Vaso di Pandora

“Arte che cura” a Palazzo Fieschi: cogliere le occasioni!

Una delle cose che sento di aver compreso, lavorando per tanti anni con le persone sofferenti, è che se tu offri loro un’opportunità, esse la colgono. So che può sembrare banale detto così, ma in realtà non lo è affatto. Molto spesso la sofferenza induce uno stato di immobilità difficile da smuovere.

Le persone sembrano non voler avere nulla a che fare con chi gli sta intorno, e preferiscono rinchiudersi in mondi claustrofobici e soffocanti che loro sentono, paradossalmente, più sicuri e tranquillizzanti, forse. Per cui il resto, cioè ciò che è ignoto, spaventa a prescindere. Quello che può suscitare emozioni, anche nuove, può apparire come una minaccia, poiché mette in contatto con un mondo percepito come persecutorio, invadente, traboccante.

È come se mancasse loro una chiave, una qualsiasi chiave, che sia in grado di aprire quella porta che pare. nascondere terrori senza nome. Perché ciò che è al di là lo si osserva dal buco della serratura, e quello che si vede è un mondo circoscritto, un punto di vista stretto nella sua parzialità.

Circa un mese fa arriva in comunità una nuova paziente. Si decide in equipe che io sarò il suo psicologo di riferimento.

La persona è ben curata nel vestire, pulita, forse anche troppo visto che fa circa quattro docce al giorno. Le propongo un colloquio di reciproca conoscenza per spiegarle chi sono e quale sarà il mio ruolo, come lavoriamo in struttura e chi saranno le altre persone che, insieme a me, si occuperanno di lei. Dopo questa breve introduzione le chiedo di parlarmi un po’ di lei, di raccontarmi qualcosa di se stessa. La paziente mi guarda negli occhi molto intensamente e poi mi dice qual è la sua diagnosi. Basta. Io la osservo e la invito a dire qualcos’altro, ad allargare, anche di poco, i suoi orizzonti. Allora, sempre in maniera piuttosto succinta, mi parla della sorella e della madre, e del loro rapporto fra alti e bassi. A quel punto le chiedo: “Ma lei ha qualche interesse?”, lei risponde subito “Sì, scrivo poesie!”. Io sorrido e dentro di me dico “Bingo!”. Le chiedo se ha qualche verso da mostrarmi, ma lei non ha con sé il suo quaderno al momento. Le chiedo di cosa ha bisogno: “Un block notes non troppo grande e una penna”. Glieli faccio recapitare e all’incontro successivo, quando entra per il colloquio, mi dice “Dottore, ho scritto alcune poesie!”. Me le legge e scopro un mondo non solo interessante, ma vasto e profondo. Quella donna così taciturna parla in modo strepitoso attraverso la sua creatività, attraverso la sua arte. La invito a partecipare al gruppo “Arte che cura” e le sue poesie diventano il manifesto di un sentire comune. Lei ha colto la possibilità. L’arte è il modo che ha trovato per esprimere le sue emozioni, il suo sentire. Scrivere diventa un ponte tra lei e il mondo, la mette in contatto con gli altri. Questo le ha permesso non solo di scrivere, ma anche di dipingere il suo sentire sul diario di bordo, scrigno itinerante di un sentire più ampio.

Quello che è accaduto a lei, è accaduto anche ad altri.

Persone che credono di non avere talenti, ma che poi si stupiscono delle proprie capacità e del fatto che mettersi in gioco, se si è positivamente sostenuti, paga da molti punti di vista. Socialità, autostima, condivisione e fiducia. Ma forse sono troppo ottimista…oppure no?

Condividi

Commenti su "“Arte che cura” a Palazzo Fieschi: cogliere le occasioni!"

  1. No,non sei ottimista ; sei generoso ovvero in grado di donare agli altri la possibilità di esprimersi e di essere apprezzati per quello che sono.
    Questo presuppone una capacità di scoprire i segreti che ciascuno di noi nasconde anche a se stesso per timore die essere deluso ulteriormente
    Avete e cura è un binomio fondamentale per permettere alle emozioni di venire alla ribalta e essere nominate.

    Rispondi

Lascia un commento

Leggi anche
uomo si gratta la testa guardando fuori dalla finestra
28 Maggio 2024

Tricotillomania: cos’è e come trattarla

Cos’è la tricotillomania esattamente? In questo articolo andremo a esplorare i sintomi, le cause e le strategie di trattamento di questa condizione poco nota rispetto ad altri disturbi della categoria ossessivo-compulsiva (DOC), cui appartiene anche…

due donne comunicano tra loro gesticolando
28 Maggio 2024

Comunicazione paraverbale: di che si tratta?

Molti di noi non sanno esattamente cosa sia la comunicazione paraverbale o non ne hai mai sentito parlare prima. Eppure, con comunicazione paraverbale si indica un aspetto fondamentale della comunicazione umana. Questa si compone di…

Due esperienze in CT di Roma
28 Maggio 2024

Due nuove esperienze in CT di Roma

Nel corso dell’ultimo anno, mi sono recato in due Comunità Terapeutiche facenti parte del DSM della Asl Roma 1, in qualità di volontario, in base all’esistenza di una Convenzione tra la Asl Roma 1 e…

extrasistole e ansia
28 Maggio 2024

Extrasistole e ansia: come capire il collegamento

Il cuore, motore instancabile del nostro corpo, scandisce il ritmo della vita con una precisione sorprendente. Tuttavia, a volte, questa armonia può essere interrotta da un battito improvviso e inaspettato: l’extrasistole. Questa sensazione, spesso descritta…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Cultura
Leggi tutti gli articoli
Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd