Vaso di Pandora

Divorzio consensuale: la scelta adatta per non far soffrire i figli

Quando un matrimonio comincia a disgregarsi, spesso le coppie decidono di riprovarci e di tenere su il nucleo familiare per il bene dei figli. Tuttavia, questa scelta non sempre si rivela soddisfacente: l’atmosfera tesa e i continui litigi possono avere ripercussioni negative su bambini e adolescenti, anche più di una possibile separazione.

Il divorzio consensuale rappresenta una soluzione al problema, in quanto permette di evitare il sacrificio coniugale e il compromesso. I due partner decidono di dividere le proprie strade in maniera equilibrata, senza eccessive ripercussioni sui figli.

A volta la separazione diventa un bisogno fisiologico: ogni persona, infatti, si evolve nel corso della propria esistenza modificando passioni, priorità, lavori e stili di vita. Questo può inficiare il rapporto di coppia, perché non sempre i cambiamenti vanno di pari passo e diventa difficile conciliare le esigenze di entrambi.

Come avviene il divorzio consensuale: gli accordi

Il divorzio consensuale avviene quando entrambi i coniugi sono d’accordo nel porre fine al loro matrimonio e sono in grado di raggiungere un accordo su questioni come la divisione dei beni e la custodia dei figli, senza la necessità di un processo giudiziario.

In Italia la legge di riferimento per il divorzio consensuale è l’articolo 708 del Codice di Procedura Civile. Secondo questa legge, il divorzio può essere ottenuto in modo consensuale solo se i coniugi hanno vissuto separatamente per almeno sei mesi e sono d’accordo sulla fine del matrimonio e sulle condizioni.

Per accordarsi sul divorzio consensuale, i coniugi devono presentare una richiesta scritta al Tribunale competente, che dovrà valutare la loro volontà di porre fine al matrimonio e l’accordo raggiunto su questioni come la divisione dei beni e la custodia dei figli. È possibile anche affidarsi a un avvocato per la redazione della richiesta e per la rappresentanza legale durante il processo.

Una volta accettata la richiesta di divorzio consensuale dal Tribunale, viene fissata una data per l’udienza di comparizione, durante la quale i coniugi devono confermare la loro volontà di divorziare e l’accordo raggiunto sulle condizioni del divorzio. Dopo l’udienza, il Tribunale emette la sentenza di divorzio, che ha effetto immediato.

Perché il divorzio consensuale è la scelta migliore

In Italia, almeno fino a qualche anno fa, la tendenza a rimanere insieme per il bene dei figli nonostante i problemi di coppia era piuttosto radicata. Oggi, fortunatamente, non è più così. Grazie all’introduzione di nuove leggi e di modalità di separazione più rapide, è possibile dividersi con il consenso di ambo le parti senza far ricadere sui figli una scelta che diventa solo sacrificio e sopportazione.

Quando due genitori non hanno più complicità – o, peggio ancora, litigano di continuo – i figli sono i primi a risentirne, soprattutto se si trovano ancora nel periodo di crescita e sviluppo. La tossicità del rapporto di coppia si riversa inevitabilmente su tutto il nucleo familiare, generando scompensi e criticità irrisolvibili. Uno degli atteggiamenti più deleteri, in generale, è rappresentano dal continuo colpevolizzarsi a vicenda per la fine del matrimonio.

In questo tipo di contesti, i figli diventano delle “spugne” capaci di assorbire tutte le tensioni e possono faticare parecchio per liberarsene, anche a distanza di anni, portandosi dietro il peso di un dolore che potrebbe inficiare anche i futuri rapporti sociali e amorosi durante l’età adulta. Per questo motivo risulta necessario che i coniugi si prendano le proprie responsabilità in maniera adeguata, evitando così di caricare sulle spalle dei figli un peso più grande di loro.

Riforma Cartabia: come cambia il divorzio consensuale

Dal 1° marzo 2023 sono entrate in vigore le nuove regole della riforma Cartabia per la separazione e il divorzio consensuale. Obiettivo della riforma promossa da Marta Cartabia, giurista ed ex ministro della giustizia nel governo Draghi, è quello di velocizzare i processi di separazione e divorzio consensuale introducendo un rito unico (d.lgs. n. 149 del 2022) e snellendo le procedure con tempistiche ridotte del 40%. Maggiore attenzione è data anche alle vittime di violenza e alla loro tutela, così come ai figli minorenni che pure vanno salvaguardati da una condizione familiare negativa e controproducente.

Sull’introduzione della riforma si è espresso Carlo Trionfi, psicologo e psicoterapeuta esperto in relazioni familiari, il quale ha dichiarato: «Si tratta di una legge di grande interesse, che mette a disposizione delle famiglie strumenti e professionisti utili nel momento della crisi separativa e della rimodulazione della vita familiare. Nello specifico, tempistiche e costi del divorzio vengono ridotti. La riforma vuole accorciare i divorzi del 40%: se prima una separazione poteva durar anche diversi anni, da oggi sarà difficile avere separazioni più lunghe di 12 mesi e la prima udienza, che potrebbe essere anche l’unica, avverrà necessariamente entro 90 giorni. Ridurre le tempistiche legali e burocratiche significa anche diminuire il tempo dedicato al litigio nella ricerca del nuovo equilibrio familiare e, quindi, della sofferenza dei figli. Dal punto di vista economico, invece, ridurre i costi per un divorzio significa aiutare chi in passato era obbligato a rimanere insieme per problemi di denaro».
Tronfi si sofferma anche sull’attenzione finalmente accordata ai figli minori in quanto parti in causa: «Quando ci sono dubbi se le scelte dei genitori siano in linea con gli interessi dei figli, il giudice ascolta anche il parere del minore (se maggiore di 12 anni o ritenuto abbastanza maturo) rispetto alla riorganizzazione familiare. Un’altra figura che affiancherà le famiglie, e il giudice, durante la separazione è il coordinatore genitoriale. Questo professionista, consultabile anche online e a tariffe agevolate, dovrebbe aiutare gli ex coniugi a seguire le direttive stabilite in tribunale e il piano genitoriale, ovvero la precisa programmazione sulla gestione del figlio. Il genitore che non dovesse rispettare questo programma può essere sanzionato senza il bisogno di dover tornare in aula».

Argomenti in questo articolo
Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
Inside Out, il significato psicologico del film
19 Luglio 2024

Inside Out, il significato psicologico del film

La società in cui viviamo sembra desiderare la rimozione delle emozioni. La realtà virtuale e la comunicazione in rete stanno sempre più spersonalizzando l’importanza emotiva, concentrandosi molto sul contenuto e molto poco sullo stato d’animo…

ansia da caldo
19 Luglio 2024

Ansia da caldo: come gestirla durante l’estate

L’estate è una stagione attesa da molti per le lunghe giornate di sole e le vacanze. Tuttavia, per alcune persone, l’aumento delle temperature può portare a un incremento dell’ansia. L’ansia da caldo è una condizione…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Le Ultime dall'Italia e dal Mondo
Leggi tutti gli articoli
Inside Out, il significato psicologico del film
19 Luglio 2024

Inside Out, il significato psicologico del film

La società in cui viviamo sembra desiderare la rimozione delle emozioni. La realtà virtuale e la comunicazione in rete stanno sempre più spersonalizzando l’importanza emotiva, concentrandosi molto sul contenuto e molto poco sullo stato d’animo…

ansia da caldo
19 Luglio 2024

Ansia da caldo: come gestirla durante l’estate

L’estate è una stagione attesa da molti per le lunghe giornate di sole e le vacanze. Tuttavia, per alcune persone, l’aumento delle temperature può portare a un incremento dell’ansia. L’ansia da caldo è una condizione…

misoneista significato
18 Luglio 2024

Misoneista: resistenza al cambiamento e come superarla

È innegabile che in un contesto mutevole come quello odierno, la capacità di adattamento al cambiamento è vitale. Tuttavia, alcune persone mostrano una resistenza marcata a queste trasformazioni, un fenomeno noto come misoneismo. Questo articolo…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd