Storie



Io, primo laureato autistico

Anna Maria Gioia - 6 Marzo 2014 - - Nessun commento
Io, primo laureato autistico

Ciò che colpisce della storia di Pier, trentatreenne autistico laureato in Pedagogia, è la speranza.


Chi parte e chi arriva… stanze di quotidiana Comunità

R. è stata dimessa pochi giorni fa. E’ andata a casa sua, dopo 5 anni passati in OPG e 3 in Comunità, con un pesantissimo reato sulle spalle. Una dimissione “da manuale”, con servizio territoriale competente e collaborante, con un utilizzo ottimale dello spazio di cura offertole.
E’ a casa senza vincoli Giudiziari, il difficile […]



Le favole di Nicora tra metafora e fantasia

Dario Nicora - 20 Novembre 2013 - - Nessun commento
Le favole di Nicora tra metafora e fantasia

Le favole di Nicora tra metafora e fantasia
La chiocciolina

Un giorno di primavera una giovanissima chiocciolina si presentò al mondo, vedeva gli altri correre di qua e di là e si chiedeva chi fosse, cercava qualcuno a cui chiedere informazioni, ma tutti andavano troppo veloci.
Per quanto si sforzasse, non riusciva a tenere il passo di […]


Marco Cavallo: un simbolo per chi?

Monica Carnovale - 14 Novembre 2013 - - Nessun commento
Marco Cavallo: un simbolo per chi?

Quando Marco Cavallo prendeva forma io avevo 10 anni. Nel manicomio di Trieste, Tinta guardava con occhi di bambino la sagoma di cartapesta che prendeva forma nelle mani degli artisti e dei volontari che ci credevano, insieme a Basaglia.


Il bambino che non sente il dolore

Luca Modolo - 31 Ottobre 2013 - - Nessun commento
Il bambino che non sente il dolore

Dall’inizio della vita del bambino la sensibilità intera, ineludibilmente da quella  dolorifica, cattura, registra gli input del mondo circostante intervenendo nella costruzione intrapsichica dei limiti e dei confini di un corpo che si articola con il mondo esterno.
La sensibilità dolorifica comprende una componente deputata agli aspetti sensitivo-discriminativi del dolore, afferente alla corteccia sensitiva, che […]


“La via del mare”

Valeria Castagnola - 19 Settembre 2013 - - 1 Commento
“La via del mare”

“Da terra conviene progettare la rotta
se si riesce a farlo destramente
ma quando si è per mare
bisogna correre col vento che c’è”
Alceo VII a.C.

Conosco Alessandro il 1 aprile 2011, il mio primo turno nella comunità terapeutica dove tuttora lavoro, il mio primo ingresso in una struttura che ospita dei minori […]


Aggressività e dipendenza: relazioni complicate

Da molti anni l’AIDS ha ucciso Lello. L’ho conosciuto nell’80, aveva pochi anni meno di me. Allora i drogati pervadevano il servizio, assai poco strutturato, senza un accenno all’importanza di un setting adatto a un contatto, colloquio ma anzi un inno al disordine, quasi fosse un omaggio e una aderenza alle idee basagliane (citazione di […]


Storie di vita quotidiana

Due storie di vita quotidiana
La comunicazione tra sani e malati

di Roberta Antonello

La prima è di ieri.

Livia 60 anni, grave depressa con un lungo passato in clinica e nei vari presidi e tuttora in un centro diurno, viene con un regista, videomaker, una giovane psicotica Silvia, un altro ospite di comunità terapeutica, […]