Cultura


Sentieri… di cura e talvolta di salvezza

Questa è l’opera creata sotto la guida del Maestro Guido Garbarino dagli ospiti della Ct Casa Pero e Montezemolo.
Opera conclusiva del laboratorio svolto al Museo della Ceramica di Savona. Nell’ultimo laboratorio ognuno ha fatto una mano, ha inciso la terra con il proprio calco, dando poi la forma desiderata, l’argilla si lascia plasmare, modificare, interpretare.



Opera prima : Luce dalle crepe

Armando, Giacomo, Marcello e Mia l’alter ego amica del cuore delineano il percorso personale e professionale della protagonista Cecilia che si sviluppa  attraverso emozionanti e coinvolgenti ritratti ambientali.


Mare: memoria antica dell’uomo

Debora Tancredi - 6 Ottobre 2021 - - Nessun commento
Mare: memoria antica dell’uomo

Il 18 Ottobre alle 15.00 si inaugura presso la Piccola Galleria di Corso Italia a Savona, la mostra della conclusione dei Laboratori svolti presso la Pinacoteca-Museo della Ceramica di Savona.


Fra Joyce, Proust, Freud

Pasquale Pisseri - 17 Settembre 2021 - - Nessun commento
Fra Joyce, Proust, Freud

La psicanalisi non nasce in un vuoto culturale: se da un lato si ispira all’ideologia positivistica, cercando una legittimazione scientifica, dall’altro prende forma e fa in qualche modo da cerniera in una fase storica in cui l’interesse del mondo della cultura e della creatività si rivolge all’esame dell’interiorità, alla soggettività anche irrazionale e inconscia, al suo declinarsi nel tempo.


Background culturale e operare psichiatrico

Pasquale Pisseri - 5 Settembre 2021 - - Nessun commento
Background culturale e operare psichiatrico

Da un secolo o poco più letteratura, poesia, arte hanno abbandonato ciò che è descrizione conclusiva, definitoria, realistica anche se non necessariamente fedele alla realtà. I parametri di questa venivano comunque rispettati, ciò che caratterizzava nell’800 la forma romanzo e il realismo figurativo.


Arte che cura

Redazione - 27 Agosto 2021 - - Nessun commento
Arte che cura

Vi presentiamo il video del Progetto Arte che cura!


Qualche stimolo dal MURAKAMI di “Kafka sulla spiaggia”

L’ho riletto con calma estiva. E’ tutto un saltare da un iper-realismo, un po’ alla Joyce con la minuziosa descrizione di una quotidianità indugiante perfino sui vari cibi, al visionario, al metaforico. Ciò è sintetizzato già nel titolo, a cavallo fra l’atmosfera kafkiana e la realtà iper-familiare della spiaggia.



Il Venerdì pomeriggio a Casa Mioglia

A Casa Mioglia il gruppo “Arte Che Cura” è composto da pochi ospiti. Attualmente la stagione estiva, consentendo di lavorare all’aperto, stimola la curiosità e, qualche volta, il coinvolgimento di altri ragazzi che transitano vicino al gruppo.