Vaso di Pandora

I disturbi del linguaggio nei bambini: possibili segnali

I bambini in fase di crescita sono molto differenti tra loro: ciascuno ha tempi e modi di sviluppo diversi e anche l’acquisizione delle capacità comunicative non è sempre uguale e può variare da soggetto a soggetto. Di solito i piccoli iniziano a parlare intorno ai due anni, per poi arrivare a una certa padronanza già al raggiungimento dei tre anni: tuttavia, in alcuni casi, il processo può rivelarsi più rapido o, al contrario, più lungo e difficoltoso. In questo caso, può essere utile intervenire per valutare la presenza di possibili disturbi del linguaggio.

Come riconoscere le problematiche di linguaggio

Se dopo i due anni compiuti ci si accorge che l’acquisizione del linguaggio è tardiva, una visita logopedica può rivelarsi efficace per una diagnosi precoce del problema. Prima dei 24 mesi, però, è possibile già fare una prima autovalutazione osservando il bambino e la sua evoluzione.

Intorno ai tre mesi dovrebbe essere capace di produrre i primi vocalizzi, mentre intorno ai sei mesi dovrebbe iniziare la lallazione. A un anno dovrebbe invece iniziare la prima produzione linguistica e a due anni le prime frasi semplici. Bisogna comunque tenere conto del fatto che questi parametri sono tendenzialmente indicativi, ma non rappresentano necessariamente un assoluto.

Le cause dei disturbi di linguaggio

Come già detto in precedenza, a volte l’acquisizione del linguaggio può risultare tardiva senza che vi siano problematiche specifiche. Altre volte, invece, le difficoltà linguistiche possono essere causate da:

  • ritardi cognitivi, ovvero deficit delle funzioni intellettive e adattive che può avere diversi stadi di gravità;
  • ritardi psicomotori, una condizione di disabilità (motoria, emotiva, cognitiva, relazionale ) rispetto all’età cronologica;
  • ritardi sensoriali, che si traduce nell’incapacità del cervello di elaborare gli input sensoriali in maniera adeguata (si parla di Disturbo dell’Integrazione Sensoriale);
  • carenze affettive e/o socio-culturali, una condizione provocata da uno svantaggio socio-culturale ed economico e/o da carenze affettive familiari e sociali.

In presenza di tali deficit è possibile riscontrare problematiche propriamente di linguaggio (a livello sintattico e grammaticale) o di espressione (difficoltà di pronuncia di suoni e/o parole, difficoltà nella pronuncia di frasi complete, uso improprio del linguaggio).

Logopedia come strumento di risoluzione

Si consiglia di intervenire con una visita logopedica se ci si trova davanti alle seguenti condizioni:

  • assenza di lallazione, quella fase di sviluppo linguistico del bambino che si manifesta tra i 4 e i 10 mesi di età e che consiste nell’emissione e ripetizione di suoni e sillabe;
  • assenza o scarsa presenza di gioco simbolico, lo sviluppo di un sistema linguistico simbolico (gioco del far finta) è una condizione normale che si manifesta dopo il primo anno di età e fino ai 30 mesi;
  • assenza di linguaggio, un disturbo che impedisce la corretta espressione o comprensione verbale;
  • vocabolario improprio e/o ridotto, rappresentato da una povertà lessicale, con un vocabolario con meno di 20 parole a 18 mesi e meno di 50 parole a 24 mesi;
  • problemi di comprensione, che si riconosce nella incapacità di comprendere un testo a livello di suoni, parole o frasi;
  • scarsa attenzione (dopo i tre anni), ovvero la difficoltà a mantenere l’ascolto e a prestare attenzione alla persona che sta parlando;
  • difficoltà di linguaggio e articolazione dei suoni (dopo i tre anni), età intorno alla quale il bambino ha già sviluppato un suo sistema fonologico e produce costantemente suoni e sequenze di parole nuove;
  • scarsa comprensione (dopo i tre anni), un disturbo che può esprimersi nelle varie forme del linguaggio (parlato, scritto, gestuale) e che può avere diverse cause (ambiente familiare poco stimolante, conoscenze pregresse, difficoltà nella memoria a breve e lungo termine, etc.); 
  • difficoltà nell’esposizione di un racconto (dopo i tre anni), la difficoltà di raccontare eventi accaduti seguendo un ordine o una sequenza logica, può rappresentare un aspetto da non sottovalutare.

I segnali esposti poc’anzi potrebbero essere un campanello d’allarme per eventuali disturbi di linguaggio. Questi ultimi, a loro volta, potrebbero creare ulteriori problematiche di apprendimento durante l’età scolare.

La seduta logopedica generalmente ha una durata di circa 45 minuti, durante i quali vengono valutate le capacità comunicative e linguistiche del bambino e le possibili strategie per intervenire dove serve. Le stesse strategie possono poi essere riproposte a casa dai genitori in stretta sinergia col professionista medico.

Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
Limerenza: una coppia abbracciata
22 Giugno 2024

Limerenza: l’ossessione amorosa e come gestirla

Con il nome di limerenza indichiamo una forma di ultra-attaccamento verso una persona. È una deviazione affettiva che porta l’individuo a diventare morboso, al punto da apparire ossessivo. Così ottiene l’effetto opposto rispetto a quello…

soppressione del peso: una ragazza tiene in mano una bilancia
21 Giugno 2024

Soppressione del peso: pericoli e gestione

Si definisce soppressione del peso la differenza tra il peso più alto raggiunto da un individuo e quello registrato quando si giunge alla statura adulta. La massima altezza che possiamo toccare è un valore indipendente…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Le Ultime dall'Italia e dal Mondo
Leggi tutti gli articoli
Limerenza: una coppia abbracciata
22 Giugno 2024

Limerenza: l’ossessione amorosa e come gestirla

Con il nome di limerenza indichiamo una forma di ultra-attaccamento verso una persona. È una deviazione affettiva che porta l’individuo a diventare morboso, al punto da apparire ossessivo. Così ottiene l’effetto opposto rispetto a quello…

soppressione del peso: una ragazza tiene in mano una bilancia
21 Giugno 2024

Soppressione del peso: pericoli e gestione

Si definisce soppressione del peso la differenza tra il peso più alto raggiunto da un individuo e quello registrato quando si giunge alla statura adulta. La massima altezza che possiamo toccare è un valore indipendente…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd