Vaso di Pandora

Cresce la “comunità dei soli”: l’occidente ha perso la voglia di condividere

La vita negli ultimi decenni ci ha abituati a continui cambiamenti ed incertezze.

L’unica cosa che sembra indistruttibile, è il clima di isolamento creatosi maggiormente nel mondo occidentale.

Come spiega lo storico israeliano Yuval Noah Harari nel suo libro Sapiens. Da animali a dèi, ci sono narrazioni che aiutano a progredire come singoli e come pluralità ma ne esistono anche di deleterie, che si rivelano devianti.

E’ questo il caso della ricerca dell’autonomia personale, diffusa a partire dal dopoguerra. L’indipendenza è diventata un vero e proprio ideale nella società contemporanea.

Il consumismo ci spinge verso l’indipendenza e quindi l’isolamento per modificarci in consumatori prima che cittadini, individui e non comunità.

Naturalmente, il raggiungimento dell’autosufficienza è un passo fondamentale nello sviluppo psico-emotivo dell’essere, l’autonomia diventa però contestabile, nel momento in cui rappresenta l’unico modello di vita accettabile.

Una volta schiacciate tutte le relazioni ogni uomo è solo e non c’è più modo di costruire ed esprimere alcuna metamorfosi.

Secondo Hegel, il progresso si snodava attraverso il legame tra servo e padrone e attraverso l’insurrezione che l’essere umano manifestava nel momento in cui si rendeva conto di essere vessato. Quando però l’oppressione non deriva dalla struttura del sistema tutto, la rivoluzione diventa inattuabile.

L’esaltazione dell’indipendenza si accompagna alla negazione del naturale bisogno di appartenere all’altro, e la tendenza a vederlo anzi come una volubilità.

Se necessiti degli altri per raggiungere i tuoi obiettivi sembra che questi perdano di valenza, che ci sia, assieme all’appagamento, una parte rilevante di disagio e imbarazzo.

In questa società, la libertà acquisisce un’accezione differente: divenire libero da, inteso come il raggiungimento della privazione dell’interrelazione.

I legami vengono sconfitti, primi fra tutti quelli amorosi.

In un contesto in cui il merito si persegue con l’attuarsi dell’essere soli, prediligere la condivisione della propria essenza affidandosi a qualcun altro, non può che risultare un limite.

Argomenti in questo articolo
Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
L'acquisizione di maturità
23 Luglio 2024

L’acquisizione di maturità

Ogni anno, a giugno, il tema degli esami di maturità torna sui giornali con le  previsioni e i commenti sugli argomenti dei temi, con le interviste agli esperti che suggeriscono le strategie di studio e…

Scala Griffiths cosa è
23 Luglio 2024

Scala Griffiths: valutazione dello sviluppo infantile

La scala Griffiths è uno strumento fondamentale per la valutazione dello sviluppo infantile, utilizzata da decenni in ambito pediatrico e psicologico. Sviluppata negli anni ’50 da Ruth Griffiths, questa scala rappresenta un punto di riferimento…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Le Ultime dall'Italia e dal Mondo
Leggi tutti gli articoli
Scala Griffiths cosa è
23 Luglio 2024

Scala Griffiths: valutazione dello sviluppo infantile

La scala Griffiths è uno strumento fondamentale per la valutazione dello sviluppo infantile, utilizzata da decenni in ambito pediatrico e psicologico. Sviluppata negli anni ’50 da Ruth Griffiths, questa scala rappresenta un punto di riferimento…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.