Vaso di Pandora

Binge eating, perché ci si abbuffa di cibo? Di che si tratta e che percorso intraprendere

Perché ci si abbuffa di cibo? È una domanda a cui in molti vogliono trovare risposta, soprattutto chi soffre di binge eating desorder e non riesce, se non dopo un percorso specifico, a trovare risposta al quesito. Ma andiamo per gradi.

Il Binge eating è in particolare un disturbo da alimentazione incontrollata che rientra all’interno dei disturbi del comportamento alimentare caratterizzato da ricorrenti abbuffate di cibo. Per essere sicuri che si tratti del disturbo vero e proprio gli episodi dovranno verificarsi per almeno tre mesi consecutivi, con una cadenza di “caduta” nel vortice delle abbuffate almeno di due volte a settimana. Riconoscere chi soffre di disturbo non è facile, perché anche qualora si trattasse di persone con notevoli problemi di peso, queste ultime tenderanno a nascondere la problematica o, addirittura a non riconoscerla.

Le origini della patologia hanno diverse origini, il binge eating è infatti legato a diversi fattori. Spiccano, tra le casistiche riscontrate nel corso degli anni, i problemi familiari, ma anche personali, ambientali e sociali. A livello psicologico, invece, il binge eating “colpisce” molto spesso chi ha difficoltà a gestire le proprie emozioni, chi ha bassa autostima, chi ha problemi relazionali e molto altro. Le testimonianze narrano di persone che mangiano fino a stare male per poi provare un grande senso di colpa che però non alleggeriscono i sintomi, al contrario, peggiorano con il tempo, andando ad entrare in un circolo vizioso.

I rischi sono molteplici e influiscono non solo a livello psicologico, ma anche a livello fisico andando a impattare sul cuore, ma anche sui polmoni e rendendo probabili problematiche legate al diabete, ma anche all’ipertensione. Per uscire da questo stato è necessario un approccio che abbracci sia la terapia, sia un nutrizionista che possa contribuire ad intraprendere un percorso di rieducazione alimentare. Il percorso è molto difficile, il consiglio infatti è quello di condividere con i propri cari le problematiche così da non affrontare da soli tutti gli ostacoli che si presenteranno dinanzi a chi ne è affetto che, soprattutto nella prima fase, tenderà a voler tornare sui propri passi per “sentirsi appagato”, nei momenti più difficoltosi.

Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
L'acquisizione di maturità
23 Luglio 2024

L’acquisizione di maturità

Ogni anno, a giugno, il tema degli esami di maturità torna sui giornali con le  previsioni e i commenti sugli argomenti dei temi, con le interviste agli esperti che suggeriscono le strategie di studio e…

Scala Griffiths cosa è
23 Luglio 2024

Scala Griffiths: valutazione dello sviluppo infantile

La scala Griffiths è uno strumento fondamentale per la valutazione dello sviluppo infantile, utilizzata da decenni in ambito pediatrico e psicologico. Sviluppata negli anni ’50 da Ruth Griffiths, questa scala rappresenta un punto di riferimento…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Le Ultime dall'Italia e dal Mondo
Leggi tutti gli articoli
Scala Griffiths cosa è
23 Luglio 2024

Scala Griffiths: valutazione dello sviluppo infantile

La scala Griffiths è uno strumento fondamentale per la valutazione dello sviluppo infantile, utilizzata da decenni in ambito pediatrico e psicologico. Sviluppata negli anni ’50 da Ruth Griffiths, questa scala rappresenta un punto di riferimento…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.