Vaso di Pandora

Psicologia forense: il potere della mente nella risoluzione dei reati

Grazie a libri gialli e film polizieschi, il mondo criminale non è mai stato così vicino alle nostre vite quotidiane. Spesso in essi si intravedono figure che supportano la polizia, gli avvocati e i giudici nei processi giudiziari, dando una consulenza psicologica sul caso. Quella che entra in campo in queste situazioni è la cosiddetta psicologia forense, una branca della psicologia con delle particolari caratteristiche legate all’universo giuridico. Le sue applicazioni sono diverse ed è spesso confusa con altre discipline: vediamone le peculiarità.

Che cos’è la psicologia forense

Secondo il vocabolario Treccani, si può definire psicologia forense la “dottrina che ha per oggetto lo studio dei fenomeni psicologici e psicopatologici in rapporto all’applicazione delle norme giuridiche, nei differenti campi del diritto”. Per semplificare, dunque, si tratta di un’area della psicologia che tratta i processi cognitivi relativi ai diversi aspetti della dimensione giuridico-forense.
Si tratta di una professione altamente multidisciplinare che vede coadiuvare diritto penale e criminologia alla psicologia tradizionale. Questa viene richiesta nei casi giudiziari per, ad esempio, valutare psicologicamente l’imputato, dare al giudice una consulenza tecnica sui fattori concomitanti il reato, pareri sul trattamento, attendibilità dei testimoni e delle vittime, supporto agli organi di polizia e così via. A questa può essere associata la psichiatria forense, che studia i risvolti medico-legali delle problematiche forensi.

Cosa fa uno psicologo forense

Lo psicologo forense opera dunque in quegli ambiti di applicazione del diritto e di esercizio della giustizia. Si tratta infatti di figure come Consulente Tecnico d’Ufficio (CTU) o Consulente Tecnico del Pubblico Ministero (CTPM) o ancora Consulente Tecnico di Parte (CTP). Avendo questo ruolo nei processi giudiziari, lo psicologo forense deve quindi avere ottime basi non solo di psicologia cognitiva, sociale, evolutiva, dinamica e della personalità, ma anche avere conoscenze in materia di etica, regole e prassi giuridiche. Tra le sue competenze specifiche, rientra un’attenzione per aspetti come la salute mentale, la simulazione di sintomatologie psichiche, i benefici collegati alla pena e la pericolosità sociale dell’imputato.
Il contributo dello psicologo forense può quindi essere richiesto, nell’ambito di un processo giudiziario civile o penale, dal giudice, dal magistrato o da un avvocato, così che egli possa fornire risposte utili ai loro quesiti al fine di formulare un giudizio. Altri contesti professionali tipici di questa figura possono essere gli istituti carcerari e riabilitativi o, al contrario, in associazioni e realtà che si muovono a sostegno delle vittime di reati, come quelle di violenza domestica, o che si occupano dell’affidamento dei minori. Infine, lo psicologo forense in Italia può lavorare nelle ATS regionali, negli studi professionali, nella ricerca universitaria o in centri di studio privati.

Psicologia forense: perché è diversa da quella clinica e tradizionale

Nella psicologia forense è importante valutare tutti i fattori coinvolti in una situazione da ogni punto di vista e darne un senso nel loro insieme. Si può capire, quindi, come la metodologia di valutazione psicologica tradizionale non sia sufficiente per gestire le richieste consulenziali giudiziarie. Ad essa, infatti, si affiancano le informazioni ottenute con altri strumenti della scienza forense o con test psicoattitudinali sottoposti agli imputati.
Inoltre, la psicologia forense si differenzia da quella clinica per diversi aspetti della natura della prestazione: per lo scopo (che è terapeutico per la psicologica clinica, mentre diagnostico per quella forense), per la volontarietà (lo psicologo forense lavora su mandato di una figura terza, non per volontà del paziente), per la minor autonomia (la valutazione forense è vincolata a regolamento e prassi giuridica) e per la prospettiva neutrale (l’imputato viene analizzato da diversi punti di vista, al contrario della psicologia clinica dove viene considerato solo il pensiero del paziente).

Psicologia forense o criminologia?

Non è raro che la psicologia forense venga confusa con la criminologia, soprattutto per come queste due professioni vengono rappresentate in libri, serie TV e film e per la struttura degli studi in materia in Italia: nel nostro Paese, infatti, le due discipline sono molto ravvicinate, a differenza di quanto avviene all’estero.
La psicologia forense, come si è visto, ha come scopo una diagnosi e si occupa delle dinamiche che coinvolgono i partecipanti a un processo, quindi non solo gli imputati, ma anche le parti lese, i testimoni, gli avvocati e persino il giudice. La psicologia criminale, invece, si concentra sull’autore del reato, di qualsiasi tipologia esso sia. La criminologia, infatti, studia i comportamenti criminali o, meglio, studia i reati, la loro epidemiologia (come si manifestano concretamente), i loro autori e i fattori di rischio, analizzando la connessione tra crimine, diritto e cultura.
Le due discipline, comunque, sono svolte spesso in parallelo, considerando che il maggiore campo applicativo di esse riguarda la questione dell’imputabilità di un individuo, seppur affrontandola da due angolazioni differenti.

Argomenti in questo articolo
Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
famiglia con bambini passeggia su un molo al tramonto
24 Maggio 2024

Siblings e Autismo: guida per famiglie e fratelli

Ricevere la diagnosi di autismo in un bambino rappresenta un momento delicato e significativo per tutta la famiglia, ed è importante in questa fase guidare alla comprensione e all’accettazione della condizione del bambino i cosiddetti…

donna sta per andare al wc
24 Maggio 2024

Vescica iperattiva psicosomatica: cause e soluzioni

Con vescica iperattiva si indica la condizione per cui si avverte il bisogno urgente e frequente di urinare, spesso accompagnato da incontinenza. Questa condizione non è solo la conseguenza di problematiche e disfunzioni fisiche, ma…

L'empatia: la relazione che cura
24 Maggio 2024

L’empatia: la relazione che cura

Il concetto di empatia venne introdotto da  Robert Vischer, filosofo tedesco e professore di storia dell’arte, a fine ‘800, deriva dal termine empátheia, ovvero «sentire dentro» e definisce la capacità di introiezione dell’oggetto artistico da parte dello spettatore

grooming
24 Maggio 2024

Grooming: riconoscere e prevenire l’abuso online

Il grooming è una forma di adescamento online che coinvolge i minori, con l’obiettivo di stabilire una relazione di fiducia per poi sfruttarli sessualmente. In un’era sempre più digitale, è fondamentale che genitori, educatori e…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Le Ultime dall'Italia e dal Mondo
Leggi tutti gli articoli
famiglia con bambini passeggia su un molo al tramonto
24 Maggio 2024

Siblings e Autismo: guida per famiglie e fratelli

Ricevere la diagnosi di autismo in un bambino rappresenta un momento delicato e significativo per tutta la famiglia, ed è importante in questa fase guidare alla comprensione e all’accettazione della condizione del bambino i cosiddetti…

donna sta per andare al wc
24 Maggio 2024

Vescica iperattiva psicosomatica: cause e soluzioni

Con vescica iperattiva si indica la condizione per cui si avverte il bisogno urgente e frequente di urinare, spesso accompagnato da incontinenza. Questa condizione non è solo la conseguenza di problematiche e disfunzioni fisiche, ma…

grooming
24 Maggio 2024

Grooming: riconoscere e prevenire l’abuso online

Il grooming è una forma di adescamento online che coinvolge i minori, con l’obiettivo di stabilire una relazione di fiducia per poi sfruttarli sessualmente. In un’era sempre più digitale, è fondamentale che genitori, educatori e…

strada di città affollata
23 Maggio 2024

Ansia sociale. 10 tecniche per superarla efficacemente

L’ansia sociale comporta il provare una paura intensa del giudizio altrui, tale da condizionare le interazioni sociali in maniera debilitante: come superarla?Noto anche come fobia sociale, questo disturbo può interferire significativamente con la vita quotidiana,…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd