trasmissione


Qualche stimolo dal MURAKAMI di “Kafka sulla spiaggia”

L’ho riletto con calma estiva. E’ tutto un saltare da un iper-realismo, un po’ alla Joyce con la minuziosa descrizione di una quotidianità indugiante perfino sui vari cibi, al visionario, al metaforico. Ciò è sintetizzato già nel titolo, a cavallo fra l’atmosfera kafkiana e la realtà iper-familiare della spiaggia.