La cosa più triste è che questa storia è emersa solo perché i compagni di Francesco, chiaramente scossi per l’accaduto, hanno trovato nell’analoga morte della ragazza suicida allo IULM la forza per reagire e per far sì che il racconto da loro fatto non diventi solo un fatto di cronaca, destinato a cadere nel dimenticatoio, ma vorrebbero che il loro amico non cada nell’oblio e che la morte di Francesco diventi un monito a scopi collettivi, facendo capire a chi si trova in condizioni simili che non è solo.

Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
Animal hoarding: una cucciolata di gattini
12 Aprile 2024

Animal hoarding: cos’è la sindrome di Noè?

L’espressiona animal hoarding si può tradurre in italiano con accumulo di animali. Il fenomeno non è molto noto nel nostro Paese, ma ciò non significa che non ci riguardi. Non è conosciuto non perché non…

Frasi del cappellaio matto: Alice con un coniglio in braccio
12 Aprile 2024

Le più iconiche frasi del Cappellaio Matto

Il Cappellaio Matto, senza ombra di dubbio, è uno dei più amati personaggi all’interno del coloratissimo mondo di Alice nel paese delle Meraviglie. Nonostante sia passato oltre un secolo dalla prima pubblicazione dell’opera di Lewis…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Le Ultime dall'Italia e dal Mondo
Leggi tutti gli articoli
Animal hoarding: una cucciolata di gattini
12 Aprile 2024

Animal hoarding: cos’è la sindrome di Noè?

L’espressiona animal hoarding si può tradurre in italiano con accumulo di animali. Il fenomeno non è molto noto nel nostro Paese, ma ciò non significa che non ci riguardi. Non è conosciuto non perché non…

Frasi del cappellaio matto: Alice con un coniglio in braccio
12 Aprile 2024

Le più iconiche frasi del Cappellaio Matto

Il Cappellaio Matto, senza ombra di dubbio, è uno dei più amati personaggi all’interno del coloratissimo mondo di Alice nel paese delle Meraviglie. Nonostante sia passato oltre un secolo dalla prima pubblicazione dell’opera di Lewis…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd