Vaso di Pandora

Esplorando l’iceberg di Freud: profondità della psiche

L’iceberg di Freud è un concetto fondamentale della psicoanalisi che paragona la struttura della psiche umana a un iceberg.

Come un iceberg galleggia nell’acqua, la maggior parte della psiche umana – i nostri istinti, pulsioni e desideri inconsci – è nascosta sotto la superficie. Solo una piccola parte, la punta dell’iceberg, è visibile coscientemente.

L’inconscio secondo Freud

Secondo Sigmund Freud, il fondatore della psicoanalisi, la psiche umana è composta da tre parti: l’Es, l’Io e il Super-io. L’Es rappresenta l’inconscio, la parte più profonda e istintuale della mente che contiene i nostri impulsi biologici fondamentali. L’Es opera secondo il principio del piacere, cercando di soddisfare immediatamente ogni pulsione o desiderio.

L’Io rappresenta la parte cosciente della psiche. Si sviluppa dall’Es ed opera secondo il principio di realtà, mediando tra i desideri dell’Es e le norme della società. L’Io controlla i processi razionali come il problema solving, il pensiero logico e il senso di sé.

Il Super-io incorpora l’insieme delle regole morali e dei divieti imposti dalla famiglia e dalla società. Rappresenta la nostra coscienza morale e i sensi di colpa. Spesso ha un rapporto conflittuale con l’Es.

Per Freud la maggior parte dell’Es e del Super-io rimane al di sotto della superficie della coscienza nell’inconscio. Sono nascosti come la massa sommersa di un iceberg.

I contenuti rimossi dell’inconscio

Secondo la teoria freudiana, molti contenuti che risiedono nell’inconscio sono stati rimossi dalla coscienza perché troppo dolorosi, inaccettabili o minacciosi per l’Io. Questi contenuti rimossi – come ricordi traumatici, desideri proibiti, paure intense – sono come l’acqua che circonda l’iceberg, tenuta lontana dalla vista ma ancora capace di influenzare il comportamento.

Attraverso tecniche come l’analisi dei sogni e l’associazione libera, la psicoanalisi mira a portare questi contenuti nascosti di nuovo alla luce della coscienza. Rendendoli consci, i pazienti possono affrontarli ed elaborarli, riducendo i loro effetti negativi.

La metafora dell’iceberg si applica anche al comportamento umano. Comportamenti irrazionali, nevrosi e sintomi psicosomatici possono essere la punta dell’iceberg di conflitti inconsci più profondi. Anche slanci creativi e atti di altruismo hanno radici nell’Es.

Gli impulsi primari dell’Es

Nell’Es risiedono gli impulsi istintuali primari che guidano gran parte del comportamento umano. I due impulsi principali sono Eros e Thanatos, ovvero istinto vitale e istinto di morte.

Eros comprende gli istinti vitali come la fame, la sete, il bisogno di riparo e le pulsioni sessuali. Spinge l’organismo verso tutto ciò che favorisce la vita, la crescita e la riproduzione.

Thanatos è invece un impulso inconscio verso l’aggressività, la distruzione e la morte, sia contro sé stessi che contro gli altri. Può portare a comportamenti autolesionistici, violenza e tendenze suicide.

Secondo Freud entrambi gli istinti sono necessari e interagiscono tra loro. Un eccesso di Thanatos va controbilanciato da Eros. La psicoanalisi aiuta a integrare queste forze opposte nella personalità.

I sogni come via di accesso all’inconscio

I sogni per Freud sono la via regia verso l’inconscio, un mezzo per accedere ai contenuti rimossi. Il loro contenuto manifesto va interpretato per scoprirne il significato latente.

Attraverso lo spostamento e la condensazione, i desideri inconsci vengono trasformati e camuffati dal contenuto onirico. Ma analizzando le associazioni del paziente, il terapeuta può ricostruire il vero significato del sogno e le pulsioni inconsce da cui ha origine.

I sogni spesso esprimono desideri proibiti e pensieri distruttivi che non possono emergere da svegli. Portarli alla luce aiuta l’Io a gestirli e a prevenire la loro influenza negativa.

Simboli e metafore oniriche forniscono indizi sui contenuti nascosti. Ad esempio un oggetto lungo e duro che penetra in una cavità può simboleggiare il desiderio di un rapporto sessuale.

Le figure genitoriali nei sogni rappresentano spesso il Super-io e i suoi divieti. Uccidere il padre in sogno può significare ribellarsi all’autorità e alle regole morali interiorizzate.

Fantasie e atti mancati come manifestazioni dell’inconscio

Anche fantasie, pensieri automatici e atti mancati possono essere espressioni di contenuti inconsci.

Le fantasie rivelano desideri proibiti, paure rimosse, impulsi aggressivi. Gli atti mancati come sbadataggini, lapsus e dimenticanze indicano conflitti interni tra impulsi opposti.

Questi pensieri e comportamenti apparentemente inspiegabili hanno in realtà una logica e un significato se ricondotti alle pulsioni inconsce da cui originano. Sono come iceberg in miniatura.

Portandoli a livello conscio è possibile disinnescarne la carica distruttiva. Ad esempio, riconoscendo l’origine di un lapsus è possibile accettare un desiderio rimosso invece di reprimerlo.

L’influenza nascosta del passato

Le esperienze infantili, specialmente il rapporto con i genitori, lasciano tracce indelebili nell’inconscio e influenzano i comportamenti da adulti.

Traumi, frustrazioni e modelli disfunzionali interiorizzati durante l’infanzia possono sabotare le relazioni e causare nevrosi se non elaborati. Portarli alla luce e analizzarli è il cuore del processo psicoanalitico.

Anche le fissazioni a stadi precoci di sviluppo, come quella orale o anale, hanno effetti duraturi sulla personalità e i comportamenti interpersonali. L’analisi della storia del paziente è fondamentale.

Come la parte sommersa modella quella visibile, le esperienze rimosse plasmano il carattere e le azioni adulte. Solo esplorando in profondità questi contenuti nascosti è possibile comprendere davvero noi stessi.

Forze creative e costruttive

L’inconscio non contiene solo pulsioni negative e distruttive. In esso risiedono anche enormi potenzialità creative e costruttive.

Le arti, la letteratura, la scienza e tutte le maggiori imprese culturali affondano le radici negli strati più profondi dell’Es, attingendo alla fonte vitale degli istinti.

Grandi artisti e pensatori hanno il dono di accedere all’energia e alla simbologia dell’inconscio, trasformandole in opere che arricchiscono l’umanità.

Anche la compassione, l’altruismo e il sacrificio traggono forza dalle spinte vitali profonde. Come l’iceberg che emerge maestoso dall’oceano, le creazioni e azioni migliori dell’umanità si elevano dagli abissi dell’inconscio.

Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
Animal hoarding: una cucciolata di gattini
12 Aprile 2024

Animal hoarding: cos’è la sindrome di Noè?

L’espressiona animal hoarding si può tradurre in italiano con accumulo di animali. Il fenomeno non è molto noto nel nostro Paese, ma ciò non significa che non ci riguardi. Non è conosciuto non perché non…

Frasi del cappellaio matto: Alice con un coniglio in braccio
12 Aprile 2024

Le più iconiche frasi del Cappellaio Matto

Il Cappellaio Matto, senza ombra di dubbio, è uno dei più amati personaggi all’interno del coloratissimo mondo di Alice nel paese delle Meraviglie. Nonostante sia passato oltre un secolo dalla prima pubblicazione dell’opera di Lewis…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Le Ultime dall'Italia e dal Mondo
Leggi tutti gli articoli
Animal hoarding: una cucciolata di gattini
12 Aprile 2024

Animal hoarding: cos’è la sindrome di Noè?

L’espressiona animal hoarding si può tradurre in italiano con accumulo di animali. Il fenomeno non è molto noto nel nostro Paese, ma ciò non significa che non ci riguardi. Non è conosciuto non perché non…

Frasi del cappellaio matto: Alice con un coniglio in braccio
12 Aprile 2024

Le più iconiche frasi del Cappellaio Matto

Il Cappellaio Matto, senza ombra di dubbio, è uno dei più amati personaggi all’interno del coloratissimo mondo di Alice nel paese delle Meraviglie. Nonostante sia passato oltre un secolo dalla prima pubblicazione dell’opera di Lewis…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd