gruppo


Arte e cura, un progetto “covid-free” del Gruppo Redancia

La pandemia non fa bene a nessuno ma, per i nostri pazienti, la dimensione di chiusura oggi conferma i loro timori di un mondo ostile e pericoloso e rischia di confinarli in un contatto impossibile con l’altro; il “fuori” incarna paure che non sono più il fantasma generato dalla malattia ma diventano reali e condivisibili. Siamo tutti in balia di un nemico invisibile, un nemico che appartiene alla realtà oggettiva.