Vaso di Pandora

Calendario visivo per l’autismo: come organizzare la routine

Per le persone con autismo, avere una routine strutturata e prevedibile può essere estremamente importante per ridurre l’ansia e favorire un ambiente confortevole. Un modo efficace per aiutare a organizzare la propria quotidianità in caso di autismo è il ricorrere a un calendario visivo.
Il calendario visivo risulta particolarmente efficace in caso di autismo, ma come funziona esattamente?

Cos’è un calendario visivo?

Un calendario visivo è uno strumento che utilizza immagini o simboli visivi per rappresentare eventi, attività o compiti in un determinato periodo di tempo.
Oltre che aiutare a ricordarsi degli eventi sporadici, a distribuire attività specifiche nel corso della settimana e organizzarsi al meglio per portare a termine tutti gli impegni presi, il calendario visivo risulta particolarmente utile per riuscire a fissare le varie azioni quotidiane in momenti specifici della giornata, facilitando la costruzione di una routine stabile.  

Questo strumento è particolarmente utile per le persone con autismo, che spesso fanno fatica a comprendere e seguire una routine attraverso istruzioni verbali o scritte e possono trarre beneficio quindi dalla tipica struttura grafica di questo calendario.

I benefici del calendario visivo in caso di autismo

L’utilizzo di un calendario visivo offre una serie di benefici significativi per le persone con autismo:

  • Chiarezza e predicibilità: un calendario visivo fornisce una rappresentazione chiara e visiva della routine quotidiana, immediatamente riconoscibile e più facile da ricordare, aiutando a ridurre l’ansia legata all’incertezza e offrendo una sensazione di controllo.
  • Struttura e organizzazione: il calendario visivo aiuta a organizzare le attività in modo strutturato e prevedibile, facilitando la transizione da un’attività all’altra senza stress e stimolando il rispetto di tempistiche prestabilite, allontanando le distrazioni.
  • Comunicazione non verbale: le immagini o i simboli visivi utilizzati nel calendario possono essere più facili da comprendere rispetto alle istruzioni verbali o scritte, favorendo la comunicazione e la comprensione soprattutto in caso di autismo.
  • Promozione dell’indipendenza: utilizzare un calendario visivo può aiutare le persone con autismo a sviluppare abilità di auto-regolazione e gestione del tempo, promuovendo l’indipendenza nelle attività quotidiane.

Come organizzare la routine con un calendario visivo

Utilizzare un calendario visivo per organizzare la routine quotidiana di una persona con autismo è molto semplice ed è importante incoraggiare chi soffre di questo disturbo e intraprendere quest’abitudine, guidandolo nella struttura dello stesso:

  • Selezionare le attività chiave: identificare le attività chiave o gli eventi della giornata che devono essere presenti in tutti – o quasi – i giorni del calendario, come svegliarsi, fare colazione, andare a scuola, fare i compiti, fare merenda, giocare e andare a letto.
  • Scegliere i simboli o le immagini: utilizzare simboli o immagini che siano facilmente riconoscibili e comprensibili per la persona con autismo è il primo passo da compiere quando si inizia a organizzare il calendario visivo. Questi possono essere, a seconda dei casi, simboli PECS (Picture Exchange Communication System), immagini stampate o fotografie reali delle attività o degli oggetti coinvolti.
  • Creare il calendario visivo: organizzare le immagini o i simboli su un pannello magnetico, una lavagna o una scheda con il giorno della settimana e l’orario è tra i modi più semplici ed efficaci per creare il calendario visivo. Le attività possono essere organizzate in ordine cronologico o attraverso l’utilizzo di simboli colorati per rappresentare categorie di attività (ad esempio, verde per le attività scolastiche, blu per le attività ricreative, rosso per i pasti, ecc.) e cui vengono poi associati i momenti di tempo relativi.
lavagna con puntine colorate
Utilizzare una lavagna magnetica, adesiva o con puntine colorata per organizzare e muovere i disegni relativi alle diverse azioni da svolgere nella propria quotidianità è un modo particolarmente efficace per strutturare il calendario visivo per le persone con autismo.

Come aiutare una persona con autismo a familiarizzare con il calendario visivo?

Una volta creato il calendario, seguendo le inclinazioni visive e organizzative che più si addicono alla persona specifica, è importante aiutare poi il soggetto autistico a familiarizzarci, così da poterlo utilizzare attivamente e in maniera sempre più autonoma.

  1. Spiegare il calendario al diretto interessato: mostrare il calendario visivo alla persona con autismo, spiegargli come utilizzarlo e aiutarlo nella gestione nei primi periodi di utilizzo è il primo passo da compiere. Questo includerà, ad esempio, fornire istruzioni chiare e semplici su come muovere i simboli o le immagini lungo il calendario per indicare l’inizio e la fine delle attività.
  2. Utilizzare rinforzi positivi: incoraggiare ed elogiare la persona ogni volta che segue con successo la routine utilizzando il calendario visivo lo aiuterà a provare interesse e convinzione nell’impiego dello stesso. Utilizzare rinforzi positivi, come adesivi o piccole ricompense, per motivare e incoraggiare la partecipazione è una strategia quasi sempre vincente.
  3. Aggiornare e adattare il calendario: assicurarsi di aggiornare il calendario visivo regolarmente per riflettere eventuali cambiamenti nella routine o negli eventi pianificati è necessario per renderlo uno strumento davvero utile. Adattare il calendario man mano, in base alle esigenze e alle preferenze individuali della persona con autismo è importante per permettergli di scoprire qual è il modo migliore per organizzare la sua routine e incoraggiarlo a utilizzare il calendario in maniera autonoma.

Offrendo chiarezza, struttura e predittibilità, il calendario visivo aiuta a ridurre l’ansia e a favorire un ambiente confortevole e prevedibile, particolarmente indicato alle persone autistiche.
Con il supporto adeguato e l’uso continuo del calendario visivo, le persone con autismo possono sviluppare abilità di auto-regolazione e gestione del tempo, migliorando così la loro qualità di vita e il loro benessere complessivo.

Potrebbe interessarti anche:

Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
Animal hoarding: una cucciolata di gattini
12 Aprile 2024

Animal hoarding: cos’è la sindrome di Noè?

L’espressiona animal hoarding si può tradurre in italiano con accumulo di animali. Il fenomeno non è molto noto nel nostro Paese, ma ciò non significa che non ci riguardi. Non è conosciuto non perché non…

Frasi del cappellaio matto: Alice con un coniglio in braccio
12 Aprile 2024

Le più iconiche frasi del Cappellaio Matto

Il Cappellaio Matto, senza ombra di dubbio, è uno dei più amati personaggi all’interno del coloratissimo mondo di Alice nel paese delle Meraviglie. Nonostante sia passato oltre un secolo dalla prima pubblicazione dell’opera di Lewis…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Le Ultime dall'Italia e dal Mondo
Leggi tutti gli articoli
Animal hoarding: una cucciolata di gattini
12 Aprile 2024

Animal hoarding: cos’è la sindrome di Noè?

L’espressiona animal hoarding si può tradurre in italiano con accumulo di animali. Il fenomeno non è molto noto nel nostro Paese, ma ciò non significa che non ci riguardi. Non è conosciuto non perché non…

Frasi del cappellaio matto: Alice con un coniglio in braccio
12 Aprile 2024

Le più iconiche frasi del Cappellaio Matto

Il Cappellaio Matto, senza ombra di dubbio, è uno dei più amati personaggi all’interno del coloratissimo mondo di Alice nel paese delle Meraviglie. Nonostante sia passato oltre un secolo dalla prima pubblicazione dell’opera di Lewis…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd