Vaso di Pandora

Come si curano i disturbi alimentari: Le terapie più efficaci 

I disturbi alimentari sono patologie molto invalidanti che possono colpire qualsiasi individuo, dato che sono causati da una serie complessa di fattori. Questi disturbi possono causare gravi problemi di salute fisica ed emotiva, ma con l’aiuto di un team di professionisti è possibile sconfiggerli e ritornare a vivere serenamente la propria vita. 

Ecco, quindi, un approfondimento sulle terapie più efficaci da intraprendere durante il percorso di guarigione da DCA.

L’importanza dell’approccio multidisciplinare

La risposta più efficace alla cura dei disturbi del comportamento alimentare è data da un approccio multidisciplinare, che coinvolge diversi specialisti del settore. I pazienti devono essere seguiti da un team di professionisti proprio perché le loro competenze multiple facilitano la gestione del disturbo e permettono di avere un piano di cura condiviso, avente un approccio coerente e non contraddittorio. È quindi fondamentale che gli specialisti si confrontino tra loro e condividono le stesse modalità di cura.

Il team di professionisti è solitamente composto da:

  • Medico internista/ Endocrinologo

Il medico internista e l’endocrinologo si occupano dei problemi che la malattia comporta per l’organismo, come i problemi ormonali e i loro effetti, i problemi metabolici, elettrolitici e cardiaci. Prescrivono esami e commentano i risultati con i pazienti per sensibilizzare e renderli consapevoli della malattia e della necessità di migliorare le loro condizioni.

  • Nutrizionista/ Dietologo

Il nutrizionista e il dietologo prescrivono diete accurate, e lavorando con un diario alimentare, monitorano i progressi e affrontano eventuali difficoltà del paziente nel seguire le istruzioni.

  • Psichiatra/ Psicoterapeuta

Lo psichiatra supporta il paziente, se necessario, consigliando una psicoterapia e/o prescrivendo farmaci psicoattivi che aiutano a migliorare più rapidamente i sintomi della malattia. I farmaci devono essere intesi esclusivamente come un aiuto temporaneo e devono poi essere sospesi una volta raggiunta e stabilizzata la guarigione anche tramite altre terapie.

Come identificare la terapia più adatta

Il primo passo per intraprendere un percorso di guarigione è riconoscere di avere un disturbo alimentare e accettare di farsi aiutare. Soltanto una volta raggiunta la giusta consapevolezza e la motivazione per migliorare la propria situazione si può iniziare a valutare il trattamento più appropriato da seguire. 

La terapia deve adattarsi alle caratteristiche e alle necessità del singolo paziente, e deve essere accettata da quest’ultimo e dal suo nucleo familiare. Infatti, soprattutto nei casi in cui i pazienti sono minori, è opportuno coinvolgere il loro nucleo in una terapia familiare

Il trattamento da seguire viene determinato con l’aiuto di un terapeuta durante un’approfondita valutazione diagnostica. Infatti, per scegliere la giusta terapia bisogna tenere in considerazione molteplici fattori come: il tipo di DCA, l’età, la situazione fisica, la presenza di eventuali complicanze, la durata della malattia ecc…

Tipologie di trattamento

  • Riabilitazione nutrizionale

Soprattutto i pazienti che soffrono di anoressia nervosa tendono a eliminare intere categorie di cibi dalla loro alimentazione. Con la riabilitazione nutrizionale si inseriscono gradualmente tutti i cibi, e si cerca di arrivare a ristabilire un peso sano e un’alimentazione corretta.

  • Terapia familiare

La famiglia viene coinvolta per conoscere la malattia e riuscire a capire meglio gli aspetti patologici del comportamento del paziente, evitando quindi di sbagliare e attribuirgli giudizi o critiche.

  • Terapia interpersonale

Cerca di abbattere le difficoltà che i pazienti sperimentano nei loro rapporti interpersonali: conseguenze negative molto comuni per chi soffre di DCA.

  • Psicoterapia psicoanalitica

Attraverso un lavoro di introspezione guidato da un esperto, il paziente tira fuori i suoi conflitti interiori per andare ad abbattere le cause più profonde che hanno causato il suo DCA.

  • Terapia cognitivo-comportamentale 

È il trattamento che riscuote più successo nella guarigione da DCA come anoressia, bulimia e binge eating. Nella terapia cognitivo-comportamentale, le cognizioni distorte che i pazienti hanno sul cibo e sulla propria forma fisica vengono considerate come principali responsabili dei loro comportamenti alimentari patologici. Infatti, con questo trattamento vengono affrontati sia gli atteggiamenti alimentari scorretti, sia lo stile cognitivo correlato. 

All’inizio ci si concentra sulla diminuzione di episodi di digiuno, vomito indotto, uso di lassativi e abbuffate. In seguito, la terapia affronta le difficoltà relazionali e familiari del paziente insieme a tutte le possibili cause che lo hanno portato allo sviluppo del DCA.

  • Terapia farmacologica

L’uso dei farmaci, quando presente, è sempre un supporto temporaneo che viene sottoposto esclusivamente ai pazienti che oltre a soffrire di DCA presentano altre complicazioni, come ad esempio la depressione o il DOC

In conclusione, impegnandosi, seguendo la giusta terapia e ricevendo un adeguato supporto da parte dei propri cari è possibile lasciarsi alle spalle un DCA e ritornare a vivere in tranquillità la propria vita, ripartendo con delle nuove consapevolezze.

Argomenti in questo articolo
Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
Frasi di psicologi famosi
26 Febbraio 2024

Le 10 frasi più belle di psicologi famosi

L’ambito della psicologia, con le sue profonde intuizioni sul comportamento umano e sulla mente, ha fornito al mondo un’abbondante collezione di pensieri e riflessioni significative. Gli psicologi di fama mondiale, attraverso il loro impegno costante…

L'effetto dei social media sui giovani
26 Febbraio 2024

L’effetto dei social media sui giovani

Ancora prima di affrontare l’articolo affiora un ricordo: forse tredicenne, torno a casa, un pomeriggio dopo la scuola, e all’ingresso registro qualcosa di diverso. Sul telefono grigio della SIP, sul disco, c’è un lucchetto.

Tabellone bianco con frase motivazionale
26 Febbraio 2024

Come diventare coach motivazionale

Il coach motivazionale è una figura che affianca l’individuo per conoscere i meccanismi della sua motivazione e per imparare a riconoscerli, in modo tale da imparare ad ascoltare il corpo e la mente così da…

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Le Ultime dall'Italia e dal Mondo
Leggi tutti gli articoli
Frasi di psicologi famosi
26 Febbraio 2024

Le 10 frasi più belle di psicologi famosi

L’ambito della psicologia, con le sue profonde intuizioni sul comportamento umano e sulla mente, ha fornito al mondo un’abbondante collezione di pensieri e riflessioni significative. Gli psicologi di fama mondiale, attraverso il loro impegno costante…

Tabellone bianco con frase motivazionale
26 Febbraio 2024

Come diventare coach motivazionale

Il coach motivazionale è una figura che affianca l’individuo per conoscere i meccanismi della sua motivazione e per imparare a riconoscerli, in modo tale da imparare ad ascoltare il corpo e la mente così da…

Grafologia: un testo su un foglio
25 Febbraio 2024

Grafologia: ecco come spiega la tua personalità

Inizialmente, la disciplina della grafologia era qualcosa di esotico, di cui leggere tra le pagine dei romanzi di Arthur Conan Doyle. Il suo più famoso personaggio, il celebre detective Sherlock Holmes, era infatti in grado…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd